Lightbox Effect

lunedì 26 gennaio 2015

Frittelle vegan


Così tra una festa e l’altra, come sempre siamo arrivati a Carnevale, e malgrado i buoni propositi di non friggere, alla fine non ho resistito alla tentazione di provare a sperimentare qualcosa di nuovo. Quest’anno  ho deciso che nessuno  mangerà frittelle fatte con le mie mani se non vegane!
Volete le frittelle? O così o la pasticceria, sono stata assolutamente irremovibile;)  Non so quindi se questa  strada piano piano stia facendo proseliti, o se semplicemente si trovino costretti ad adeguarsi ai miei out out, comunque  sia, per una ragione o per l’altra, almeno io sono felice!
Tra l’altro non mi pare di aver notato espressioni di infelicità in nessuno che le abbia assaggiate.
Le frittelle vegane sono buonissime e non hanno nulla da invidiare a quelle tradizionali. L’importante è aromatizzarle sufficientemente, io uso frutta e aromi naturali, come la vaniglia e il rum e nient’altro. Sono veramente buonissime, croccantine fuori e morbide dentro,  nessuno sentirà la differenza! garantito! Quindi siete liberi di confessare o meno, a voi la scelta ;)

Frittelle vegane 
Ingredienti

farina 00: 250 gr
tofu morbido: 85 gr
crema: 30 gr (io crema Alpro alla vaniglia) facoltativa!
uvetta: 200 gr
zucchero semolato: 60 gr
latte di soia leggermente dolce: 150 gr
sale: due pizzichi
arancia bio: la buccia grattugiata di due
limone bio: la buccia grattugiata di uno
aroma al rum: 1 fialetta
rum (liquore): un tappino
estratto di vaniglia: un cucchiaino
lievito di birra secco: 2 gr
acqua: qb
olio di arachidi per friggere: ½ litro circa

Procedimento
La sera prima:
Far ammollare l’uvetta in acqua tiepida per una mezz’ora, poi strizzarla ed asciugarla bene.
Frullare il tofu con lo zucchero, l’aroma al rum, il sale e l’estratto di vaniglia fino a farne una crema liscia. Una volta pronta amalgamare la crema alla vaniglia (se non ce l’avete, fate 100 gr in totale di tofu morbido)  Setacciare la farina aggiungere il lievito secco e mescolare bene. In una terrina ampia, unire alla crema di tofu la farina poca alla volta, alternandola al latte di soia a temperatura ambiente) Unire anche il liquore (rum) e la buccia degli agrumi grattugiata. Alla fine unire l’uvetta e la mela grattugiata (privata della buccia). Dovete ottenere una pastella morbida ma non troppo liquida. Solo se necessario aggiungere poca acqua.
Coprire con pellicola e lasciare lievitare per tutta la notte e oltre, 12/13 ore circa. La mattina dopo, scaldare l’olio in un pentolino profondo e non molto grande. Portarlo a 160° e cuocere le frittelle facendo cadere l’impasto da un cucchiaio. Cuocere finchè saranno ben dorate. Quando sono tiepide ma non fredde, passarle nello zucchero semolato.

Alcune annotazioni: importantissima la temperatura dell’olio che deve rimanere costante. Se troppo alta le frittelle scuriranno esternamente ma non cuoceranno all’interno.
Ho usato solo due grammi di lievito e ho lasciato lievitare a lungo, io preferisco così! Se avete fretta, aumentate la dose del lievito, circa 4 gr e lasciate lievitare 3 / 4 ore circa. Importante che l’impasto sia ben aromatizzato, volendo si possono aggiungere anche dei pinoli.

Buona settimana a tutti, un bacio e al prossimo post!