Lightbox Effect

giovedì 12 agosto 2010

Torta di Pesche

Big ben ha detto stop


Non so voi, ma io, Portobello lo guardavo eccome...
E tutte le volte che lo sfortunato di turno tentava in ogni modo di far pronunciare al pennuto la tanto sospirata parola...beh ecco, me ne rimanevo lì, col fiato sospeso, neanche fossi stata in attesa di una rivelazione di importanza mondiale.
Fatto sta che mi sembrava impossibile che quel pappagallo testone non riuscisse a pronunciare una parola tanto semplice.
Sarà stato che vicino a casa ne avevo uno che parlava che era una meraviglia, ma io proprio non mi capacitavo di tanta reticenza.
Ma quello che ancora non sapevo e che avrei imparato solo più tardi, è quanto possa essere difficile riuscire a far parlare anche le persone.
A casa vostra non so, ma di sicuro, nella mia, i discorsi sono considerati una specie di area off limits dove ci si avventura molto di rado e solo se sotto tortura!
D'accordo e questo l'ho capito........
Ma bisogna proprio estendere il divieto tanto da rendere impossibile anche una semplicissima frase di risposta?
Successe per esempio che l'altro giorno mia madre chiese a qualcuno se si fosse ricordato di pagare la bolletta della luce.
Un "nn ....rto.....cci....tu.........." ricevuto in cambio, dopo una rapida consultazione telefonica con me, fu codificato come un "si, si, non preoccuparti"
Ma ci accorgemmo presto di aver sbagliato a decifrare il codice quando mia madre mi telefonò dicendo che era completamente al buio!
E scoprimmo solo più tardi che quello che noi ingenuamente avevamo preso come un si, era in realtà un "non ho avuto tempo, vacci tu!"
Non parliamo nemmeno di quando chiedo se qualche torta che ho fatto è piaciuta....cominciano una serie di gmmmmmm....fstr....mmmnnngr....... che mi lasciano sempre nel dubbio!
Non potete nemmeno immaginare quindi il mio stupore quando qualche tempo fa preparai questa torta.
Fu una serie di: "buonissima", "stupenda" e "troppo buona", che non richiesero nemmeno l' ormai consueta e noiosa fase dell'interrogatorio preliminare.
Fu una confessione spontanea collettiva e questo credete, non era mai successo.

Ora, non voglio prendermi meriti che non ho, stavolta sono solo "l'esecutrice materiale" di questa bontà.
La ricetta è tratta da Sale e Pepe e io la riporto pari pari perchè è perfetta.
L'unica cosa che mi prendo come merito è la voglia di sperimentare che mi spinge a provare tante cose.....molte, lo sapete bene anche voi, non sono degne di nota, altre sono dei veri falimenti. Ma qualche fortunatissima volta si trovano ricette che funzionano a meraviglia, come questa che ritengo una vera e propria conquista.....
Vorrei trovare le parola per convincervi di tanta bontà, ma so che non ci riuscirò.....
Stavolta non ho nemmeno una foto accattivante perchè per quanto abbia provato e riprovato a fotografarla, non ne voleva proprio sapere di fare un'espressione convincente.....
Quindi posso contare solo sul vostro spirito di intraprendenza e sulla curiosità....
Mi appello ancora una volta alla vostra voglia di "vita spericolata tra i fornelli!"
Non ne rimarrete delusi......
Questa è proprio quella che si può definire una "torta che farà parlare!"


Torta di Pesche

Ingredienti
Per la pasta brisè

farina00: 200 gr
burro: 100 gr freddo e a pezzetti
acqua freddissima: 2 cucchiai
sale: un pizzico

Per la torta

pesche mature: 4 (o 5 se piccole)
uova: 2
zucchero: 115 gr
farina 00: 4 cucchiai
acqua di rose: 1/2 cucchiaino
burro: 110 gr

Procedimento

Innanzitutto preparare la pasta brisè. Mettere farina, burro e un pizzico di sale nel robot e azionarlo per poco, non più di un minuto per amalgamare gli ingredienti. Aggiungere l'acqua freddissima e azionare il robot finchè si forma un impasto omogeneo.
Azionate ad intermittenza e il meno possibile per non scaldare l'impasto. Poi prelevarlo , chiuderlo nella pellicola e metterlo in frigo per un'oretta.
Trascorso questo tempo, foderare una tortiera da 25 cm di diametro con carta forno, e ungetene i bordi con burro e spolverizzate di farina
Stendere la pasta brisè sottile tra due fogli di carta forno con il mattarello e trasferirla nella tortiera.

Rimettere in frigo per altri 30 minuti
Cuocere in bianco la base, dopo averla bucherellata con i rebbi di una forchetta, rivestita con un foglio di carta forno stropicciata e riempita di fagioli secchi o riso (crudo!)
Lasciare nel forno preriscaldato a 180° finchè sarà cotta ( a me ci vogliono circa 30 minuti. Deve essere asciutta.) Togliere molto delicatamente la carta (attenzione perchè è molto friabile!)
Intanto che la base cuoce, procedete con la torta.
Lavare le pesche, asciugarle bene e tagliarle a spicchi grossi.
Adagiare gli spicchi, con la parte tagliata rivolta verso l'alto, sulla base di brisè cotta, disponendoli vicini, a raggera, e riempiendone il centro con spicchi tagliati a metà
Riempite bene con le pesche.
Lavorare le uova a temperatura ambiente con lo zucchero semolato sulla planetaria, o con un frullino elettrico, fino ad avere un composto chiaro e spumoso.
Incorporare delicatamente la farina mescolando dall'alto verso il basso e infine l'acqua di rose.
Scaldare il burro in un pentolino su fuoco alto e quando inizia a sfrigolare versarlo sulla massa di uova e zucchero continuando a lavorare per un minuto.
Versare il composto sulle pesche ed infornare per 30 minuti. Poi coprire con carta stagnola e cuocere per altri 15 minuti.
Lasciare raffreddare, infine spolverizzare di zucchero a velo. La ricetta suggerisce di servirla con panna montata, per me è già perfetta senza panna, ma de gustibus......

Alcune annotazioni importanti

Se non avete l'acqua di rose, sostituitela con qualcos'altro che vi piace tipo acqua di fiori d'arancio, ma anche senza aggiunte questa torta è buonissima comunque.
Per quanto riguarda la tortiera vi do alcuni suggerimenti.
La crema montata è abbastanza voluminosa. Ricopre le pesche completamente e quindi il bordo della pasta brisè dev'essere abbastanza alto per poterla contenere tutta.
La prima volta l'ho fatta più bassa ed è fuoriuscita un pò.
Per questo io uso una tortieta col bordo alto a cerniera e l'altezza del bordo della brisè arriva ad essere di 2,5 se misurata internamente, se la misurate esternamente sarà 3 cm (non ho proprio misurato, vado a occhio)
Inoltre prestate molta attenzione perchè la torta è molto friabile e trasferirla dalla tortiera al piatto è un'operazione da non sottovalutare se non volete ritrovarvi con una torta irrimediabilmente rotta.....
Se proprio dovete trasferirla fatelo solo quando è fredda completamente e con molta delicatezza.

Con questa ricetta partecipo al bellissimo contest di Ti cucino così

43 commenti:

  1. E' fantastica! Potrei dire che è buona anche senza averla mangiata, perchè solo la foto mi ha convinta, al contrario di quel che dici tu io l'espressione convincente la vedo...quel ripieno morbido...quell'esterno friabile...mmmm...che delizia per il palato...non posso non provarla al più presto, ho delle persche buonissime in casa, e vorrei far rientrare questo capolavoro tra le "mie" ricette migliori. Se ce la farò...grazie in anticipo, sei stata bravissima!

    RispondiElimina
  2. Tesoro, sei una persona simpaticissima e i miei complimenti per questo capolavoro! Mi sembra già di sentirne il sapore e quella fetta mi sta facendo l'occhiolino! Mia cara, non vedo l'ora di provarla, quindi mi segno la ricettina! Grazie e un forte abbraccio

    RispondiElimina
  3. Sarebbe fantastica per stasera! Stavo giusto cercando di preparare qualche cosa per un invito a cena da amici!
    Non ho le pesche...uffina.
    Deve essere deliziosa e mi sta arrivando l'acquolina in bocca!
    Luciana

    RispondiElimina
  4. Sai che potresti fare politica? Sei estremamente convincente! :-) Oggi, poi, ho una tale fame che mi mangerei perfino il brodetto spartano di cui parlo nel mio post! Non so perché, mangiare ho mangiato, eppure... Vabbè, veniamo alle riflessioni "serie". E' vero, purtroppo tra esseri umani si comunica sempre meno, e questo è assurdo considerando che siamo nell'epoca della comunicazione globale! A volte si parla di più con una persona che non si conosce, nascosti dietro lo schermo di un computer, piuttosto che con un nostro familiare o con un collega di lavoro! Chissà, forse distribuendo in giro un po' di questa meravigliosa torta alle pesche risolviamo il problema! ;-)

    P.S. La tua prima mail l'ho ricevuta e ti ho risposto... Dopo non ho ricevuto più niente!
    Baci.

    RispondiElimina
  5. Viola esta es una torta deliciosa se me hace agua la boca. En cuanto comienze la temporada de los duraznos la voy a hacer.
    Besos

    RispondiElimina
  6. Si si mi hai convinta, parla da sola!
    Anche io oggi pomeriggio sono di dolci con le pesche, ma me ne sono avanzate parecchie e non avrò problemi a provare la tua stupenda torta.
    Un bacio e scusa, io sono sempre piuttosto logorroica :-))))

    RispondiElimina
  7. wow questa torta è perfetta, meravigliosa e golosa!!!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  8. Accidenti, per un attimo con lo sto del big ben ho pensato, tra il contenta e dispiaciuta, che andassi in ferie! Contenta per te, dispiaciuta per me che restavo senza la tua compagnia!!!
    Mi fai sempre ridere un monte con il racconti delle tue avventure/disavventure, mi sembra di rivederci mio padre, che risponde sempre a mezza bocca e il più delle volte capisce tutto il contrario. Ma nessuno ha pensato a fare un dizionario linguaggio in codice hihihihi?!?!?
    La torta invece parla chiaro, l'è bbbbonaaaaaaaaa! Mooooooooolto bbbbona! E se nonscappo subito addento il monitor a forza di riguardare quella fetta. Baci8lo stellina e grazie delle dritte ^__^

    RispondiElimina
  9. Conosco persone che parlano poco, bisogna che provi questa torta per vedere se riesco a fargli aprir bocca ma mi fido di te e della fetta, non ho dubbi!

    RispondiElimina
  10. Cara, questa ricetta mi fa venire proprio l'acquolina in bocca: un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Ciao Viola! Questa torta è molto molto molto golosa! Le pesche sono ottime e le torte alla frutta sempre molto gradite!
    La foto poi sembra parlare: sarà buonissima sicuramente!!!

    Ne prendo una fetta, grazie!
    Baci
    Minù

    RispondiElimina
  12. Uhuhuh...dolente tasto...mio marito è uguale..mugugna sempre e va a finire che succedono i casini.
    Anzi, va a finire che le cose le devo fare sempre io...
    Questa torta è sublime, deve essere di un friabile e cremoso...mmmmmmm...sgnamm....(mugugno pure io, eheheheheheh!!!!!!!!)

    RispondiElimina
  13. @Aria in cucina:grazie carissima, ti posso solo dire che anch'io l'ho messatra le ricette preferite. Spero che tu la faccia, sono sicura che ti piacerà.Un bacione
    @Lady Boheme: grazie per i complimenti carissima...se la provi fammelo sapere, ne sarei felice. Un abbraccio e a presto
    @Luci: in effetti a me piace tanto....spero che la proverai.....grazie e a presto
    @Lucia: tu sei sempre troppo carina, in realtà io non riesco a convincere nemmeno il gatto a rientrare la sera, figuriamoci....
    Comunque a casa mia ha funzionato, anche se solo per poco.....Grazie carissima, un bacione
    @Annie: grazie cara, sei troppo gentile.....
    @Arabafelice:a parte il fatto che non penso che tu sia logorroica, penso che siano spesso gli uomini ad essere troppo di poche parole. Con le donne di solito il problema non sussiste e se qualche volta parliamo troppo...beh, sempre meglio che non parlare mai! Grazie carissima....spero che la proverai....un bacione e a presto
    @Federica: grazie carissima, sei gentile. Un abbraccio
    @Federica: macchè, macchè, macchè, non vado in vacanza, sto qui con te! Anzi sai che si fa? Passo a prenderti e scappiamo io e te e un paio di pentole e ce ne andiamo da qualche parte al mare...non sia mai che ci viene voglia di cucinare, le pentole le abbiamo. Che dici? Magari si unisce qualcun altro.....mi sa che non siamo solo noi due....
    Baci carissima.....a presto
    @Tania: prova Tania, per me ha funzionato!poi fammi sapere che nel caso spargo la voce!
    Grazie carissima e un bacione
    @Nicol: grazie, sei troppo gentile. Ti abbraccio
    @Minù: beh, detto da te che sei super brava.....è un gran complimento. Grazie carissima. Ti abbraccio. A presto
    @Simo: grazie Simo....mugugna pure...ormai ci ho fatto l'abitudine eheheh.
    Bacioni carissima e a presto

    RispondiElimina
  14. Oh mio Dio, è una di quele torte che mi basta guardare per capire che è una meraviglia: friabile e con il cuore cremoso. Me la segno!

    RispondiElimina
  15. Sembra davvero ottima e se ha scucito parole così belle, allora é da provare! :D.
    Grazie della ricetta e un ciaooooooo

    RispondiElimina
  16. garn bella torta e poi con le pesce che è un frutta di stagione , grazie per avercela proposta

    RispondiElimina
  17. Muhh, ma ha un buon aspetto, brava...

    RispondiElimina
  18. Cara Viola, sei proprio simpaticissima; bellissimo il tuo post! La torta profumatissima e fragrante, complimenti cara, bravissima,come sempre!!!

    RispondiElimina
  19. la torta è buona, ma il racconto troppo divertente...

    RispondiElimina
  20. veramante bella questa torta e devo dire anche la storia a fare da cappello
    A parte gli scherzi complimenti!!

    cucinacasa.altervista.org

    RispondiElimina
  21. Eh cara, ma qui è la torta che lascia senza parole. Ha un aspetto davvero accattivante, bravissima!

    RispondiElimina
  22. viola tesoro quanto mi piacciono i tuoi post e poi se questa torta è riuscita a far "parlare di se" li dove di parole se ne dicono poche è davvero una goduria a cui nn mi sottraggo anzi la devo proprio provare!!!bacioni grandi imma

    RispondiElimina
  23. E si è un vero piacere leggere i tuoi post, la tua torta è favolosa, brava. con questa potrasti partecipare alla mia raccolta
    ciao ciao

    RispondiElimina
  24. si vede dall'espressione che questa torta è davvero buona! bravissima!Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  25. sono sicura che è fanastica questa torta le foto rendono giustizia; visto che hai utilizzato l'acqua di rose se vuoi la possiamo mettere nel contest se metti il link.un baciotto cara e complimentissimi!!!!

    RispondiElimina
  26. ciao Viola!
    Vediamo se oggi riesco a lasciarti il mio commento...ieri, putroppo, non ci sono riuscita...si bloccava tutto nel momento in cui appariva la "verifica visiva" e la parola da scrivere non usciva mai....

    Complimenti per questa torta...direi che..."parla da sola"!!!!...si si, mi sta dicendo: "mangiami, mangiami"!!! ihihihih

    Hai scritto che sei appassionata di giardino (oltre che di cucina).
    Io pure!!!!

    Ci risentiremo sicuramente presto,
    ciao, Mela!

    RispondiElimina
  27. Invitante!! Ottime spiegazioni!! Ciao!

    RispondiElimina
  28. La tua partenza da Portobello per arrivare dove sei arrivata mi ha davvero divertita. A te la favella non manca di certo! :D
    Mi immagino anche lo sconcerto e la sopresa per aver donato la parola a tutta la famiglia. Mi piace ocme scrivi! :)

    RispondiElimina
  29. Tesoro mio, buon week end anche a te! Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  30. Mooolto invitante questa torta, segnata....complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  31. Il merito te lo puoi prendere eccome!!!
    Oltre alle buone ricette a cui a volte ci ispiriamo ci vuole anche una certa abilità nella corretta preparazione!!!
    Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  32. io Portobello non lo ricordo ma questa torta la vedo benissimo, che delizia!!!
    Passo anche per augurarti buon Ferragosto e buone vacanze, ci rileggiamo a settembre.
    baciiiiiiii.

    RispondiElimina
  33. Ciao bimba...mi perdoni per lo scherzetto della focaccia? Stavo cominciando a scrivere il post ma invece di prendermi il tag blogger ha deciso di...pubblicare! E quando il blogroll deve tardare un attimino ad aggiornarsi...e te pare che non è puntuale?!?!?! Però promesso... prossimamente sugli schermi! Un bacione grande e buon ferragosto :X

    P.S. da te che aria tira! Qui ha appena smesso di piovere da stamattina!!!

    RispondiElimina
  34. My god, quelle tarte.
    De la pure gourmandise.
    Absolument magnifique.
    J'en aurai bien pris un morceau pour déguster.
    Bon weekend et à bientôt.

    RispondiElimina
  35. un grande ferragosto anche a te,fantastico come la tua ricetta.grazie per avermi lasciato il tuo commento,un abbraccio e a risentirci presto

    RispondiElimina
  36. une tarte aux pêches bien fondante et parfumée, j'en raffole
    un morceau ne serai pas de refus, j'adore
    bonne soirée

    RispondiElimina
  37. Cara Viola, per esperienza ti dico che ho finito da un pezzo di chiedere a chi offro le mie torte (non parlo della mia famiglia), come ti è sembrata? Le risposte erano sempre delle critiche non sempre costruttive, e degli appunti anche solo per sminuire quello che per me è il piacere di condividere. Ed allora io condivido senza chiedere nulla, basto io, che ti assicuro sono abbastanza critica con me stessa. La voglia che ho è quella di imparare. Mi sento felice da quando ho il blog perchè parlo con persone che hanno la mia stessa passione e da cui imparo e posso confrontarmi. Un bacio affettuoso e buon ferragosto

    RispondiElimina
  38. Bimbaaaaaaaaaaa ^__^ Non solo ci sono, passo pure col premio! Se vuoi e ti fa piacere prendi pure il premio che è sul mio blog ^_^ Con affetto

    RispondiElimina
  39. Ciao carissima, un grazie di cuore per le tue parole, all'inizio si ha sempre bisogno di un'incoraggiamento!!Diventeremo di sicuro amiche.Come te amo i gatti, la mia adesso è la regina della casa ma ha avuto un passato burrascoso,poverina!!!!Un grosso abbraccio da me ed un miaooooo grande dalla mia Kali!!!!

    RispondiElimina
  40. Secondo me manca qualcosa nell'elenco degli ingredienti del ripieno.

    E possibile ?

    RispondiElimina
  41. @Zucchero e cannella: no, no, ho controllato, c'è proprio tutto!
    Se hai dei dubbi contattami pure...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  42. Ciao Viola
    a me il ripieno sembrava una crema cotta, tanto sostenuta da rimanere alta e coprire le pesche.
    Forse dipende da quanto pesano i 4 cucchiai di farina.

    RispondiElimina
  43. @Zucchero e Cannella: allora, il ripieno di questa torta è formato da uova e zucchero montate molto bene,io le lavoro per circa 15 minuti con frullino elettrico o planetaria. Quindi risultano molto spumose e molto voluminose,arrivata a questo punto aggiungi piano piano la farina, senza smontare il composto,come fosse un pan di spagna, poi aggiungi a filo il burro fuso bollente facendo andare il frullino per un minuto. Alla fine il composto, se è ancora bello montato, ricopre completamente le pesche e la crema poi in cottura si addensa. Per questo ho scritto di fare i bordi abbastanza alti, per riuscire a contenere tutta la crema!
    Spero di esserti stata utile
    Se hai bisogno sono qui.

    RispondiElimina