Lightbox Effect

venerdì 15 ottobre 2010

Saor di zucca



Oggi un'altra ricetta veneta, così che, se doveste trovarvi a soggiornare dalle mie parti e vi trovaste al tavolo di un ristorante, in un bacaro, o anche solo al reparto gastronomia del supermercato, saprete cosa scegliere senza esitazione, con la certezza che vi scambieranno sicuramente per degli indigeni.
Il "saor" è un piatto antico, tipicamente veneziano, che conta in giro per l'italia cugini e parenti vari, ma questa è un'altra storia. Può essere a base di pesce, o di verdure e si prepara con cipolla, che gli orti delle isole della laguna producevano in quantità, spezie, e uvetta e pinoli nella versione più ricca, a testimoniare la vocazione di Venezia di essere porta per l'oriente.
Un piatto presente tutto l'anno nelle tavole dei veneziani, ma sicuramente immancabile durante i festeggiamenti per il  Redentore
E' un piatto che nasce con la necessità di conservare a lungo il cibo così da garantirne l'approvvigionamento ai marinai durante le loro lunghe permanenze in mare. Unitamente a questo deve la sua fortuna anche al fatto di aver rappresentato un efficace rimedio contro lo scorbuto grazie alle proprietà antibatteriche della cipolla.
La mia versione del saor, è con la zucca, ma in realtà tutto può essere preparato in saor, dal radicchio alle zucchine.
La ricetta, come sempre, ognuno la elabora un pò in base ai propri gusti, a seconda che si preferisca un sapore più o meno intenso e che si disponga o meno di tutti gli  ingredienti. La cucina tradizionale, quella povera soprattutto, si avvaleva dalle disponibilità del momento.
E così capiterà di trovare un saor senza pinoli, o con la cipolla cotta nel vino piuttosto che nell'aceto.
Io qui darò la mia versione, quella che ho sempre mangiato a casa e quella che ovviamente preferisco.
Saor di Zucca

Ingredienti
per 4 persone

zucca: 500 gr
cipolla bianca: 4 grandi
aceto di vino bianco: secondo i propri gusti, io 5 cucchiai
uvetta: una manciata abbondante
pinoli: una manciata scarsa (facoltativi)
olio evo: qb
alloro: 1 foglia
sale: qb

Procedimento

Come proporzione indicativamente tenete presente che il peso della cipolla dovrebbe essere più o meno la metà di quello della verdura.
Preparare la zucca e tagliarla a fettine spesse circa 1,5 cm. Scaldare un pò d'olio in una pentola antiaderente. Adagiare le fettine di zucca e farle ammorbidire rigirandole da entrambi i lati senza farle scurire, tenendole coperte. Quando sono pronte, metterle da parte.
Intanto affettare la cipolla finemente e cuocerla in un pò d'olio finchè non è appassita, insieme ad una foglia di alloro se vi piace e al sale. Aggiungere l'aceto bianco e continuare a cuocere fino a consumare il liquido.
Dosare bene l'aceto e lasciarlo sfumare fino al punto giusto. Il sapore del saor in realtà è dato dal grado di acidità della cipolla. Regolarsi secondo i propri gusti per avere un saor più o meno forte.
Alcuni preferiscono metà vino e metà aceto, io personalmente non amo la cipolla cotta nel vino, ma è solo un mio gusto personale.
Aggiungere per ultimo l'uvetta lasciata ammollare in acqua e poi asciugata, ed  i pinoli (ma non sono obbligatori) appena tostati o al naturale
In una pirofila adagiare la zucca, coprirla con uno strato di cipolla, e procedere così alternando gli ingredienti e terminando con la cipolla.
Tenere in frigo almeno un giorno, ma è più buono dopo anche due giorni.
Servire a temperatura ambiente, come antipasto o anche come secondo piatto

Annotazioni: per far vedere la zucca, non l'ho ricoperta del tutto con la cipolla, ma è solo un'esigenza dettata dalla foto. In realtà dovrebbe vedersi solo lo strato finale di cipolla e uvetta.

44 commenti:

  1. Ciao carissima, questa rubrica mi piace sempre di più, sia per le spiegazioni sulle origini della ricetta, ma anche per le ricette!!
    Premetto che non lo ho mai assaggiato ma questa versione mi sembra anche più interessante di quella con il pesce...sarà che io sono verdura dipendente e la mangerei in mille modi. Tufferei volentieri la forchetta in quella bella pirofila ^_^

    Un bacione e buon fine settimana, elena

    RispondiElimina
  2. Quella della zucca non la sapevo!
    baci

    RispondiElimina
  3. ho letto il tuo post diverse volte.. avevo paura di perdermene un pezzo.. e si perchè la prima volta (non letto abbastanza attentamente...) ho avuto qualche difficoltà a trovare il pesce (testolina.. non c’è il pesce!!!) ma sai cosa mi ha distratto la festa del redentore.. perchè quest’anno c’ero anch’io... e i ricordi hanno iniziato a fare dai padroni.. mi piace molto questo piatto.. un bacio

    RispondiElimina
  4. Una receta de zapallo muy original para mi y que voy a probar.
    Saludos

    RispondiElimina
  5. Una ricetta fantastica!!!!! Da provare

    RispondiElimina
  6. Complimenti cara, è una ricettina davvero particolare e m'incuriosisce!!! la proverò...un bacione :)

    RispondiElimina
  7. Sono stata a Venezia proprio ad Agosto, ma sai che non ho visto questo piatto?? Certo non ho visto la caprese a Capri, quindi tutto dire!!!
    I miei occhi cercano il toscano ovunque!! Devo cercare di rimediare!! Spero di tornare molto presto nel Veneto, regione che amo!!
    Baciotti
    Angela

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Molto appetitosa...bello rispolverare le ricette della nostra tradizione!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. brava viola sembra proprio ottimo il saor, e poi a me le specialità locali interessano sempre tantissimo, permettono di conoscere parti della cultura italiana non in comune!!

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo questo piatto ed anche se non mi piace molto la zucca, con l"aggiunta della cipolla cotta con aceto penso sia buonissimo! Buon we.

    RispondiElimina
  12. Hey viò io conosco molto bene le sarde in saor, ma che delizia questo di zucca!Gnam gnam bravissima, bell'idea!!Baci

    RispondiElimina
  13. Ed io che adoro le sarde, non conoscevo la suddetta ricetta, ma mi fido aspetto la descrizione minuziosa eh!

    Al momento mi godo questa di verdure, che già sento d'amare, così come amo ogni ingrediente aggiunto...l'alloro? lo aggiungerei dappertutto!
    Baci mia cara e dolce viola

    RispondiElimina
  14. Cara Viola per me che sono zucca-dipendente questo piatto è una goduria!!!! Grazie della ricetta, che copio subitissimo!!!! Bacio!

    RispondiElimina
  15. era questo il saor del quale mi parlavi, beehh devo dirti che lo adoro!!
    Sono proprio entusiasta di questo piatto, da fare sicuramente:)
    Besos, buon we
    pat

    RispondiElimina
  16. Ciao cara Viola!! Questa ricetta l'ho sentita spesso nominare e mi ha sempre incuriosito. La tua versione mi piace moltissimo e mi segno la ricetta. Bravissima!! Bacioni.

    RispondiElimina
  17. ciao carissima, non conoscevo questa ricetta, mi piace molto, ci sono tutti ingredienti che adoro!!!
    E' bello conoscere i piatti e le loro origini! grazie! bacioni e buon we

    RispondiElimina
  18. tesoro adoro questa tua rubrica che ci fa conoscere piatti e tradizioni lontano dalle nostre e questo saor di verdure deve essere di buono e poi nn amando molto il pesce per me questa versione vegetariana è il top!!!un mega bacioe e buon weekend,tvb,imma

    RispondiElimina
  19. Complimenti!!!! Adoro la zucca e questa tua preparazione la trovo molto appetitosa e originalissima!!! Segno subito la ricetta!!! Grazie tesoro, un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Trovo azzeccato anche come abinamento di gusti:il dolce della zucca e il aceto.Devo provare.

    RispondiElimina
  21. Lo sapevo fin dall'inizio che mi sarei innamorata pazzamente di questa rubrica tesoruccio, per le curiosità, per le ricette, per i tuo modo di scrivere che davvero tieni con gli occhi incollati. Adoro la zucca, l'ho scoperta in Toscana e ne sono diventata dipendente nel periodo invernale. Non so che darei stasera per il tuo saor. Facciamo un baratto con la torta al cioccolato :D? Un bacione grosso grosso, buon week end

    RispondiElimina
  22. non conoscevo questa ricetta pur vivendo in veneto da 9 anni! me la segno!

    RispondiElimina
  23. belle queste ricette delle nostre terre! che buono questo piatto con la zucca, gli ingredienti sono così diversi ma nel tuo piatto si sposano perfettamente! baci Ely

    RispondiElimina
  24. una vera delizia questa zucca! complimenti!baci!

    RispondiElimina
  25. ma sai che si fa' cosi' anche dalle mie parti????che strana questa coincidenza da noi la chiamiamo zucca in agrodolce..cmq cosi' e' di un buono.........chissa' che ho qualche antenato di origine venete???ahaha bacioni e felice week end

    RispondiElimina
  26. Non conoscevo assolutamente questo piatto, ma solo le acciughe in saor!!!
    Grazie per questa versione, molto nelle mie corde :-)

    RispondiElimina
  27. Mai assaggiata questa delizia! La zucca dalle mie parti montagnose si cucinava in modo diverso ed il pesce lo si vedeva gran poco...Ma adoro la zucca e la proverò di sicuro! Grazie bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  28. Ma grazie per questa ricetta... non la conoscevo!Adoro troppo la zucca e non posso che scopiazzare la ricetta e farla non appena entrerò in possesso della prima zucca!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  29. ciao Viola! ti posso invitare a partecipare al mio primo contest?
    ti lascio il link..dai una sbirciatina quando puoi..
    http://monpetitbistrot.blogspot.com/2010/10/il-mio-primo-contest-le-merende-del.html

    RispondiElimina
  30. Ma cos'è questa meraviglia?????? La prossima zucca sarà destinata alla prova, grazie!!

    RispondiElimina
  31. Mi piace venire a sbirciare e scoprire piatti della tradizione soprattutto da quando sono lontana. Sei sempre delicata in tutto e grazie infinite per quello che hai detto di là, non sono mai insensibile alle tue parole ;-) Baci

    RispondiElimina
  32. Une recette originale.
    J'aime beaucoup.
    A noter.
    Bon week-en et à bientôt.

    RispondiElimina
  33. Ma che buona!!!...non la conoscevo questa ricetta ma mi piace moltissimo...forse perchè c'è la zucca che adoro!!!!...mi segno la ricetta!!! ^_^

    RispondiElimina
  34. Ciao carissima, purtroppo devo confessarti che in veneto ci sono stata solo una volta da piccolina, quindi non conosco praticamente nulla della cucina tipica.. questa ricetta mi piace tantissimo, forse la preferisco alla versione col pesce.. (ci credi che non ho mai mangiato le sarde??)
    un abbraccione, buon w.e.

    RispondiElimina
  35. Quanto ho letto "non solo sarde" credevo ti riferissi a me :-)) Mai provato il saor né con le sarde né con le verdure né in nessuna sua forma. Ora non mi rimane che andare a Venezia (bellaaaa!) o provare a produrmelo da me :-)

    RispondiElimina
  36. J'ai des prix pour toi.
    Bon dimanche et à bientôt.

    RispondiElimina
  37. une délicieuse recette à tester
    bon dimanche

    RispondiElimina
  38. Ciao Viola, ti ringrazio tanto per la visita al mio blog, sono contenta che ci siamo incontrate, il tuo blog mi piace tanto, me lo segno subito!
    Spero tornerai presto a trovarmi!
    Baci!

    RispondiElimina
  39. Lo adoro ...di zucca ...mai provato! mi piace proprio! ....io ho provato questo...
    http://crumpetsandco.wordpress.com/2010/02/09/patate-americane-in-saor/

    RispondiElimina
  40. Ciao, deve essere molto buona e saporita ^_*
    Un bacio a presto Anna

    RispondiElimina
  41. Adoro questa ricetta e adoro il saor che da noi in piemonte si chiama carpione...con la zucca non l'ho mai provato...devo rimediare assolutamente!!Baciotto!

    RispondiElimina
  42. ciao cara! la ricetta va benissimo! baci!!

    RispondiElimina
  43. ricetta inserita!:) ti seguo anche io e con piacere! il tuo blog è molto bello e colorato!aspetto di sapere cosa prepari per noi!
    baci!!!

    RispondiElimina
  44. me la segno per il prossimo autunno! ottimo anche con il nostro radicchio di Treviso! (da Veneta DOC che sono!!!) ciaooooo E.

    RispondiElimina