Lightbox Effect

venerdì 12 novembre 2010

Ventaglietti di Pasta Sfoglia

ovvero i cuoricini


Ho un pessimo rapporto col parrucchiere.Ci vado di rado e se proprio non posso farne a meno. Non fatico a trovare una spiegazione plausibile a questo fatto.
Da piccola e finchè non raggiunsi l'età della ribellione, mia madre mi costringeva ad accompagnarla dal parrucchiere tutte le settimane. E siccome il parrucchiere in questione era sempre quello più di grido, va da sè che le giornate si svolgevano tra grandi attese, ore di torture ed immancabile insoddisfazione (la sua) finale.
La cosa però assumeva i toni della tragedia quando anch'io ero costretta a sottopormi a quelle che per anni in casa furono chiamate le torture cinesi.
Il tutto aggravato dal fatto che non ero mai io a scegliere che fare della mia chioma....fatto questo che lasciava spazio ad un unico epilogo, sempre lo stesso: io barricata nel bagno e mamma con l'aiutante del parrucchiere che, bomboletta di lacca alla mano, prometteva di sistemarni i capelli esattamente come li avrei voluti se solo fossi uscita di li.......Ma che cavolo...prima mi fai un taglio modello Mafalda e poi pretendi di farmi ricrescere i capelli con una bomboletta di lacca? Ma i grandi per caso pensano che i bambini siano scemi?
L'unica cosa che allietava le giornate era il passaggio in pasticceria prima di tornare a casa. E malgrado l'ora tarda suggerisse l'opportunità di mangiare un tramezzino, un panino o giù di li, io non resistevo all'idea di un cuoricino di pasta sfoglia. Sempre quello, sempre lo stesso, il mio preferito (a parte questi....ma non si trovavano mica dappertutto!)
Un giorno questo evento fu accompagnato da qualcosa che successe  veramente di rado...Una volta a casa mia madre estrasse dalla borsa un sacchetto di carta e me lo diede: un regalo per me. Ne uscì un pagliaccio delizioso di cui mi innamorai a prima vista e che per anni fu il preferito tra tutti i miei giochi. Mia madre me l'aveva comperato in pasticceria ed io l'ho conservato gelosamente per anni come la cosa più bella e più preziosa che avessi.
Ed ogni volta che mangio un cuoricino di sfoglia non posso non pensare al mio pagliaccio preferito e all'emozione di quel giorno che riesco a sentire ancora.



Ingredienti
per circa 25-30 pezzi

pasta sfoglia: un panetto (circa 400 gr)
zucchero semolato: qb

Procedimento

Tirare il panetto di pasta sfoglia freddo con il mattarello su un piano leggermente infarinato. Dovete ottenere un rettangolo allungato dello spessore di pochi millimetri circa 3-4
Ripiegate i due lati lunghi del rettangolo verso l'interno unendoli al centro senza sovrapporli. Otterrete così un altro rettangolo, della stezza altezza del precedente ma largo la metà (vedi foto1)
Ripiegare ancora una volta il rettangolo in due ottenendone un secondo avente stessa lunghezza e largo la metà rispetto al precedente ( vedi foto 2) una specie di rotolo. Con un coltellino affilato tagliarlo a fette di circa un cm. Versare zucchero semolato abbondante su un piatto piano. Passare ogni ventaglietto nello zucchero facendolo aderire bene con una leggera pressione prima da un lato e poi dall'altro. Devono essere ricoperti di zucchero. Disporre in una teglia i ventaglietti così ottenuti. Infornare in forno caldo a 200° C per circa 20 minuti. Devono risultare dorati con i bordi leggermente più scuri. Far raffreddare su una gratella e servire













Alcune annotazioni: la pasta sfoglia per essere lavorata deve essere fredda. Tirarla fuori dal frigo solo al momento di utilizzarla. Io ho perso tempo con le foto e l'ho fatta scaldare un pò, le pieghe in foto non sono perfette. Se non è fredda è difficile lavorarla, diventa molto appiccicosa oltre a non rendre poi bene in cottura, quindi voi non fatelo, mi raccomando.

Il procedimento per preparare la pasta sfoglia lo posterò la prossima settimana, diversamente questo post sarebbe diventato troppo lungo. Quindi mi raccomando, tenete pronti i mattarelli!

Con questa ricetta partecipo al contest di Meggy "Sapore di ricordi..."

57 commenti:

  1. i ventaglietti sono da pasticceria..dovevi essere un vero spasso dal parucchiere!!! un bacio

    RispondiElimina
  2. Ma che belli sembrano proprio quelli dela pasticceria!
    E se la pasta sfoglia l'hai fatta tu...allora la ricetta è da 15 e lode!:D

    RispondiElimina
  3. Troppo carini, anch'io ed il parrucchiere abbiamo incontri molto lontani.......ciao.

    RispondiElimina
  4. Tesoruccio m'hai fatto ridere col taglio modello "Mafalda". A me tocca domani il parrucchiere...ohibò, spero di non farci notte perchè il mio incubo sono le interminabili attese!!! certo che se avessi a farmi compagnia qualcuna di queste sfogline sarebbe tutto moooolto più piacevole. Ora però aspetto trepidante il post sulla pasta sfoglia. Sai che non l'ho mai fatta e che aspetto la tua per buttare giù il tabù ;)
    Un bacione bimba, buon week end
    A prestissimo ^__^

    RispondiElimina
  5. Buongiorno tesoro, ho letto avidamente il post, è davvero una storia deliziosa, sono felice tu abbia scelto questa ricetta per partecipare al mio contest, inutile dirti che amo alla follia i ventaglietti di p.sfoglia vero?Con quello zuccherino croccante sopra..gnammy!!!
    Oggi me ne servire un chilo per farmi passare la tristezza..intanto però ne prendo un paio e me li sgranocchio qui in ufficio!
    Un bacione e buon week end

    RispondiElimina
  6. O mamma...appena iniziato a leggere il post, ero intenzionata a farli assolutamente, sono i preferiti di mio marito, che non è amante dei dolci. Il mio dubbio era se potevo utilizzare i rotoli di pasta sfoglia fresca già pronta, invece del panetto, ma quando ho letto che posterai anche il procedimento per la sfoglia...beh...alzo le mani...mi arrendo e vado in pasticceria...la sfoglia... non ce la posso fare!
    Con la sfoglia di Giovanni Rana credi proprio che venga una schifezza?
    Baci e a presto
    Claudia

    RispondiElimina
  7. Eccoli!!!! Buondì violetta, rieccomi qua :) Ma quanto sono carini questi ventaglietti, sembrano dei cuoricini. Quando vengo (e ho detto QUANDO non SE...) me li prepari? fatti in casa devono essere superdeliziosi.
    Un baciottone, elena

    PS: anche per la parrucchiera era la stessa tortura, però almeno succedeva di rado ^_^

    RispondiElimina
  8. Ecco spiegato perchè non ami andare dal parrucchiere! Io per esempio ci vado di tanto in tanto, ma non sopporto le lunghe attese, mentre mi rendo conto che tante amiche ci passerebbero l'intero pomeriggio dentro a quel salone, tra chiacchiere e pettegolezzi da leggere sui giornaletti. La parentesi della pasticceria però faceva sopportare tutto molto meglio, è dolcissimo quello che hai scritto!
    Amo i ventaglietti di pasta sfoglia, spesso li compro e una volta che ho aperto la confezione non mi fermo più, ogni volta dico, l'ultimo, e vado avanti! MI piace l'idea di farmeli da me, tra l'altro è davvero semplice!
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. E' vero, ci sono sapori che scaldano il cuore..

    RispondiElimina
  10. Tesoro buongiorno e mi sa che abbiamo entrambe lo stesso problema....anche per me il parrucchiere è un obblogo quando proprio mi vedo in condizioni disperate:D ma sopratutto perche odio le attese e avendo smepre il tempo limitatissimo stare li 2 ore mi snerva pero almeno tu da piccola ti consolavi con queste delizie a me invece nn restava che tornare a casa con un taglio cortissimo almeno fino a 10 anni mia mamma mi rasava per paura dei pidocchi quindi mi vedevo anche bruttissima:D!!!Tesò li devo provare questi venatglietti li ho sempre visti in pasticceria ma nn li ho mai fatti a casa e sembrano anche velocissimi da farsi!!un bacione enorme,tvbbbbbbbbb,imma

    RispondiElimina
  11. Bello questo tuo ricordo.......ogni gesto di mamma viene sempre messo nel cuore, che sia bello o brutto!!
    Le mamme, le nostre perenni rivali......lo sto provando con mia figlia....quanto possa essere difficile essere madre.....qualsiasi cosa non va mai bene......ma sopportiamo, sperando in un, anche piccolo, gesto di affetto.
    Complimenti per le parole, per la ricetta.
    Baciotti
    Angela

    RispondiElimina
  12. Bellissimo e dolcissimo il tuo racconto, anche io ho un pessimo rapporto con il parrucchiere odio andarci, e ne farei volentieri a meno anche se qualche volta si e' costretti ad andarci!!! Adoro poi i ventaglietti e ne mangerei senza sosta!! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  13. mi piacciono moltissimo!!qui le chiamano"prussiane" ;)

    RispondiElimina
  14. Li faccio anch'io!! Sono velocissimi, d'effetto e buonissimi!!!!
    Franci

    RispondiElimina
  15. Anche io da piccola adoravo i ventaglietti e prevalentemente portavo capelli incolti o tagliati (male) dalla parrucchiera vicino al mercato, specializzata in tagli del ventennio precedente, rigorosamente obsoleti e possibilmente repellenti.

    RispondiElimina
  16. Sai Viola...io avevo i capelli lunghi a 5 anni. Poi un giorno mi vennero a prendere all'asilo e mi portarono dal parrucchiere di mammae mi fregarono dicendomi che mi avrbbero tagliato i capelli come lei (il fatidico caschettoa nni 80)...da allora ho sempre tenuto i capeli lunghi, ra mi arrivano alla fine della schiena e non vado mai dal parrucchiere perchè ogni volta mi vogliono rasare! tanto i miei capelli son ribelli e non stanno con nessun taglio! meglio stare in casa a cucinare questi ventaglietti...ma mi serve la ricetta intera...attendo attendo attendo..con ansia!!!!!un superbacione!

    RispondiElimina
  17. Mi piacciono tanto i ventaglietti!
    Scusa se sono poco presente... ho qualche casino da sistemare :-)

    RispondiElimina
  18. ahahahaha m'hai fatto morire dal ridere.. mi hai fatto ricordare mia mamma che tagliava i miei capelli ed ogni volta sembravadovessi andare ad un funerale!!! Oggi le xose son cambiate anche perchè ho la fortuna di avere una delle mie piùcare amiche che fa la parrucchiera.. quindi mi fido.. e ci vado con gioia... sapessi gli spettegulezz lì dentro aahahahaah.. I ventagli baci e buon w.e. .-)è uno dei pasticcini che ho semrpe preferito.. pensa son così facli che ancora non ho provato!! dovrò rimediare presto!baci e buon w.e. .-)

    RispondiElimina
  19. Cosa ho visto! Sai che ricordano la mia infanzia! No, davvero.. un colpo al cuore! Grazie!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Adoro i ventaglietti ma che sò belli zuccherosi!! bravissima complimenti sono i miei preferiti!!
    Un bacio buon W.E.
    Anna

    RispondiElimina
  21. Questi cuori di sfoglia sono una meraviglia...ma il tuo racconto...mi ha fatto ricordare anche a me quando andavo con mia mamma dal parrucchiere.... e alla fine all'uscita (era sempre ora di pranzo)si andava al bar dove facevano la pizza al taglio troppo buona!!!!...ma io dalla parrucchiera quando dovevo aspettare portavo le mie BArbie..... e leggevano con me i giornali di Gossip!!!

    RispondiElimina
  22. Questi sono la passione del mio piccolo!
    E devo confessarti qualcosa che ti farà inorridire, io AMO andare dal parrucchiere, se ho i cappelli Messi male sto male e, siccome sono ribelli, dal parrucchiere ci vado spesso e quando esco, sono Felice!!!
    un besote
    pat

    RispondiElimina
  23. ma che belli questi ventaglietti!!!

    Me li regala sempre il mio ragazzo quando mi fa arrabbiare.

    baci

    RispondiElimina
  24. Io li adoro!!!!...sono buonissimi!!!!

    RispondiElimina
  25. Stupendamente golosi e raffinati!!! Complimenti, tesoro, un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  26. io li adoro....non ho mai provato a farli però!

    RispondiElimina
  27. anche a me ricordano l'infanzia,quando papà
    alla domenica arrivava a casa con un vassoio
    di paste fresche...usanza abbandonata da quando
    se ne è andato,giovane,troppo giovane
    grazie per questo tuffo nel passato felice

    RispondiElimina
  28. carinissimi!! Credo di poter affermare con certezza che la pasta sfoglia è fra quelle che preferisco, ed i tuoi biscottini non sono altro che la conferma

    RispondiElimina
  29. Personalmente adoro la pasta sfoglia in versione sia dolce che salata. E'una delle cose che preferisco...
    Per fortuna nei miei, di anni della ribellione, mi hanno fatto esprimere. Mia madre non diceva nulla (ma avrebbe voluto... oh, se avrebbe voluto!) consigliata da mio padre che diceva "le passerà": quindi via a tagli scombinati (presente Robert Smith dei Cure? Ecco... E mi chiedevo pure che avessero da guardarmi...) che per l'epoca erano ancora strani.
    Ihihi potrebbe essere una delle tante cose che ci racocnteremmo davanti a un grappino! :D
    Per ora prendo una sfoglia, ma siccome so che non mi basta tu girati così non vedi quante te ne rubo! :>

    RispondiElimina
  30. Ciao cara!! Anch'io come te non amo molto andare dal parrucchiere però ogni tanto, quando proprio non se ne può più, bisogna fare anche questo sacrificio.
    Aspetto con ansia la spiegazione della tua sfoglia, questi ventaglietti sono proprio favolosi, anche se sembrano quasi dei cuoricini! Ma a noi non interessa la forma, che interessa di più è la sostanza!! Bravissima!! Bacioni.

    RispondiElimina
  31. è sempre bello ricordare qualcosa mangiando qualcosa.... è un legame che non si spezzerà mai..... questi cuoricini sono deliziosi io quando ero piccola ne mangiavo confezioni intere....

    RispondiElimina
  32. Che bello questo racconto... è sempre emozionante conoscerti! Io da piccolaodiavo il parrucchiere, e tutt'ora non mi do mai un taglio netto ai capelli, perchè una volta mi sbagliarono a tagliare i capelli e me li dovetti fare a "maschiaccio" per rimediare al danno...fu una tragedia! Certo che se avessi avuto queste pastine a consolarmi...non ne sarei rimasta traumatizzata! :-D

    RispondiElimina
  33. Cara Viola, cosa mi hai fatto tornare in mente!!!
    Da bambina anche mia madre mi costringeva ad accompagnarla dalla parrucchiera, ma la nostra era una vecchia signora che abitava e lavorava a pochi passi da casa.. ebbene, tu avrai avuto una testa da Mafalda, ma a me toccava Gian Burrasca!! Capelli cortissimi.. oppure, peggio ancora, quando facevo i capricci e volevo i capelli più lunghi.. c'era l'incubo della frangia.. me la tagliava direttamente mia madre con la forbice mentre io piangeo disperata perchè ogni volta rimaneva storta e mi vergognavo come una ladra!!!
    Sarà per quello che ora aborro solo il pensiero!!
    I ventaglietti mi piacciono tanto, rimango sintonizzata in attesa della sfogliatura, un abbraccio..

    RispondiElimina
  34. Mi hai fatto morir dal ridere!!!
    Ma soprattutto mi hai fatto ricordare che anche da piccola non volevo mai andare dal parrucchiere e urlavo come una matta perchè non volevo fare il "carrè"!
    I ventaglietti invece mi piacevano da piccola e mi piacciono ancora oggi... e i tuoi sembrano proprio deliziosi ;)
    Baci
    Eva

    RispondiElimina
  35. ...fantastici nella loro semplicità!
    bacioni e buon fine settimana

    RispondiElimina
  36. che belli e buoni i ventaglietti sono piaciuti sempre anche a me!! buon fine settimana...ps. anch'io non amavo andare dal parrucchiere e continuo ad evitarlo fino a che non assomiglio a Capoorsocapo ^_-...baci

    RispondiElimina
  37. Che bella la tua storia....mi ci ritrovo un po' anch'io!
    Sai che questi cuoricini li abbiamo fatti anche noi la settimana scorsa al corso di pasticceria!!
    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  38. Vedo che.... non sono l'unica ad odiare il parrucchiere!!! Eppure, ogni tanto...ci vuole, una "pennellata"!!!!!
    Stupendi i tuoi ventagli, aspetto la ricetta per la pasta sfoglia!!!!!!!!
    A presto ed un bacione grandissimo!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  39. odio i parruchieri e tutti gli arnesi,amo lal iberta ed essere libera da mode e modi ...questi ventaglietti piacciono tanto anche a me,che dici visto che siamo simili facciamo a meta'!?!bacioni e complimenti

    RispondiElimina
  40. Buoni! E sembrano anche veloci e facili da realizzare

    RispondiElimina
  41. questi sono i dolcetti preferiti da mio figlio!!!
    complimenti per il tuo blog, davvero bello, sembra di sentire i profumi delle cose che fai!

    RispondiElimina
  42. questi li adoro, sono buonisismi.
    li segno, non li ho mai fatti, voglio provare!
    un abbraccio e buon w.e.

    RispondiElimina
  43. io amo i ventaglietti mi ricordano la mia infanzia, non li ho mai fatti ma prima o poi proverò a farli...

    RispondiElimina
  44. Ici, on les appelle des palmiers et j'adore ces feuilletés tellement bons et tellement croustillants.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  45. Se le donne fossero tutte come me circa la cura dei capelli, i parrucchieri fallirebbero senza dubbio ^_^
    Bellissimi questi cuoricini mi ricordano tantissimo i doreè "un pò dolce un pò salato" Li ricordi anche tu?
    Bacioni cara e buon fine settimana

    RispondiElimina
  46. Viola ti capisco benissimo!io ho dei capelli riccissimi e da piccola mia mamma me li tagliava sempre, io andavo dal parrucchiere e dicevo"li voglio così,così e così",senza sapere che mia amdre ci aveva già parlato prima al telefono dicendo di tagliarmeli cortissimi :(( poi diventando grande ho imparato a curarli da me e adesso ho dei lunghi capelli ricci :)) Buonissimi questi ventaglietti,io li faccio in una versione con cannella,gnammi! Buon week end!

    RispondiElimina
  47. Come ti capisco... anche io ho dovuto subire questa "tortura" :) e anche io odio andare dal parrucchiere, odio le attese infinite... infatti sono sempre alla ricerca di un fast-hair stylist!!!
    Buoni i ventaglietti anche se continuo a considerarli un' impresa impossibile!
    Carlotta

    RispondiElimina
  48. I mitici palmiers!Ti sono venuti perfetti,copio la ricettina subitissimo..
    Un bacione!

    RispondiElimina
  49. ooh che belli! sarebbero l'ideale per la colazione di domani mattina :)

    RispondiElimina
  50. Ciao Cara, come sempre hai quel tocco di classe in più, così semplici e così belli (e soprattutto buoni). Adoro i ventaglietti e non li mangio da una vita.
    Come altri però aspetto la ricetta della pasta sfoglia, qui è impossibile da trovare il rotolo.
    (Ho dato un occhiata ai contest in corso, mamma mia come sono rimasta indietro... devo subito aggiornarmi e partecipare.
    un abbraccio grande, ti voglio bene

    Sara

    RispondiElimina
  51. Ho anch'io un pessimo rapporto con i parrucchieri; ci vado solo quando non ci vedo più...Invece per questi cuoricini ho adorazione vera e propria! Sono una tentazione irresistibile! Bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  52. ces palmiers sont excellents et parfaits pour accompagner une tasse de café
    bonne soirée

    RispondiElimina
  53. Ciao tesoro...scusa la latitanza ma sono stra presa!!!Mi sono persa la meraviglia qui sotto che è davvero da capogiro!!!E questi ventaglietti che faccio spesso e adoro nella loro semplicità!!!Ti mando un baciotto grande!Smack!

    RispondiElimina
  54. Bello il tuo racconto e belli e golosi questi cuoricini

    RispondiElimina
  55. A me è sempre piaciuto andare dal parrucchiere, anche se quando uscivo non ero mai contenta, mentre di recente sono diventata pigra e "trascurata", non mi piace dirmelo, ma è la verità: il mio amato pc fa passare in secondo piano tante cose ....
    I ventaglietti sono deliziosi e le foto bellissime (e difficilissime): il post ne guadagna in completezza, quindi ti faccio i complimenti :DDD
    Per il matterello, mi paicerebbe seguiti, ma la pasta sfoglia home made (come il lievito madre) non fanno per me .... o almeno non sono ancora pronta .D

    RispondiElimina
  56. Anche io detesto andare dal parrucchiere...ma i tuoi cuori mi avrebbero proprio fatto fare qualche giro in più di sicuro!!!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  57. beh dai almeno una consolazione!e che premio!bellissimi questi ventaglietti sono veramente una meraviglia, proprio come in pasticceria ma tu sei una maga davvero!

    RispondiElimina