Lightbox Effect

mercoledì 16 febbraio 2011

Aspic

...ai frutti rossi


A come Aspic
"mmmmmmm, gelatina..... qualcosa di molliccio e poco invitante...."
Credo che in tanti lo starete pensando. Sarà forse per questo che di aspic se ne vedono davvero pochi in giro?
Io la mia reticenza verso le gelatine devo dire l'ho vinta quando qualche mese fa  postai queste. Ora che le ho scoperte e che ho capito che di gelatina non si muore, lasciati da parte i pregiudizi, ho cominciato a vederle sotto una luce del tutto nuova. In effetti le mie gelatine (o aspic che preferiate) altro non sono che frutta, innocua e buonissima frutta.
Ora, si da il caso che ben 10 anni or sono, m'innamorai dell'aspic oggetto di questo post. Lo vidi su uno speciale de "la cucina italiana" e da allora non me lo tolsi più dalla mente. Mi sono sempre detta che il momento giusto per provarlo prima o poi sarebbe arrivato e quella bellissima foto continuava a tornarmi alla mente.  Dieci anni sono molti, ce n'è voluto per vincere la reticenza. Quello che per me è dev'essere sempre stato fuorviante è stato il considerare l' aspic come un dessert a tutti gli effetti. Beh certo, visto così magari un supergoloso potrebbe restare deluso dal vedersi servire un aspic al posto di una fetta di qualche meraviglia ipercalorica. Però se guardiamo la cosa diversamente e se cominciamo a vedere l'aspic come una porzione di frutta...beh...allora le cose cambiano, eccome se cambiano. E ve lo dice una che la frutta proprio non riesce a mangiarla. Per il resto sono brava: tantissima verdura, mangio sano, non troppi eccessi e bla bla bla, ma di frutta proprio non voglio sentir parlare. L'adoro trasformata in un bel dolce, marmellata, mousse, frullato, tutto quel che vi viene in mente ma frutta fresca nature faccio veramente fatica. Solo che ora ho scoperto l'aspic e si è aperto un mondo nuovo
Basti pensare che quello che vedete in foto l'ho mangiato tutto io....da sola......senza fatica e udite udite: senza sensi di colpa, anzi, dirò di più, lo mangiavo pensando che stavo facendo qualcosa di buono per me stessa. E volete che io da oggi non adori l'aspic? Provatelo, sono sicura che in molti cambierete idea. A suo favore ha tre cose: è bello, è buono ed è facilissimo........
Non sono tre ottimi motivi? Ne aggiungo un quarto: è leggerissimo e fresco e visto che tutti state aspettando con ansia l'estate, come lo vedete gustato freddissimo contro la calura estiva? Si beh, si tratta di fare un piccolo sforzo. Ora l'idea forse non vi alletterà, ma chissà se con i primi caldi vi tornerà alla mente....
Si vedrà. Comunque quando la cara Aiuolik s'inventò l'abecedario e alla lettera A scrisse: A come Aspic, ecco che dissi a me stessa: "finalmente...il momento è arrivato". E in men che non si dica recuperai il mio vecchio numero de la cucina Italiana. Apportate una serie di modifiche tra cui l'agar agar al posto della gelatina e l'aggiunta di un pò di limone, ecco a voi l' Aspic.
Bene cara Aiuolik, ci sei voluta tu per realizzare questo desiderio....sono sicura che non l'avresti mai detto, ma grazie al tuo abecedario ho sciolto un altro nodo.....di quelli che ti porti dietro da sempre, hai presente? E felicissima di esserci riuscita ti lascio la ricetta del tanto sospirato......

Aspic ai frutti rossi

Ingredienti

succo di mela: 480 gr
lamponi: 1 cestino
more: 1 cestino
agar agar: 4 gr (in polvere)
limone: qualche goccia
zucchero: 2 cucchiai

Procedimento

Ricavate dalle mele 500 gr di succo servendovi di  una centrifuga oppure utilizzatene uno biologico, purchè sia di quelli limpidi e trasparenti. Stemperare l'agar agar in poco succo a temperatura ambiente.
In un pentolino versate il succo di mela, qualche goccia di limone spremuto,  aggiungete anche lo zucchero e l'agar agar stemperato. Portate a bollore e lasciate per tre minuti a fuoco basso.
Intanto mondate, lavate ed asciugate i lamponi e le more. Passate un dito appena unto d'olio sulla superficie di uno stampo da budino della capacità di 500 ml. Trascorsi i tre minuti, togliete dal fuoco e  lasciate raffreddare il succo. Quando è freddo e comincia ad addensarsi un pò, versarne poco nello stampo da budino.  Passare lo stampo in frigorifero qualche minuto (circa tre, tenetelo d'occhio, non deve solidificare del tutto) A questo punto cominciate ad unire i frutti rossi. Mettetene qualcuno per formare un primo strato. Spingeteli un pò per affondarli nella gelatina. Versate il rimanente succo che sarà più gelatinoso di prima (ma deve essere ancora fluido, nel caso riscaldatelo un pò) e sistemate anche la frutta rimanente cercando di distribuirla omogeneamente. Fate il modo che la superficie finale sia liscia. Tenere in frigo qualche ora e estrarlo solo prima di servirlo.
Per sformarlo più facilmente immergere lo stampo per qualche istante in acqua bollente.
A piacere, a seconda della frutta utilizzata si può aggiungere una coulis di ribes o fragola.
Come avrete capito con questa ricetta partecipo all'abecedario della "trattoria Muvara"

49 commenti:

  1. Buongiorno cara! Vero di aspic se ne vedono davvero pochi ma io li trovo molto belli. Anzi é da un po' che ho delle idee in testa, e ora, vedendo il tuo mi sono decisa. Lo provero'! Questo con i frutti rossi deve essere molto buono e fresco!! :)

    RispondiElimina
  2. E con queste premesse,vuoi che io resista ancora a lungo!!Ho sempre avuto le tu stesse reticenze,ma ora sono davvero curiosa!!
    E poi è bellissimo!!
    Un bacio cara e bellissima giornata!!

    RispondiElimina
  3. Mai mangiato un aspic, ma tu sei davvero convincente..segnato!
    Bello e buono...brava ^_^

    RispondiElimina
  4. Hai descritto bene quello che ho pensato, questa cosa molle non mi potrebbe mai andare giù, però mai dire mai......il tuo è bellissimo, bacio.

    RispondiElimina
  5. Che bella ricetta e presentazione, lo sai che mi incuriosisce nonostante la penso come te!
    Complimenti Baci Anna

    RispondiElimina
  6. Siiiiiiii a me piacciono tanto gli aspic e poi trovo che siano molto eleganti...da piccola mi sembravano quasi dei miracoli perchè si vedeva la frutta in trasparenza ^__^
    Come ben sai adoro la frutta di tutti i tipi, ne mangio vagoni sia fresca che cotta e i frutti rossi sono la mia passione!!
    Senti ma quel piatto?!?? mi sembra di conoscerlo...o gli occhi mi ingannano? ;-)

    RispondiElimina
  7. Io invece vivrei di frutta fresca. Bella, succosa, colorata. In estate davanti ad un bel cestone di frutta fresca tocco il cielo con un dito e se mi mettessi sotto un albero di ciliegie potrei staccarmi solo portata via a forza! Bellissimo quest’aspic, effetto vedo-non vedo! Peccato solo per la gelatina...nun gliela posso fa’! Baciotto

    RispondiElimina
  8. ho mille ricette di aspic,mi affascinano,mi stuzzicano,dolci o salati potrei provarne tantissimi,sono anni che ho una bella raccolta ma...non lo faccio perchè tutti quelli che mi circondano quando vedono gelatine... gli viene un colpo secco.o faccio come te,che me lo pappo tutto da sola...o devo rinunciare :(

    RispondiElimina
  9. ma lo sai tesoro che l'aspic nn l'ho ancora provato proprio per gli stessi motivi che elencavi tu pero ne sono sempre stata affascinata da questa preparazione adesso questa visione chi me la toglie da testa????nessuno, devo provarlo subito...i colori sono divini e tesò io sono come te, ci metto tempo ma prima o poi un piatto, una ricetta che mi affascina nn riesco a togliermela dalla testa!!!
    tvtbtvbtvtbtvtbtvtbtbvtvtvtbeneeeeeeee!!!
    imma

    RispondiElimina
  10. Uh, pure io adoro l'aspic! E'anni che cerco di convincere l'hommo a farmelo, visto che in qualche suo passato remoto glielo avevano insegnato...
    In effetti è un dolce sensidicolpa-free.
    Facciamo così: mentre tu lecchi le mie pentole molto meno sensidicolpa-free, io rubacchio una fettina di questa meraviglia colorata per alleggerirmi la coscienza! :D

    RispondiElimina
  11. Non è vero, aspec è leggero ed invitante, e non fa venire i sensi di colpa!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  12. l'aspic a dire il vero non l'ho mai provato sempre per timore, ma lo vedo su tanti libri però la gelatina ogni tanto la uso come hai visto qualche giorno . Doveva essere buonissimo se l'hai mangiato tutto da sola. un bacio

    RispondiElimina
  13. Una preparazione squisita, veramente spettacolare!!! Complimenti cara, un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Lo sai che me lo ricordo anch'io, innamorata come te ma mai realizzato. Che fosse venuto il momento? Il tuo è bellissimo!

    RispondiElimina
  15. L'ho semrpe sentito nominare.. ma non l'ho mai fatto!!!Si presenta benissimo!!! Brava Simo!!!!buona giornata :-D

    RispondiElimina
  16. Anch'io ho molte reticenze sugli Aspic, li trovo bellissimi, delle vere sculture ma per me immangiabili.
    Solo che io sono una che si ripete sempre che se non provi non puoi mai sapere come sono e che sapore hanno ed esprimere petanto un giudizio.
    Quindi proverò a farlo, la tua descrizione me ne ha fatto venire voglia e sono molto curiosa.
    Dove trovo l'agar, agar???
    Normali negozietti di pasticceria???

    RispondiElimina
  17. Come ti capisco! Anch'io, non riesco proprio a mangiare la frutta. Verdura si, prodotti biologici, pure, cotture delicate, ma la frutta...
    Ad eccezione dei frutti di bosco, che mi piacciono moltissimo.
    Il tuo aspic, mi piace molto. Con un dessert così ben presentato, anche la frutta più semplice, diventa un trionfo.
    Brava Viola!

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  18. Io ne ho realizzato uno salato in epoca pre-blog, ma l'idea dell'agar agar come addensante, mi rende più gradevole l'idea della gelatina :D

    RispondiElimina
  19. ma sai che anche io ho grossi pregiudizi sulla gelatina nuda e cruda???? E' perchè la chiamano colla di pesce....che ci devo fare???
    A proposito..ma tu l'agar agar dove lo trovi?

    RispondiElimina
  20. ...se te la devo dire tutta cara, anche io con le gelatine non ho un rapporto d'amore, nel senso che mi lascian sempre un pò così...son mollicce, ecco...
    Mi sono ricreduta tempo fa preparandone una al vino rosso, effettivamente deliziosa...e la tua mi sembra favolosa, fra l'altro il tuo aspic è come al solito venuto alla perfezione, che dirti se non...bravissima??!
    Ti abbraccio cara!
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  21. Io non l'ho mai mangiato, eppure mi ha sempre attirato!devo provarlo!

    RispondiElimina
  22. IO non amo le gelatine ma non perchè mi schifano, ma perchè non riesco a farle star su! Però sono bellissime da vedere...e sicuramente buonissime! E questo tuo aspic è una meraviglia!

    RispondiElimina
  23. carissima, si, ogni tanto sparisco, ma non solo dal tuo blog, ultimamente un po' da tutti:( Arriveranno tempi più tranquilli!
    L'aspic era molto di moda negli anni 70-80 dove ogni tavola che si rispetti aveva dei piccoli aspi salati con foie gras, verdurine ecc, il tutto contenuto in piccole porzioni a forma di mezzaluna, che ricordi!
    Questa tua è intanto perfetta e sicuramente buonissima dato che so quanto sei precisa! hai usato l'agar agar! ottima idea! qundo ho provato io mi è venuto sabbioso...seguirò la tua ricetta:)
    ti abbraccio forte
    pat

    RispondiElimina
  24. Aspic mon amour!!! Ne vado pazza, ma non ho mai voluto provare a farli...li guardo e ne resto ammaliata, dico sempre che dovrei provare a farne uno e poi rimando...che fifa!!
    Complimentissimi per il tuo!!!

    RispondiElimina
  25. E' cosi' bello che è quasi un peccato mangiarlo!
    Baci!

    RispondiElimina
  26. Anche io sono a corto di aspic nella mia esperienza di mangiona. La gelatina mi fa un pò senso, ma tentar non nuoce, magari mi piace da matti. E poi la preparazione sembra anche fattibile. Baciiiii e speriamo che l'estate afosa arrivi presto... altro che primavera!

    RispondiElimina
  27. ma sai che non ho mai provato l'aspic? Però apprezzo moltissimo la sua fattura, a te è venuto davvero perfetto. Bravissima Viola

    RispondiElimina
  28. l'aspic è la mia passione, è bellissimo, credo che sia più bello che buono, ma lo amo molto

    RispondiElimina
  29. E' il mio sogno farne uno! Trooooppo brava!Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. aspic...mi piace tantissimo, ma l'idea che ho di aspic è quella americanissima, di un'insalata multicolore in gelatina...verdure di tutti i colori, un misto fantastico...
    aspic dolce dunque...prima volta che lo vedo, ma tanto invitante alla vista, oh com'è bello!
    ti lascio un baciotto mentre mi rubo la ricetta.

    RispondiElimina
  31. Ho fatto anch'io uno salato in primavera scorsa con l'agar-agar. Il tuo è bellissimo! Brava:))
    Bacione

    RispondiElimina
  32. devo proprio trovare l'agar agar, lo metto subito in lista, chissa' se qui lo vendono, immagino di farlo anche col succo di melograno mmmm ciao carissima buona serata.

    RispondiElimina
  33. eccolo qua il tuo piccolo avatar.
    Grazie tantissimo per la tua mail, farò il mio meglio per scrivere mia cara, te lo prometto.
    Intanto senti, a me la gelatina non mi fa impazzire, ma con quella frutta e quei colori è assolutamente invitante.
    Brava come sempre, ma senti... quand'è che mi vieni a trovare, io ho davvero bisogno una collaboratrice.
    Qui c'è un sole che si sta benissimo.

    ti scrivo presto

    Sara

    RispondiElimina
  34. Ebbene lo ammetto: io sono una di quelle aspic-vade retro!!!Lo trovo molto scenografico, ma temo che rimarrei infastidita dalla sua consistenza poco solida cosa che invece apprezzo molto quando do un morso ad un bella mela croccante(sarà che io al contrario tuo vivrei di frutta fresca)...Tuttavia le tue quattro motivazioni sembrano essere molto valide e anche convincenti, quindi considerando che tu te ne sei mangiato una da sola anche potrei rimanerne affascinata. Io la tua ricetta me la prendo e spero che non passeranno dieci anni, ma prima o poi lo provo...Poi ti dico ;-)! Un bacione

    RispondiElimina
  35. cara Viola, a me gli aspic sono sempre piaciuti esteticamente perchè mi sembrano dei capolavori, però anche io sono sempre stata reticente a riprodurre le belle foto dei giornali e non ne ho mai mangiato uno! avrei voluto assaggiare il tuo! sei sempre bravissima, e originale. mi sa che mi hai quasi quasi convinto a provarli!

    RispondiElimina
  36. Bellissimo da vedere!! Ma mai assaggiato!! Chissà come è buono!!!!!
    A presto!
    Angela

    RispondiElimina
  37. Carissima Viola,
    sembra una meraviglia questo aspic!
    Anche io come te sono stata reticente ...ma le tue argomentazioni devo proprio dirti che potrebbero farmi capitolare e provare a realizzare il mio Aspic:)

    Buona serata!
    B.

    RispondiElimina
  38. Ciao cara!! Ma che meraviglia! Io l'ho sempre fatto con le verdure, ma così dev'essere strepitoso!! Bravissima!! Un bacione.

    RispondiElimina
  39. Cet aspic aux fruits rouges est magnifique.
    J'en mangerai une tranche avec un infini plaisir.
    A très bientôt.

    RispondiElimina
  40. Quando ho letto Aspic ero curiosissima di vedere la forma, la composizione interna di ciò che avevi scelto, i colori, gli abbinamenti, ma sinceramente della gelatina in sé in m'importava nulla! Gli aspic in generale mi sono sempre piaciuti esteticamente, per la fantasia con cui li si compone, i bei colori, le forme che vengono date al cibo prescelto. Però se ne dovessi mangiare un po' mi troverei in difficoltà! IL tuo è davvero molto bello e colorato, poi un aspic di sola frutta non mi era capitato di vederlo prima, una scelta buona e salutare, come dici tu.
    Per me il problema è proprio la gelatina! ..non si potrebbe fare col budino?! ;) Già, non sarebbe più un aspic!..un Bud-spic?! :D

    RispondiElimina
  41. @Tutte: grazie per i vostri commenti, siete sempre gentili....e..alla fine pensavo saremmo state in meno...le estimatrici dell'aspic voglio dire :D....Invece cquante siamo? tre , quattro?....beh, mica male no?
    Vorrei rispondere a chi mi ha chiesto dove si puà trovare l'agar agar: io lo prendo al "Natura si" o anche nei negozi di alimenti asiatici/orientali:
    Un bacio a tutti

    RispondiElimina
  42. Complimenti,um aspic veramente ben riuscito.Poi tutto alla frutta sembra veramente leggerissimo e dolcissimo.Brava.
    Bellissima la presentazione.
    Un bacio Fausta

    RispondiElimina
  43. L'aspic è una di quelle ricette che vorrei provare da sempre... mi segno la ricetta ;)

    RispondiElimina
  44. Ciao!!!!! No.....io adoro l'aspic!!! D'estate realizzato con le verdurine fresche e saporite, in primavera con le fragoline...aahh!!!!
    Mi hai fatto venire una gran voglia!!!!!!
    Bravissima, chiama se ne hai da smaltire!!!!!!!
    Un bacione!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  45. io non l'ho mai assaggiato, ma sarei curiosa di farlo, mi hai stuzzicato la curiosità :) Buona giornata, baciotti!

    RispondiElimina
  46. E' da una vita che non faccio un aspic!!!!! Grazie di avermelo ricordato Viola, bacioni!!!!!

    RispondiElimina
  47. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  48. ciao cara, ma lo sai che non ho mai provato l'aspic e pensare che mi incanto a guardarli!!! bravissima.
    baciotti

    RispondiElimina
  49. Eh eh ci volevo io per farti preparare un aspic e che aspic!!! Certo, potevo inventare l'abbecedario 10 anni fa...ma non sarebbe stato lo stesso, ne sono sicura :-)

    Grazie per aver partecipato, sai che ci tenevo ;-) Pronta per la B? Io sono un po' in ritardo, ma ce la farò!

    RispondiElimina