Lightbox Effect

lunedì 28 febbraio 2011

Biscotti della salute

e vivrete mille anni


Un giorno una foodblogger piemontese decide coraggiosamente di sfidare il clima rigido e un certo numero di chilometri per andare a conoscere una foodblogger veneta.
La foodblogger veneta è molto felice di quest'idea e comincia a pensare a tutto quello che con la foodblogger piemontese avrebbe potuto fare in quei due giorni.
Il primo giorno passa veloce tra forni e fornelli dove le due fanciulle sembrano essere totalmente a loro agio.
Il secondo giorno passa ancora più velocemente tra assaggi, acquisti, chiacchiere e racconti.
Il terzo giorno però la foodblogger veneta vuole qualcosa di veramente speciale.
Pensa e ripensa, (che neanche un filosofo in cerca di risposta a un qualche quesito esistenziale avrebbe saputo fare), la foodblogger veneta fa una scelta controcorrente. E mentre il mondo impazza per il carnevale, tra divertimenti ed abbuffate, ha un'idea che pensa piacerà moltissimo alla sua nuova amica. 
E così certa dell'entusiasmo che la notizia avrebbe suscitato esclama:
"sai dove vorrei tanto portarti domani? al cimitero!"
E' talmente entusiasta che l'occhio terrificato della nuova amica non le suggerisce che forse l'idea non è proprio delle migliori. Ha già in mente il suo piano e ormai lo metterà in pratica.
Malgrado la notizia shock, la foodblogger piemontese riesce comunque a passare una notte tranquilla e l'indomani, malgrado una comprensibile rassegnazione, riesce ad affrontare la giornata con entusiasmo. Viola è felice di leggere negli occhi della Parentesina tanta gioia e allegramente procede verso la tanto decantata meta.
In quel momento non ha pensato che forse la sua nuova amica avrebbe potuto ritenerla un pò strana. La meta scelta le sembra così perfetta che proprio l'idea nemmeno la sfiora. E dopo qualche difficoltà, che ricorda loro un percorso di espiazione (forse si sentivano in colpa per le calorie ingurgitate il giorno prima?), raggiungono la tanto sospirata meta e finalmente varcano la soglia di questo luogo meraviglioso.....veramente meraviglioso.....
Si tratta a tutti gli effetti di un'opera d'arte. Non solo la tomba Brion è un'opera di grande impatto....ma per i visitatori è un vero e proprio viaggio introspettivo. Vi lascio qualche foto e se venite da queste parti non mancate di visitarlo, insieme ai dintorni, Asolo in primis, vale la pena. Dalla primavera a fine estate è la stagione migliore per apprezzarne la bellezza.

Ingresso del cimitero Brion
Particolare della chiesa
Esterno della chiesa e percorso sull'acqua
Il padiglione sull'acqua
Vista dal padiglione verso Asolo

Ora, che c'entra tutto questo con i biscotti della salute? Beh, forse poco, ma per esorcizzare vi lascio con le parole di Pellegrino Artusi che nel suo libro "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene" li introduce così:
"state allegri, dunque, che con questi biscotti non morirete mai o camperete gli anni di Mathusalem"
Beh, mi sembrava doveroso lasciarvi con queste parole e questa ricetta dopo avervi consigliato una visita al cimitero!
A parte il loro straordinario potere di farvi raggiungere l'età di Matusalemme, sono veramente molto buoni, se non li conoscete provateli e vi garantisco che nessun cimitero vi spaventerà più!
Bene, e se qualcuna di voi stava pensando di venirmi a trovare....beh...ora ha qualche elemento in più per decidere, io vi aspetto con grande piacere, ho ancora tante cose che vorrei farvi visitare......

Ingredienti

farina: gr 700
zucchero semolato: gr 200
burro: gr 100
cremor tartaro: gr 20
bicarbonato di soda: gr 10
uova: 4
vaniglia: una bacca
latte: qb
sale: un pizzico

Procedimento

Setacciare la farina con il bicarbonato e il cremor tartaro. Mescolare lo zucchero alla farina, fare la fontana, aggiungere il burro a pezzetti, la raschiatura della bacca di vaniglia, le uova, il pizzico di sale e impastare aiutandosi con un pò di latte fino ad ottenere un panetto morbido ma non troppo (deve potersi lavorare bene con le mani ma non deve essere appiccicoso)
Una volta che si è formato il panetto, dividerlo in quattro pezzi e date loro la forma di piccoli filoni. Appiattiteli leggermente e poneteli in una placca rivestita di carta forno ben distanziati tra loro. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C finchè assumeranno un bel colore dorato. Lasciarli riposare fino al giorno dopo. Trascorso il tempo affettarli sittilmente a fette di circa tre millimetri di spessore. Posizionare i biscotti in una placca rivestita di carta forno e cuocere a 150°C finchè i biscotti saranno leggermente dorati. Se necessario girarli per farli dorare uniformemente. Farli raffreddare e conservarli ben chiusi in sacchetti di plastica o in scatole di latta.

Alcune annotazioni: per aromatizzare i biscotti potete scegliere quello che vi piace di più. O scorza di limone grattuggiata, o d'arancia, o semi di anice (un cucchiaio colmo andrà bene, ma dipende dai gusti).
Se preferite potete sostituire il bicarbonato e il cremor tartaro con del semplice lievito per dolci tenendo conto che una bustina basta per mezzo chilo di farina.
I biscotti si conservano molto a lungo se ben chiusi in sacchetti o scatole di latta
Nel forno di casa bisognerà cuocere i filoni due alla volta, oppure dimezzare la dose se si preferisce un'infornata unica.

Scusate se in questi giorni non sono passata dai vostri blog ma come avrete capito sono stata molto impegnata. Messi da parte i cimiteri da oggi torno alle vecchie abitudini!
Un bacio a tutti e al prossimo post (torno presto che parecchi contest stanno per scadere e mica me li posso perdere, figuriamoci!)

60 commenti:

  1. che bella storia...di amicizia...e di lunga vita!

    RispondiElimina
  2. Oh mamma, biscotti della salute dopo il cimitero :-) a parte gli scherzi meta a quel che vedo davvero notevole.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  3. Sicuramente originale tesoro come proposta di giro turistico. Quanto meno sono sicura che avrete trovato un bel po’ di calma :)))))))) Ma che bello hai consociuto Tiz ^__^ Questa poi me la devi raccontare...se ti va ;)
    Sai che adoro questi biscotti?Tempo fa mi ero anche rirpomessa di farli ma come al solito, per metterci lo zampino, alla fine ne ho ricavato delle simil fette biscottate ai cereali. Altro che partire per la tangente!!!!!!!!!! Però prometto che la prossima volta seguirò passo passo la ricettaa. Non aspiro a vivere quanto matusalemme ma a mangiare degli ottimi bsicotti sì :D! Bacioni scriciola, buona settimana

    RispondiElimina
  4. violaaa la ricetta me l'appunto subito, il tuo post mi ha fatto rotolare per le risate ...le foto sono davvero belle,dev'essere un percorso davvero suggestivo , poi che dire io penso che molti cimiteri in Italia siano delle opere d'arte, anch'io qualche mia amica, suo malgrado, l'ho trascinata al Verano superato il primo empasse è stato davvero suggestivo anche per lei tanto che poi c'è riandata con altri suoi amici :)

    RispondiElimina
  5. Ecco dov'era finita anche lei. Io adoro i biscotti della salute e adoro anche andar per cimiteri. Se passate da Milano vi porto al Monumentale, che è proprio un'opera d'arte.
    Bacioni e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  6. se accetti prenotazioni... io mi prenoto ;-)

    RispondiElimina
  7. che bello leggere di una vera amicizia....buona settimana.

    RispondiElimina
  8. ok facciamo cambio con quello che vuoi!!!!!!!!!troppo buoniiiiiiiiiiiiii!!

    RispondiElimina
  9. Bene bene, che bello che non c'è l'ammoniaca!!! (che io detesto...)
    Devono essere davvero croccanti e deliziosi, brava!
    Buon lunedì, un bacio

    RispondiElimina
  10. Te l'ho detto che i tuoi post ultimamente mi fanno schiantare...e anche questo non è da meno...troppo bella l'intro. DEVO vedere questo cimitero, è una cosa unica..non me lo aspettavo mica così!!! però poi mi porti anche ad Asolo che non ci sono mica stata.

    I biscotti saranno sicuramente deliziosi, non li ho mai assaggiati ma mi intrigano...e poi vuoi mettere arrivare all'età del rum più buono del mondo? :))
    e poi la foto dei biscotti è bellissima, stai migliorando a vista d'occhio tesoro...alla faccia dei due rompiballs ^__^

    RispondiElimina
  11. ok...allora, da oggi me li mangio tutti i giorni!
    :))
    troppo buoni, e che bel racconto di una bella amicizia e molto interessante il "destino turistico" di cui non sapevo nulla.

    bacioni

    RispondiElimina
  12. Certo diciamo che di solito uno sceglie altre mete da far visitare pero' le foto sono caruccie!! E ppi se avete mangiato questi ottimi biscotti non c'era niente da temere!! Baci!

    RispondiElimina
  13. amica mia con te verrei anche in capo al mondo e mi auguro davvero con tutto il cuore che il prima possibile possiamo conoscerci nn vedo l'ora!!!adoro i biscotti della salute sono da sempre tra i miei preferiti ma i tuoi sono spaziali!!!bacioni e tvb,Imma

    RispondiElimina
  14. Certo il cimitero non è una delle mete da far visitare a un ospite, ma questo è davvero particolare e non ti nego che una visitina gliela farei...ma ocn in mano uno di questi biscotti della salute...sai, non si sa ma...! ;-) Ps: l'introduzione dell'Artusi è troppo forte! Un bacione

    RispondiElimina
  15. I biscotti son bellissimi, li avevo addocchiati anch'io e li ho nella lista delle cose da fare!!
    Belle anche le immagini della gita inusuale!
    Brava!!!

    RispondiElimina
  16. beh, una giornata sopra le righe!!che buoni questi biscotti, mi ispirano proprio salute!!

    RispondiElimina
  17. beh devo dire che è totalmente diverso da quello a cui sono abituato. Davvero moderno ed anche artistico!!! Sui biscotti nulla da dire davvero buonissimi. Buon lunedì

    RispondiElimina
  18. Ma la foodblogger veneta non sapeva che in realtà la foodblogger piemontese ha un lato grottesco abbastanza accentuato e alla proposta dell'amèna visita non avrebbe fatto una piega... :D
    E poi la bellezza e la simbologia di quel posto fanno decisamente dimenticare (e ricordare al tempo stesso) del luogo in cui ci si trova.
    Non sarei mai andata di mia iniziativa, privilegiando altre mete, e mi sarei persa davvero qualcosa qualcosa di intenso...
    Bene... ora la f.b. piemontese può eleggere la f.b. veneta a indiscussa guida spirituale :D

    Per quanto riguarda i biscotti posso lasciare una testimonianza firmata e diretta che sono ottimi! Sanno di buono e di sano e trovano degna fine insieme al caffè. E come dice Viò sono "tattici" perchè se ti viene una improvvisa voglietta di dolce riesci a cavartela senza sensi di colpa :>

    Bene... ora vado a cercare un ciitero carino nei dintorni per non essere da meno quando verrai da queste parti... :D

    RispondiElimina
  19. sarà pure un cimitero ma è bellissimo! E questi biscotti semplici son da provare!

    RispondiElimina
  20. Io intanto copio la ricetta dei biscotti, sarà mai che campo quanto Matusalemme!
    Per il cimitero, ci penso un pò su, nel caso dovessi venire a trovarti!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  21. Violetta sei meravigliosa! Hai scritto un post fantastico. Prima, mi trasporti in un mondo di chiacchiere, confidenze e cibo. Buon cibo.
    Poi mi porti in giro per la tua bella regione, e all'improvviso, proponi un giro fuori dagli schemi.
    E come ricetta ci proponi i biscotti della salute.
    Bravissima, mi hai sorpresa.
    I biscotti, hanno un'aria appetitosa ed invitante.
    Porto il tè?

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  22. Quindi se veniamo a trovare ci porti al cimitero???
    Io ci sto! Ma questi biscottini me li devi far trovare, così sgranocchiando guadagnerò qualche anno di vita in più prma di questo interessante giro turistico.
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  23. Magari con la primavera arrivo pure io.....non senza i tuoi biscotti però!!

    RispondiElimina
  24. che bella storia, l amicizia è uno dei valori a cui non rinuncerò mai. Magari venirti a trovare chissà. Però mi devi preparare i biscotti ihihihiih.

    RispondiElimina
  25. Un cimitero davvero insolito!!Ma se passo di lì, mi prepari questi deliziosi biscottini??? Un bacione cara.

    RispondiElimina
  26. le foto sono veramente stupende! bacioni, tesoro, dai una sbirciata dove sai tu....

    RispondiElimina
  27. Ciao tesoro, complimenti per i tuoi deliziosi e invitanti biscotti e per le immagini molto suggestive!! Bravissima, un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  28. Bellissimo post, ci hai divertite con la tua storiella, ci hai incantate con le tue foto e ci hai deliziate con i tuoi biscotti.... bravissima!
    Baci baci!

    RispondiElimina
  29. :-D originale e molto bello! mi segno la ricetta dei biscotti, non si sa mai...!

    RispondiElimina
  30. Ahahahaha..bellissimo il giro turistico ;) e buonissimi i biscotti...ehmmm ecco io quasi quasi pensavo di fare una capatina da te visto che ogni tanto arrivo in zona...pero' il cimitero lo eviterei...ormai lo conosciamo tramite il tuo post ^_^
    Un bacione

    RispondiElimina
  31. che meraviglia,e che foto stupende!!!!

    RispondiElimina
  32. Des biscuits des plus savoureux.
    J'aime beaucoup cette texture.
    Bonne semaine et à bientôt.

    RispondiElimina
  33. Che stupendo Asolo...ci sono andata parecchie volte! Ma a quanto vedo anche il camposanto è bellissimo! Poi perché solamente i parigini devono avere turisti che visitano un cimitero?? Cmq facciamo gli scongiuri e mangiamoci i buoissimi biscotti tutta salute!! Bacione

    RispondiElimina
  34. Per prima cosa copio la ricetta e ci provo, non sia mai che l'Artusi avesse ragione ;)
    Per la visita al cimitero....ci risentiamo ;)
    Bellissime foto e deve essere una bella esperienza conoscersi di persona! bacioniiii

    RispondiElimina
  35. Ahahahaha davvero divertente questo post!
    Ma pure io sono piemontese!!! )anche se non mi definirei proprio una food blogger ^_^) e potrei decidere di fare lo stesso percorso che ne dici??? Magari, sarebbe davvero bello....
    un bacione, mi hai fatto venire voglia di biscotti adesso...

    RispondiElimina
  36. Che bello l'incontro tra due food bloggers!
    E' una cosa che vorrei fare anche io....son proprio contenta per te !!
    E' una cosa bellissima
    Un bacio Barbara

    RispondiElimina
  37. Mi hai ricordato me e un mio collega a Milano, viaggio di lavoro, pomeriggio libero. Io "Che facciamo?" e lui "A me piacerebbe visitare il cimitero monumentale" e così ci siamo andati :-) Speravamo anche di trovare la tomba di qualcuno famoso, ma o siamo noi molto ignoranti o abbiamo perso le tombe veramente importanti!

    A parte questo, grande invidia ogni volta che qualche foodblogger supera la soglia del monitor e si conosce personalmente!

    E poi che dire, l'Artusi è sempre l'Artusi ;-)

    RispondiElimina
  38. che bello!! piacerebbe anche a me conoscere alcune delle food blogger a cui mi sono affezionata di più! sarà stata una grande emozione immagino vero?

    RispondiElimina
  39. bei biscotti, croccanti e leggeri! la gita al cimitero un po' mi avrebbe intimorito! però dalle foto sembra davvero particolare

    RispondiElimina
  40. anche se suona strana ma... "che super cimitero" è strano usare l'aggettivo bello per un luogo del genere, ma è l'unica parola guardando le tue foto che mi viene in mente! per quel che riguarda la ricetta invece mi sa che te la ruberò e la proverò... devo giusto giusto andare a trovare un'amico in ospedale che però non può mangiare pesante... gli allegherò le parole dell'artusi così come le hai citate tu! grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  41. Io sono un tipo pratico .....
    Abito vicino a Torino e posso anche venire da te ( mi puoi tascinare dove vuoi, cimitero compreso ..anche noi a Torino abbiamo un bellissimo cimitero monumentale ) e dopo ben vengano i biscotti della salute"!!!!
    Baci!!!

    RispondiElimina
  42. Sembrano le terme più che un cimitero, ti giuro...Ho riletto più volte per accertarmi di aver compreso bene...Molto particolare come posto! Che bello poi l'incontro tra due persone che si sono conosciute tramite il blog...E questi biscotti dell'Artusi so che sono buonissimi...Li feci tempo fa e non durarono molto...Un bacione

    RispondiElimina
  43. Io adoro questi biscotti!!!!...grazie per la ricetta!!!!

    Che racconto divertente :) davvero un bel luogo!

    RispondiElimina
  44. viola hai avuto coraggio!!! dopo una proposta del genere io sarei scappata mooolto velocemente!!!
    però dopo la visione della foto c'è cimitero e cimitero... mangiamoci i biscotti della salute perchè a me ora non mi va proprio di scegliere la mia ultima meta ^__^

    baci
    terry

    RispondiElimina
  45. Gli incontri tra blogger sono speciali, non avrei mai creduto! Questi biscotti sono a loro volta speciali e poi noi per Artusi abbiamo un vero debole! Baci

    RispondiElimina
  46. divertentissimo il racconto .. e molto originale il giro turistico... un baciotto

    RispondiElimina
  47. fantastici i biscotti della salute!
    che bello il vostro incontro!

    RispondiElimina
  48. grazie per averci fatto consocere un luogo di cui ne ignoravo la conoscenza, i biscotti della salute sono della salute ancora oggi tanto che anche quando li fanno a livello industriale per farli venire buoni devono farli semplicemte.....:-))

    RispondiElimina
  49. Adoro questi biscottini...ma i cimiteri...eh, eh...ti rubo qualche biscotto della salute!!! un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  50. Bellissimi e croccolosi i tuoi biscotti, e il post bellissimo, cara Viola sei trooooppo forte!

    RispondiElimina
  51. Dove devo venì???Anche no, grazie!
    Scherzo.Guarda a chi mi chiede "Dove stai?" io rispondo "hai presente la strada che porta al cimitero?" e non è una battuta. Sto davvero in cima a una lunga strada che porta al cimitero.
    Però questi biscotti farebbero resuscitare un morto!Okay smetto, però hai iniziato te ;-)

    RispondiElimina
  52. Buoni e croccanti, non li conoscevo! Un cimitero davvero particolare! Ciao

    RispondiElimina
  53. Ciao cara, i tuoi biscotti sono deliziosi e devono essere anche molto buoni...Il cimitero è incantevole...un bel posto per trovare pace e serenità e le foto sono molto belle!!! Un bacio

    RispondiElimina
  54. E' sempre bello leggerti e prendere spunto per delle ricettine speciali! I tuoi biscotti sono buonissimi, a noi ispira tanto aggiungervi dei semini di anice, mi sa che li proveremo così!
    Grazie per le tue belle parole, in effetti non esiste nulla di più prezioso del sentimento che ci lega ed ora anche della piccola vita che sta crescendo dentro me, grazie davvero per le tue parole!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  55. Hai conosciuto la simpatica Parentesina? Ti invidio per questo :DDD
    L'idea della visita al cimitero poteva sembrare balzana a primo acchito, ma si è rivelata molto interessate :D
    Sono in periodo di biscotti: questa ricetta mi incuriosisce molto, perché mi danno l'idea dei veri "biscotti croccanti" ....

    RispondiElimina
  56. mmmm ma che belli e buoni !!!!!!

    RispondiElimina
  57. Grazie per l'augurio ne prendo un paio ♥

    RispondiElimina
  58. Bellissimi gli scatti e deliziosi i biscotti,da qualche parte ne ho letto una versione con l'anioce e mi aveva incuriosito parecchio, baciotti

    RispondiElimina
  59. Che belli questi incontri!!! :) bello il posto... lo segno!!! ...boni pure i biscotti!!!...dovrei rispolverare anche io il vecchio artusi ;)
    baci

    RispondiElimina