Lightbox Effect

martedì 15 febbraio 2011

Frittelle

ma mica le fritole veneziane

Si si, lo so che sono un pò in anticipo sui tempi.  E' solo che se non le posto ora non le posto più. Diciamo che preferisco togliermi il pensiero. Che non mi piace friggere non è un novità (per me intendo!) ma almeno una volta all'anno s'ha da fare.
Avrete già capito che queste frittelle non sono le tipiche frittole veneziane, quelle col lievito di birra per intendersi. Può darsi che posterò pure quelle, vedremo, non ho ancora deciso. Queste sono le frittelle della nonna. La ricetta la sapeva solo lei e nessuno è mai riuscito a riprodurle identiche. Tanti anni fa, provai a farle confessare il suo segreto. A sentire lei non c'era nessun segreto: "prendi un pò di questo, un pò di quello, aggiungi un pò di quell'altro e poi le friggi!".
Dovete sapere che a casa nostra, forse perchè nessuno faceva mai dolci, queste frittelle erano attese come un evento speciale. Cominciavamo a chiederle già a Natale, sapendo che solo così avremmo potuto sperare di mangiarne qualcuna. Che fossero destinate a dieci persone o quattro, la quantità degli ingredienti non cambiava mai....così, se i destinatari di tanta bontà erano pochi andava ancora bene, ma quando invece erano destinate a tutta la famiglia, compresi cugini e zii tutti riuniti per festeggiare l'evento, le cose si complicavano. Ognuno escogitava il suo piano per riuscire a mangiarne qualcuna in più, ma alla fine erano sempre troppo poche. Sarà per questo che ancora adesso a casa nostra sono ricordate come qualcosa di meravigliosamente buono...perchè siamo sempre rimasti tutti con la voglia di mangiarle! E volete che io non cerchi di riprodurle identiche per riscattarmi di tanti anni di privazione? 
E allora eccole qua cara nonna, chissà che ne diresti tu. Ma io ora capisco il tuo glissare l'argomento, il tuo continuo rimandare, le scuse accampate. Si perchè, a parte la noia di friggere, ora mi sto chiedendo: ma per quanti giorni resterà in casa quest' olezzo?
Ovviamente la ricetta finisce dritta dritta nella mia rubrica I love Veneto....d'altra parte il sottotitolo è: i piatti della tradizione dalla cucina di casa mia. E vi assicuro che se veniste a trovarmi adesso vi convincereste che queste escono proprio dalla cucina di casa mia! Però ne vale la pena.....alla fine anche la nonna capitolava sempre, anche se solo una volta l'anno!

Frittelle

Ingredienti

farina 00: 280 gr
zucchero: 80 gr
uova: 4 grandi
latte: 170gr
lievito: una bustina
uvetta: 200 gr
mele: 2
arancia: la scorza grattugiata di 1
limone: la scorza grattugiata di 1
aroma rum: 1 fialetta
sale: un pizzico
olio: per friggere

Procedimento

Mettere a bagno l'uvetta in acqua tiepida o se vi piace nella grappa. Grattuggiare la scorza di 1 arancia e di 1 limone.
In una terrina mescolare lo zucchero alle uova lavoratele bene. Aggiungere poco a poco la farina setacciata con il lievito alternandola al latte, il rum, la scorza degli agrumi e il sale. Aggiungere le mele grattugiate ed infine l'uvetta ben strizzata ed asciugata. La quantità di farina ovviamente dipende dai liquidi. Deve risultare un impasto molto morbido.
Amalgamare bene tutti gli ingredienti e friggere in olio caldo e profondo facendo scendere l'impasto da un cucchiaio.Friggere poche frittelle per volta finchè saranno dorate rigirandole più volte. La temperatura dell'olio andrà bene intorno ai 170°C, l'importante è che non si scaldi troppo sennò le frittelle scuriranno troppo in fretta fuori rimanendo crude all'interno. Prelevarle con una schiumarola e farle asciugare dall'olio in eccesso su carta assorbente. Quando sono tiepide passarle nello zucchero semolato e farle ricoprire bene. 

Approfitto di questo spazio per segnalare un'iniziativa importante, quella di Caris che mi piacerebbe se tutte andaste a leggere. Il suo è un contest lanciato per portare la nostra attenzione su un problema, quello dell'ospedale Santa Lucia, una struttura specializzata nella riabilitazione psico-motoria che rappresenta una speranza per moltissimi bambini.  Il futuro di questa struttura è incerto e potrebbe essere chiuso per mancanza di fondi. E' importante che utilizziamo spazi come il nostro per informare ed informarci. Per saperne di più leggete qui. Mandate le vostre ricette, saranno raccolte e donate ai bambini del reparto di neurofisiologia. Partecipate numerose.


A Caris mando la ricetta dei miei cuoricini......oggi è San Valentino e con un cuore non si sbaglia mai...

E per oggi ho concluso. A mercoledì, ho promesso ad un'amica che avrei preparato una ricetta per lei...Baci a tutti e buon inizio settimana

65 commenti:

  1. Nemmeno io amo tanto i fritti e a casa mia non li faccio mai, ma una frittellina nel pancino quasi quasi...

    RispondiElimina
  2. Complimenti sono meravigliose queste frittelle...
    Un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. tesoro a chi lodici io odio figgere piu di qualsiasi altra cosa in cucina proprio perche rimane la casa con quella puzza per giorni pero il fritto da amngiare lo adoro e per queste frittele farei decisamento uno strappo e sono sicura che le preparerò anch'io per il carnevale del resto uan volta l'anno un sacrificio dinanzi a cotanta bonta si puo fare giusto???
    bacioni immensiiiiiiiiiiiiiiiiii,tvtbbbb,imma

    RispondiElimina
  4. Mi manca il carnevale, qui in Nuova Zelanda praticamente non esiste, e mi hai fatto venire voglia di friggere... magari le frappe :-)

    Buon S.Valentino

    ♥♥♥♥♥
    A.

    RispondiElimina
  5. che buone devono essere...e si, anche io per friggere rimando e non mi va... un poco per il piccolo ho paura, un poco perchè come tu dici, che noia e l'olezzo non ne parliamo... :))
    ma insomma, una volta all'anno non fa danno...sono stupende, viva le nonne! penso alla mia lissù...
    bacione.

    RispondiElimina
  6. FA VO LO SEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!baci!

    RispondiElimina
  7. Penso proprio che la nonna sarebbe soddisfattissima del risultato. Anch’io non amo friggere ma una volta l’anno potrebbero valer bene uno spalanco di finestre. Besos scriciola, a presto :-*

    RispondiElimina
  8. Le adoro, sono golosissime, una tira l'altra!!!! Complimenti cara, un abbraccio

    RispondiElimina
  9. da me si fanno le pettole così! buonissimeeeeeeeeeeeeeeeee!!!

    RispondiElimina
  10. Quanto mi piacciono le frittelle! Ho preso tutti gli ingredienti...le voglio provare! =)
    Ciao Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  11. Ti perdono che non sono le fritòle venete...perché sono una meraviglia! Questa ricetta da oggi in poi farà parte anche del mio ricettario! Però aspetto anche la ricetta delle prime!! Baci

    RispondiElimina
  12. Ma son tipo castagnole!!!!!! mamma mia che bontà.. te credo che già le aspettavano da Natale... Cheposso escogitare io epr agguantarne una bella manciata??? bacioni e buon San Valentino!!!

    RispondiElimina
  13. per queste qui non bisogna mica aspettare carnevale...anzi si gradiscono meglio ora che dopo quando poi si fa incetta di fritti a piu' non posso..le gusti meglio direi..quindi passamente una decina che ti dimezzo la tentazione del uno tira l'altro..bacioni e complimenti

    RispondiElimina
  14. A me friggere non dispiace: cosa vuoi che sia un po' di odore davanti ad una cosa simile??? :-)

    RispondiElimina
  15. hanno proprio un bell'aspetto Viola!!! una ricetta buona e infarcita di ricordi!!!

    RispondiElimina
  16. Ciao cara!! Buonissime queste frittelle!!!Non finirei mai di mangiarne!! Bravissima! Un bacione.

    RispondiElimina
  17. E' tempo di frittelle, quanto mi picciono e che voglia!!!!!! Un abbraccio cara Viola e buona settimana!

    RispondiElimina
  18. Viola, per le frittele non si è mai in anticipo.
    Sono sempre molto gradite, specialmente se buone come le tue.
    A me non dispiace friggere, certo l'odore è pregnante, ma il sapore che il cibo acquista è eccezionale.
    Ciò nonostante friggo poco, ma per motivi salutistici.

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  19. Che simpatica tua nonna: "metti un pò di questo e un pò di quello". Mi ha fatto sorridere!
    Brava ad aver riproposto la sua ricetta e grazie per averla condivisa.

    RispondiElimina
  20. Bellissimi e zuccherosi quanto mi piacciono!!
    Bravissima cara
    Buon San Valentino Anna

    RispondiElimina
  21. oh... io non mi formalizzo le mangio ora e poi ancora a carnevale :-))) devono essere splendide! buona settimana Ely

    RispondiElimina
  22. Mi piacciono tanto le frittelle... ma io con i fritti ci vado poco d'acordo.. sia per l'odore che rimane.. sia per una mia fobia! ^_^
    Comunque ogni tanto ci vuole no?? E in questo periodo è dura resistere!!

    RispondiElimina
  23. Che buone... mi hai fatto venire una fame!!!

    RispondiElimina
  24. Ma che buoneeeeeeeeeeeeeee!!!!!....bravissima!

    RispondiElimina
  25. Io le adoro.....................devo ammettere che io non le ho mai fattee....ma ieri le ho mangiate a casa della mamma..... e sono una tira l'altra

    RispondiElimina
  26. Ah le frittelle...quante ne ho mangiate d apiccola, la mia cara nonnina me le faceva sempre! E comuqnue per le frittelle è sempre tempo, chi l'ha detto che devono esser fatte solo per carnevale! SOno così festose...e anche se non amo i dolci fritti, una o due me le mangio sempre! :-)

    RispondiElimina
  27. le conosco con il nome "castagnola".
    anche io però non le faccio per colpa del fritto,che s'insinua ovunque per giorni,troppi....

    RispondiElimina
  28. Già, anch'io non amo friggere in casa, purtroppo anche se spalanco tutte le finestre e tengo le porte chiuse, l'odore va a finire su ogni cosa!

    Comunque mi sembra che ne valga la pena, una volta l'anno per fare questi bei bocconcini dolci! :P

    Si vede che è un "difetto" delle nonne, anche la mia purtroppo faceva tutto a memoria e non m'è rimasto nulla di scritto dei suoi manicaretti!

    RispondiElimina
  29. Le ricette di tutte le nonne è il motivo per cui vale la pena girare per blog!
    Cercarle, scriverle, conservarle e donarle:))

    B R A V A

    Un bacio
    Barbara

    RispondiElimina
  30. Io invece detesto friggere...per il puzzo che non se ne va più...
    Certo che queste frittelle, sono uno spettacolo di bontà! E poi perfette....sembran tutte uguali, col centimetro, eheheheh...la classe non è acqua tesoro mio!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  31. A noi le frittelle piacciono tantissimo ed è molto che non le facciamo. La tua ricetta ce ne ha fatto venire voglia!
    Baci da Alda e Mariella

    RispondiElimina
  32. hahaha chissà perchè le frittelle della nonna non sbagliano...da leccarsi i baffi...si vede che quando si diventa nonne si acquisisce un quid per cui tutto quello che si cucina è speciale :)
    Mia nonna era il mago delle polpette, delle cotolette e delle pattatine fritte, mentre mia zia quella delle castagnole e frappe....quindi come vedi tutto il range dei fritti era coperto magistralmente.
    Non ami friggere ma sono abbastanza brava...proverò anche queste frittelle...una volta all'anno se po' fa ^__^

    RispondiElimina
  33. Neanche a me piace friggere in genere ma qualche buona eccezione si dovrà pur fare, ti pare???
    Che buone le tue frittelline!!!

    RispondiElimina
  34. Che voglia mi fai venire Violaaaaaaa!! Bellissime le altre ricette e sempre bravissima!! Un bacio al volooooooo!!!!!

    RispondiElimina
  35. Marò,se le avessi a portata di mano, finirebbero uno dietro l'altra nella mia pancia!! Che bell'aspetto che hanno! Bravissima!

    RispondiElimina
  36. Ottime!! Non vedo l'ora di friggere anche io per carnevale. Mi segno intanto la tua ricetta. baci!

    RispondiElimina
  37. Golosa come sono, ti dico la verità, pur di mangiare fritti non me ne importa niente della "puzza" di frittura in casa. Anzi, che ci rimanga a rinnovare il piacere di averli mangiati!
    Grazie per questa bella ricetta della tradizione!

    RispondiElimina
  38. Nemmeno io amo i fritti, cerco di evitarli, ma ogni tanto ci volgiono e soprattutto con qs golosa ricetta! Non sai come mangerei volentieri qs delizie!!! baci

    RispondiElimina
  39. ma queste sono golosissime!!!meno male che non le posso agguantare!

    Grazie per le tue parole, sono sensibili, delicate e misurate! Grazie ancora!

    RispondiElimina
  40. Io invece mangerei anche le pietre fritte!!!Quindi queste frittelle sono davvero di mio gusto!!!Eppoi sono davvero perfette...come tutto quello che fai!!Un bacio grande grande!

    RispondiElimina
  41. Accidenterbolina che bel blog, e quanto lavoro!!
    Io che trovo complicato ed impiccioso fare solo un'uovo fritto!!!
    Certo qualche volta mi cimento, ma il risultato non mi gratifica mai abbastanza!
    Forse dovrei provare a parlare con gli ingredienti, come si fa' cin le piante...... pensi che il risultato sarebbe migliore?
    Nel frattempo mi godo le tue ricette ed il piacere di girovagare nel tuo blog.
    Le frittelle sono uno spettacolo........magari ci provo!
    Ti ho trovata grazie V.Salvia... e non ti lascio!
    A presto Stefania

    RispondiElimina
  42. Il fatto che noi abbassiamo la saracinesca non ti autorizza a non pubblicare la tua creazione mercoledì ;-) Non commenteremo ma tranquilla che tra pc, ipod e smart phone un modo per leggere il tuo post lo troviamo ;-)

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  43. frittele o frittole cosa vuoi che importi io ne addenterei volentieri una . Qui a Roma le chiamiamo castagnole!!!! verrei di corsa a Venezia per mangiarle.Un bacione

    RispondiElimina
  44. Ciao, qui in romagna le chiamiamo castagnole e sono buonissime. Complimenti. Ciao. meris di "Vaniglia e cannella" e "Il giallo in cucina"

    RispondiElimina
  45. Un giorno vorrò capire perchè c'è chi dice che la pasticceria è precisione e dosi spaccate al gr e poi chiedi la ricetta alla nonna del serpone più buono del mondo e ti accorgi che lei la bilancia non l'ha mai nemmeno acquistata...I misteri che non riusciremo mai comprendere...Queste frittelle di tua nonna dovevano essere divine e se lei avesse assaggiato le tue sono certa che avrebbe approvato in pieno...L'oleazzo quello ci sta tutto, fa parte del compromesso con il goloso fritto!Lui rende più buono tutto ma poi s'impossessa della tua casa...;-). Un bacione

    RispondiElimina
  46. @Tutte: ringrazio tutte per i vostri commenti sempre così gentili. In tante mi avete scritto dicendomi che da voi queste si chiamano castagnole. In realtà le castagnole ci sono anche qui, ma queste sono frittelle. Sono morbide e non compatte come le castagnole. L'impasto riposando tante ore lievita e il risultato rispetto alle castagnole è molto diverso. Anche l'impasto iniziale lo è. Le castagnole si formano prima di cuocerle,per queste frittelle si parte da una pastella morbida che viene fatta scendere da un cucchiaio...questa è la differenza sostanziale.
    Baci

    RispondiElimina
  47. Lo sai che sono proprio buone!!!!!!!!Buona giornata deny

    RispondiElimina
  48. evviva le nonne Viola!Le mie mi mancano molto!
    Baciii

    RispondiElimina
  49. meno male che ti sei tolta il pensiero così noi le possiamo vedere e sbavare davanti al monitor.. anch’io non adoro friggere per via della puzza che rimane e ormai ho risolto il problema mettendo la friggitrice sul balcone.. un bacio

    RispondiElimina
  50. Ma dai! Pure a casa mia non si son mai fatti dolci tranne una torta di mele (buona, ma non trascendentale) e le frittelle di mele e le bugie a carnevale!
    Hai ragione... anche io odio friggre, ma una volta all'anno s'ha da fà!
    Che buone calde calde... posso??

    RispondiElimina
  51. Stupende, buonissime!!!!
    Conosco il gusto di queste frittelle, perchè la mia mamma venetissima ogni anno le prepara, con gli stessi ingredienti!!!! Quindi, immagino siano simili!!!!!
    Ma quell'odore che penetra uvunque...è insopportabile!!!! Una volta all'anno, in taverna (lontano da abiti, divani etc.) si fanno e si mangiano con gran gusto!!!!!!!
    Un bacione e........ evviva le nonne!!!!!!!

    RispondiElimina
  52. Davanti a delle fritteline così golose, uno strappo alla regola è necessario :D
    Furba la tua nonna con i suoi segreti gelosamente custoditi ....

    RispondiElimina
  53. Guarda che non sei in anticipo sui tempi, il carnevale comincia il 17 febbraio e quest'anno è piuttosto lungo!!!
    Per quanto riguarda la ricetta... bè, mi sembra ottima.. e poi le palline sono perfettamente rotonde ;)))))

    RispondiElimina
  54. Certo non direi che adoro fare il fritto, il cui odore si appiccica ovunque (vestiti e capelli inclusi) però nemmeno mi dispiace di tanto in tanto: inutile dire che le cose più "sostanziose" sono anche le più buone. Bella la tua ricetta ricca di storia familiare ^_*

    RispondiElimina
  55. cara Violetta in fatto di fritto devo battere 5 con te.....però proprio in questi giorni mi son detta che qualche eccezione s'ha da fare e anch'io ho riesumato una ricetta della tradizione......naturalmente veronese ^______^ ma comunque del nostro bel veneto!! ciauzzzzzz

    RispondiElimina
  56. che meraviglia meno male che non ho davanti a me quella ciotola perchè sarei capace di sfuotarla in pochissimi minuti

    RispondiElimina
  57. ciao ti va di partecipare ad un contest per festeggiarel' unita' d' italia?
    passa da me http://lacucinadiantonella.blogspot.com/
    grazie a presto
    p.s adoro le fritole, anch'io le ho gia' fatte devo solo postarle.
    buona serata

    RispondiElimina
  58. Le frittelle della nonna...che meraviglia! A dire il vero anche noi friggiamo poco, ma quel poco è sempre per regalarci qualcosa di speciale. Ce le segnamo e saranno i nostri prossimi dolcetti, noi le abbiamo sempre preparate in modo completamente diverso e ti confessiamo che questa versione ci ha preso!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  59. la frittura si fa male, ma ogni tanto godiamocela!!!!!!!!!!!! io ne mangerei un piatto, buone.....

    RispondiElimina
  60. ma che bontà, ma che bontà!! ci hai fatto venire un'acquolina..!
    passa a trovarci =)
    baci
    MMM
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  61. Meravigliose e dedicate ad una persona speciale!!
    so perfettamente cosa vuol dire "un po' di quello, un po' di quell'altro..." mi mamma!!
    baciotti
    Vero

    RispondiElimina
  62. Nonna sarebbe felice...ma guarda che palline deliziose!
    Si hai ragione circa l'odore persistente, ma è pur sempre l'odore di una frittura genuina.
    Bacioni gioia, buona giornata!

    RispondiElimina
  63. guarda...ho letto il tuo post e penso alla mia, di nonna, che ancora continua a liquidare ogni richiesta di ricetta con un "sì, ma poi sai, fai ad occhio" o "eh, ma io non uso mica la bilancia"... ;)

    RispondiElimina
  64. ma che belle che ti sono venute! io ho cercato di fare le fritelle lasciando cadere l'impasto dal cucchiaio ma mica mi sono venute cosi rotondine :( sei bravissima!! :D

    RispondiElimina