Lightbox Effect

giovedì 14 aprile 2011

Madeleines

quelle francesi...un ricordo vintage.


Di certo la madelaine non si può definire un  dolcetto vintage. Piuttosto un evergreen direi, uno di quei docetti per i quali sembra che il tempo non passi mai. Eppure da Proust che gli ha dato grande popolarità ad oggi, ne è passato un bel pò, ma il suo fascino non ne ha propio risentito.
Potrei definire vintage invece la mia voglia di prepararle, che risale quantomeno alla fine degli anni '70, anni in cui su per giù credo di aver mangiato le mie prime madeleines. Ma devo andare con la memoria agli anni '80 per vedere affermata senza ombra di dubbio la mia passione per la pasticceria.
A prova di questo rimane un manuale di pasticceria che negli anni '80 mi feci regalare dal mio fidanzato di allora.


Trattasi di un vero manuale, con spiegazioni tecniche sulle tante preparazioni in pasticceria e corredato da foto di un brutto che non riesco nemmeno a descrivere perchè non ricordo in vita mia di aver mai visto nulla di tanto brutto fotograficamente parlando.
Cos'abbia affascinato il fidanzato tanto da decidere per quel manuale ancora non me lo spiego. Fatto sta che ho sempre pensato che quel regalo, più o meno inconsciamente, abbia irrimediabilmente incrinato il nostro rapporto.
Non vi darebbe da pensare se il vostro amore vi regalasse qualcosa di tanto brutto? La cosa mi sconcertò talmente, che mi rifiutai per anni di consultare il manuale. Fino a quando però, acquisita una certa esperienza, non cominciai ad apprezzare le cose che allora mi sembrarono impropronibili.
Ricette magari non proprio immediate e spesso complesse, poche e bruttissime foto, ma una ricchezza di preparazioni che non ho mai ritrovato in nessun altro libro o manuale di pasticceria che dir si voglia
Diciamo che mi sono riappacificata col manuale da poco tempo. E ho pure cominciato a chiedermi: non è che l'ormai ex fidanzato ci avrà visto lungo e senza fermarsi all'apparenza delle cose ha guardato più alla sostanza che all'estetica? Sarebbe bello poterlo credere. Magari gli telefono e glielo chiedo....
Comunque, quando Tiziana ha lanciato il suo contest non ho potuto che pensare al mio amato/odiato manuale e la ricetta che ho scelto è proprio quella che aspettava di essere provata proprio dal giorno in cui lo ricevetti....
Lo so, ne è passato di tempo, ma rimuovere certi traumi non è sempre facile...Ho dovuto sfornare tanti di quei dolci prima di trovare il coraggio di avvicinarmi a queste ricette che c'è voluto il tempo che c'è voluto. Non è che son tutte complicate eh...ma la prima impressione qualche volta ci condiziona fin troppo. Ed eccole qua, le mie Madeleines vintage (grazie anche al prezioso contributo di una meravigliosa fanciulla che mi ha fatto dono dello stampo! Grazie Aria, sei un angelo, anzi, una streghetta!).
Ho scelto come prima la ricetta francese, ma proverò presto anche quella svizzera. Rotto il ghiaccio, sarà impossibile fermarsi...questo manuale deve recuperare soltanto più di vent'anni d' oblio! E' proprio il caso di dire: "alla recherche du temps perdu"

Madeleines francesi

Ingredienti
per circa 40 madeleines piccole

zucchero: 150 gr
uova intere: 150 gr (io tre grandi)
tuorlo d'uovo: 60 gr (io uno grande)
farina: 100 gr
frumina: 50 gr
burro: 150 gr fuso
limone: la raschiatura di uno
vaniglia: 1/2 bacca
lievito: 1 cucchiaino
sale: un pizzico

Procedimento

Montare bene le uova e il tuorlo con lo zucchero e la vaniglia. Fondere il burro e farlo raffreddare. Aggiungere  la farina setacciata con la frumina, il lievito e il sale. Amalgamare il composto. Poi aggiungere il burro fuso aggiungendolo poco alla volta. Mescolare eenergicamente l'impasto per amalgamare bene il burro.
Lasciare riposare in frigo per 6/7 ore.
Accendere il forno e portare la temperatura a 240°C
Ungere degli stampini da madeleines con del burro. Infarinarli leggermente eliminando l'eccesso di farina. Versare un pò di composto negli stampi ( non devono assolutamente essere riempiti del tutto, diciamo a 3/4) Infornare. Appena la gobba delle madeleines comincia a crescere, abbassare a 200°C.Cuocere in tutto per 8/10 minuti (per delle madeleines piccole, un pò di più per quelle più grandi, circa 12 minuti )
Sfornare e lasciare riposare due minuti. Poi sformare e far raffreddare su una gratella.

Alcune annotazioni: ho provato anche un altro procedimento, quello che prevede di lavorare poco l'impasto, un pò come per i muffins, senza smontare il composto, lavorandolo velocemente, ma preferisco di gran lunga le madeleines con un impasto più compatto, perciò il procedimento che ho scritto è quello per ottenere questo tipo di madeleines.

Con questa ricetta partecipo al contest di Tiziana "i golosi anni '80"


E con questa ricetta vi auguro buon week end. Baci a tutti e al prossimo post.

69 commenti:

  1. Mi hai fatto ridere con la storia del fidanzato e del manuale inavvicinabile .....
    Le madeleines però mi hanno ammaliata :D

    RispondiElimina
  2. Bellissime, io non avendo lo stampo non mi ci sono mai cimentata. Ne rubo una delle tue e mi preparo per la giornata. Un bacio Angela

    RispondiElimina
  3. Hai fatto benissimo a "rispolverare" questo manuale, hai sfornato delle madeleines davvero belle.

    Complimenti

    RispondiElimina
  4. Alla mia cavia idee così geniali per i regali mai eh? Dovrò fargli un corso di recupero con la vana speranza che afferri il concetto! per ora mi sa che l'unico che afferra è quello di spazzolare via dolci (e non solo) dal piatto!
    Sai che ho un debole per quelle gobbette vero? Prima o poi mi sa che la gobba spunterà anche a me! Se almeno portasse fortuna ad accarezzarla :)) :)) :))!
    Un baciotto scriciola, buona giornata SMACK

    P.S. quel piatto è bellissimo :D!

    RispondiElimina
  5. Mamma che buone *_*
    Quando ero piccola mia madre le comprava sempre al mercato e quindi mi ricordano le merende di allora (insieme ai Soldini e ai Tegolini della M.B.). Devo provare questa ricettina se riesco a trovare lo stampo ;)

    RispondiElimina
  6. adoro le madeleines, le tue sono perfette! un bacione.

    RispondiElimina
  7. Che buone! mi sono sempre piaciute da matti e mi ricordano sempre quando ero piccola e andavo in vacanza in francia con i miei genitori: una buona dose di madeleines non poteva mai mancare! ciao

    RispondiElimina
  8. Mamma mia... per colpa delle madeleines una litigata col mio fidanzato che non ti dico!!!Lui insiste a dire che quella originale hanno farina di mandorle.. ed io dicevo di no.. boh.. nemmeno tu la metti.. che ne so adesso?? fatto sta che son bellissime a vedersi.. io non le ho mai mangiate a dire la verità!!! le assaggio da te.. smack buona giornata :-)

    RispondiElimina
  9. Davvero molto buone,a me piacciono molto ,con il loro gusto molto delicato, a te poi ti sono venute benissimo.
    Complimenti anche per la bella foto.
    Un abbraccio e buona giornata.
    Fausta

    RispondiElimina
  10. Ciao Viola cara... è da un po' che non passo da te!!! perdonami, la primavera ha avuto effetti devastanti.. O.O
    in ogni caso queste madeleines dovrà proprio decidermi a farle prima o poi! sai che non le ho nemmeno mia mangiate???
    Buon weekend cara..

    RispondiElimina
  11. Tesoro posso solo dirti che sul mio PC fanno proprio una gran bella figura e devono essere sicuramente deliziose. Il piatto poi fa proprio la sua porca figura ;)
    I libri di cucina di quegli anni erano tutti un po' brutti, pero' vedi che le ricette alla fine non sbagliavano ^__^

    RispondiElimina
  12. Hai ragione a volte la prima impressione non è sempre giusta infatti anche se il manuale esteticamente non sarà il top ma è dettagliato e preciso allora rimane cmq prezioso e sai una cosa tesoro??Io ho il tuo bellissimo libro delle madelaines custodito come un dono prezioso e grazie a quel libro che ho preso ipirazione per le mie madelaines alle 3 spezie che presto saranno pubblicate in un libro quindi devo dire grazie anche a te per questa bella novità e per il magnifico dono che unito alla tua amicizia mi rende felicissssssssssima ma una di queste madelaines è rimasta per me????Bacioniiiiiiiiiiiii e tvbbbbbbbbbbb,Imma

    RispondiElimina
  13. Ciao Viola,
    bellissime queste madaleines vintage! Io ho lo stampo conservato da mesi e ancora non sono riuscita a farle, mi sa che è ora di iniziare!!!

    RispondiElimina
  14. Adoro le madeleines, adattissime per ogni occasione ed eccezionalmente buone con un bel caffè. Un saluto cara

    RispondiElimina
  15. ahahaha, sei come me: piuttosto che un libro con brutte foto , nessun regalo!!!!!!!!!! vabbè, l'importante è che qualcosa tu ci abbia trovato e che il vostro rapporto sia ancora in piedi!!!^_^

    RispondiElimina
  16. Ciao! deliziose1 delicate e bellissime! molto chic!
    bacioni

    RispondiElimina
  17. Tes madeleines sont magnifiques.
    C'est la seule fois où on est contents d'avoir un gros ventre qui rebondi.
    Je t'en pique une ou deux.
    A très bientôt.

    RispondiElimina
  18. ehhmmm ehmmmm...leggo "il mio fidanzato di allora"....scusaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  19. Ma che belle queste madelein.
    Mi sta venendo un dubbio: ma la mia mail dell'altro giorno ti è arrivata?
    Baci,
    Vero

    RispondiElimina
  20. che buoneeeeeeeeee!!!dai lancia una!!!:-)))) baci!

    RispondiElimina
  21. Sempre eleganti le madeleines, ma una spalmata di nutella sarebbe cafona?! ;P

    RispondiElimina
  22. Senti ma che fine ha fatto il fidanzato? sarebbe davvero interessante chiederglielo.
    Comunque ti preciso che per me sono le 5.30 del mattino e siccome ho i pani in forno sono venuta a trovarti, ma piazzarmi le madeleines così, soprattutto a una ragazza in dieta non si fa!
    bellissime... mi toccherà provarle, che dire

    RispondiElimina
  23. Bellissime e buonissime!!!Un classico che ti è venuto alla perfezione!!! Un bacio...

    RispondiElimina
  24. Brava Viola! Io negli anni 80 non sapevo nulla di cucina a parte che ero adolescente e pensavo ad altro..comunque le madeleines ti sono venute benissimo io ancora non le provo per timore.baci

    RispondiElimina
  25. Tu non ci crederai ma io le madeleines non le ho mai nè mangiate e tantomeno preparate..sia che fossero francesci o svizzere...non sapevo neanche che ci fossero versioni di nazionalità diverse..ecco, c'è sempre da imparare ^_^
    ..e pensare che avrei anche lo stampo in silicone..che dici provo? :))
    le tue sono davvero splendide..
    un bacione e buon fine settimana ..

    RispondiElimina
  26. Violetta ti sono venute perfette!
    Sarà che io amo follemente La ricerca di Proust, ma le madeleines le associo sempre a lui. Gli ho dedicato anche un post!
    Vengo da te con un buon tè?

    Baci Giovanna

    RispondiElimina
  27. Non so da quanto tempo è che non le mangio e non ricordo più neanche che sapore hanno... ma ricordo che piacevano tanto alla mia mamma!
    Quindi le devo subito dire di fare una capatina qui da te ;)
    La foto è splendida, come sempre!
    Un bacio ♥

    RispondiElimina
  28. Ma il tuo stampo è in silicone o in acciaio?
    Io sto avendo problemi a sfornarle, ultimamente...
    Sono perfette, che belle!

    RispondiElimina
  29. Un regalo così da mia moglie me lo sogno!!! Per non parlare dei stapini per le madeleines!! Quindi per il momento mi devo accontentare di quelle comprate! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  30. Madeleines perfette, é un sacco che non le mangio...mi hai fatto venire la voglia!Io gli anni '80 li ricordo con gioia, forse perché ero bambina, e mi piaceva molto quello che mangiavo! :-p

    RispondiElimina
  31. Questo tuo manuale mi piace un sacco e queste tue madeleines ancora di più.
    Devo procurarmi lo stampo.

    RispondiElimina
  32. ma dai, che t'hanno fatto quelle povere fragole in copertina :)?? però ora dobbiamo sapere se gli telefoni e soprattutto cosa dice lui!!!!! Guarda là che popò di madeleines ha prodotto questo libro!!!

    RispondiElimina
  33. Il manuale non sarà invitante, ma il contenuto sì, basta solo vedere queste madeleines. Un saluto.

    RispondiElimina
  34. la tua streghetta ti vuole un mondo di bene!

    RispondiElimina
  35. Facciamo un baratto, tu ci mandi un pò di questi meravigliosi dolcetti per la colazione di domani e noi ti mandiamo un pezzo di parmigiana!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  36. Le adoro, e le tue sono splendide!!!

    RispondiElimina
  37. ils sont beaux et très réussis, bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  38. Post perfetto: per un dolcetto proustiano un tour nella memoria! A difesa del fidanzato possiamo dire che le fotografie di cibo in passato erano tutte un po' più brutte... o lui ha scelto davvero il peggio? :) intanto io ho sognato guardando la tua e fosre per l'occasione e l'acquolina andrò a rispolverare il mio stampo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  39. è sempre tempo di un docle cosi buono

    RispondiElimina
  40. Una tira l'altra! Ottima ricetta per il contest!Brava ^_^

    RispondiElimina
  41. Ciao cara, adoro le madeleines!!! Le tue sono deliziose e invitantissime!!! Complimenti anche per la splendida immagine, un bacione

    RispondiElimina
  42. Lo sai si che le tue madeleines sono fantastiche! Un abbraccio

    RispondiElimina
  43. Sono perfette!!!!...bravissima!

    RispondiElimina
  44. mai fatte le tue mi sembrano perfette..un abbraccio.

    RispondiElimina
  45. Devo solo comprare gli stampini per fare queste delizie, mi ricordo che da piccola le adoravo!!! Sono buonissime!!!Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  46. L'ultima vlta che le ho fatte mi è scappato troppo lievito e si sono trasformate praticamente in muffin!! Ho già preso tutto, adesso provo la tua ricetta e speriamo che anche per stavolta non mi espolda il forno!!! Buona giornata ciao :)

    RispondiElimina
  47. Non ho lo stesso libro,ma uno simile e risale allo stesso periodo!Ma sai che oggi invece,mi è di tanto aiuto??Allora certe cose mi sembravano inavvicinabili,ma oggi con un pò d'esperienza in più,non è così ostico anzi..
    Ma dai dovevi farci vedere qualche foto..sono curiosa!!
    Intanto mi riguardo la tua di foto,che esprime tutta la bontà di queste madeleines!!
    UN bacio tesò e buona giornata!

    RispondiElimina
  48. magari il fidanzato non aveva molto chiari i canoni estetici delle belle foto sul fronte ricette.. ma c'è da apprezzare lo sforzo! :-)
    Le tue madeleins, beh che dire, stupende...

    RispondiElimina
  49. Un racconto che inevitabilmente mi ha fatto nascere il sorriso. Povero ex non capito, lui sì che certamente avrà puntato alla sostanza a differenza di chi regala diamanti *_*
    Alla fine anche il tuo odiato/amato manuale sembra essere per sempre ^_^
    Bellissima la tua partecipazione, grazie!! E poi senza volerlo hai preparato dei dolcetti che mi legano al ricordo della mia nonnina… un ricordo vintage come le ricette del mio contest

    Baci,

    RispondiElimina
  50. Perfette per la mia merendina di metà mattina....accompagnate da un thè o da un cappuccino.....

    RispondiElimina
  51. Bellissime queste madeleines..buonissime pure!!

    RispondiElimina
  52. Sono sempre buonissime...e guarda che "gobbetta" perfetta!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  53. Sei troppo forte comunque grazie per la ricetta ho gli stampi mai usati che figuraaaaa!!
    Dopo Pasqua li farò
    bacioni Anna

    RispondiElimina
  54. Il mio ex una volta mi ha regalato un libro sui suicidi adolescenziali di Crepet....chissa che voleva dirmi???

    Il tuo in confronto era un grande:))))
    Baci,

    RispondiElimina
  55. che splendore, le tue madeleines! complimenti!

    RispondiElimina
  56. Bravissima Viola, sono perfette!! Mamma mia a vederle devono sciogliersi in bocca....e chissà come sono profumate!!
    baci e buon we

    RispondiElimina
  57. Buone le madeleines!!!!! E bello il libro!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  58. ciao, il tuo blog è meraviglioso, per fortuna che l'ho scoperto...per caso come sempre! ti seguirò con vero piacere e grande curiosità...patrizia

    RispondiElimina
  59. Adoro le madeleines! Mi ricordano le merende della mia infanzia e poi sono così sciccosamente letterarie! Le tue sono perfette: piccole, dorate, con una cupolina doc... Me le sto mangiando con gli occhi, tesò! :-)

    RispondiElimina
  60. Quanti ricordi!! Sono veramente perfette!

    RispondiElimina
  61. Bon dimanche et à bientôt.

    RispondiElimina
  62. Adoro questi dolcetti, e il tuo racconto cara Viola mi ha fatto ribaltare!!!! Sei troppo forte, e bellissimo il manuale, bel ricordo!

    RispondiElimina
  63. adoro le madeleines e le tue sono deliziosamente perfette! ti rubo la ricettina e la provo! sei troppo brava! le tue ricette sono delle bontà incredibili, ti seguo sempre! bravissimaaaaa! bacioni e buone palmeeeee!

    RispondiElimina
  64. Ciao carissima, si lo so che mi tiri le orecchie ma sono poco o niente in giro per la blogosfera ultimamente... comunque, è successo anche a me con tanti libri un pò datati e con orribili foto anni 70 che poi ho solo ringraziato al cielo di non aver regalàto!!!
    Ti abbraccio
    pat

    RispondiElimina
  65. Ciao cara Viola, il libro che ha incrinato il rapporto mi ha fatto veramente ridere :D
    Cmq sono veramente bellissime queste madeleines!!
    un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  66. Un gioiellino quel libro eh!!!
    favolose le tue madeleines... io devo decidermi a battezzar lo stampo! :)

    RispondiElimina
  67. E... chi resiste!!
    Che bontaaaa!
    Ti volevo chiedere come si chiama un vostro dolce tipico, sono curiosa!
    Un kiss
    Elisa

    RispondiElimina