Lightbox Effect

lunedì 9 maggio 2011

Frittelle di ortiche

e nuova arrivata


Folgorata sulla via di Damasco come San Paolo, ma da un cespuglio di ortiche e sulla via per il mio orticello. Vederle e visualizzarle in qualcosa di mangereccio è stato un attimo.
Così corro in casa, prendo l'unico guanto in mio possesso, la forbice e un sacchetto e parto per la racolta più pericolosa della storia, per quanto anche quella delle prugne riflettevo, non era stata proprio indolore. Vabbè ma mica le cose devono andare sempre male. No no, il mio unico guanto basterà, starò molto attenta...e poi ho quel piccolo suggerimento: quando raccogli le ortiche, se trattieni il fiato non pungono!
Sarà vero? mah, a me pare tanto strano...comunque all'occorrenza si può sempre provare.
Pensavo che la raccolta sarebbe stato il momento più pericoloso, ma non avevo pensato che, sempre con un guanto solo e trattenendo il fiato avrei poi dovuto anche mondarle, lavarle e buttarle in pentola. Vabbè, ma che sarà mai qualche puntura di ortica.
Ed in effetti non sono quelle che chi m'incontra mi fa notare, quanto piuttosto quella moltitudine di segni insanguinati che ricoprono le mie mani, uniti alle immancabili bruciature del forno di quando ci infilo dieci cose insieme alla velocità della luce per non far abbassare la temperatura.
Roba che le stigmate sono niente in confronto. Penseranno che io subisca tremende torture? Niente di più vero. Terribili torture inflitte da una creatura dall'aria angelica ma dalla natura demoniaca e per la precisione lei. Bellissima vero? Si si, tanto bella quanto malvgia :-)

Ma i gatti non erano buoni e sonnacchiosi, pigri e sornioni? Perchè questa invece sembra posseduta?
Vi basti pensare che da una settimana a questa parte la notte dormo con due calzini di spugna infilati come manopole per difendermi da continui attacchi notturni. Ormai cerco di salvare il salvabile. Non vi dico altro! Comunque, è arrivata da un mesetto e non ha ancora un nome...veramente non avrei dovuto nemmeno tenerla, ma ora come si fa a darla via? Come potrei rinunciare a delle notti da incubo? Vabbè, se vi venisse in mente qualcosa accetto suggerimenti...
Ma torniamo alle ortiche. Superata la fase: le butto in pentola, mi restava solo da pensare come utilizzarle. Pensa e ripensa, delle frittelle di ortiche mi sono sembrate un'ottima idea. Si si lo so che sono fritte, che è quasi estate e che dobbiamo andare al mare e possibilmente in costume da bagno. Però che volete che sia qualche frittella! un piccolo peccato di gola per consolarmi di tante sofferenze! Potevo non provare a completare l'opera con qualche schizzo d'olio bollente? E poi a pensarci bene, di che avevo paura? potevo ancora sperimentare il metodo infallibile di trattenere il fiato. Che funzioni anche contro gli schizzi di olio bollente? Mah, mi sa che i calzini anche in questo caso funzionerebbero meglio! E io che pensavo di aver fatto una spesa inutile quel giorno spinta da un'irrefrenabile voglia di fitness!
Vabbè, vi lascio la ricetta delle frittelle, sfiziose, buone facili, e poi volete mettere la soddisfazione di dire che le avete fatte con le ortiche del vostro giardino per di più raccolte da voi? Basterà esibire le mani per essere credute oltre ogni ragionevole dubbio.

Frittelle di ortiche

Ingredienti

pane raffermo: 160 gr circa
patate: una media, bollita
farina di mais: qb (qualche cucchiaio)
latte vegetale: due bicchieri circa
ortiche: una tazza circa già sbollentate
aglio: uno spicchio
olio: per friggere
sale: qb
lievito naturale: mezza bustina
menta o salvia: qualche fogliolina (facoltativo)

Procedimento

La sera prima, spezzettare il pane ed ammollarlo con due bicchieri di latte circa (la quantità di latte è indicativa, dipende da quanto secco è il pane. Alla fine deve risultare morbido ma non inzuppato)
Ripassare le ortiche in padella con un pò d'olio e uno spicchio d'aglio. Poi tritarle con un coltello. Aggiungerle al pane con un pò di sale. Mescolare bene, poi aggiungere qualche cucchiaio di farina setacciata con un cucchiaino di lievito Aggiungere solo la farina necessaria a formare un impasto che leghi, non esagerare. Caso mai provare a friggerne una ed eventualmente aggiungere un pò di farina.
Scaldare dell'olio e portarlo a 180°C circa e friggere le frittelle facendo scendere l'impasto da un cucchiaio. Toglierle quando sono dorate e metterle ad asciugare su carta assorbente. Friggere infine anche qualche fogliolina di menta o salvia e servirle insieme alle frittelle calde.

Alcune annotazioni: queste frittelle non seguono dosi precisissime, a seconda di quello che si ha a disposizione si può aggiungere un pò più di pane o di ortiche ecc. Io vi ho dato solo delle dosi indicative. Se non ho a disposizione la patata bollita, la sostituisco con qualche cucchiaio di patate in fiocchi.


Con questa ricetta partecipo al contest di Gustoshop: "In fiore"
In premio i prodotti italiani di Gustoshop.biz
Vi auguro un buon inizio settimana, baci a tutti e al prossimo post

64 commenti:

  1. Ciao a tutte due, ma è dolcissima ha un musetto così angelico ;) pensa che il mio da piccolino aveva la "bella" abitudine di arrampicarsi sulle gambe: affilava bene le unghiette e via la scalata... non ti dico che piacere!!!
    buona giornata mia cara anzi mie care!!!
    un bacio
    Carlotta

    RispondiElimina
  2. Che buone le faceva anche nostra zia !!
    ps: il micetto è uno spettacolo :)))
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. Io le ortiche le temo e le tengo lontano... però sono davvero curiosa di provare le tue frittelle!!!! Carinissimo la micia!!! Guarda quando cresce poi si calma... il mio Pallino era irrequietissimo ma adesso è un angelo!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. certo che tra ortiche e unghiette affilate non ti fai mancare niente!! :) Mi sono sempre ripromessa di provare a cucinare le ortiche e adesso che lo sto scrivendo mi vergogno anche un po per non averlo mai fatto prima...mi hai dato proprio l'idea giusta, anche per farle mangiare al resto della mia famiglia...che altrimenti storcerebbe il naso! Buona giornata un bacione ciao

    RispondiElimina
  5. Mai avuto gatti, uno solo quando ero ancora un bebé. Quindi non ho alcun ricordo. Ma un giorno un gatto mi ha graffiato sul naso, da li é iniziata la mia antipatia per i gatti. Mi piacciono ma non ne vorrei uno, per me sono tutti posseduti :)
    E vogliamo parlare di queste frittelle??? Wow, le ortiche, mai mangiate. Devo rimediare!! :)

    RispondiElimina
  6. ciao cara, mai provato le ortiche....che tenero il gatto, baci.

    RispondiElimina
  7. Ma lei è un amore. Con quel visino così angelico... *_*
    Sai che non l'ho mai mangiata l'ortica? Qui in città mi sa che è un po' difficile trovarla ;)

    RispondiElimina
  8. Oh signur, ma sono frittelline da thriller?!?!?!
    mhhhh il suggerimento di trattenere il fiato per raccogliere l'ortica non lo conoscevo ma mica mi fa per nulla affidamento! Non è che chi te l’ha dato voleva giocarti uno scherzetto, magari un pesce d’aprile in ritardo?!?!?
    Però le frittelline devono essere proprio buone, in quel cartoccino tipo “cibo da strada” poi fanno ancora più gola :D! Un baciotto scriciola, a prestissimo :-*

    RispondiElimina
  9. hahahaha che gattina birbantella la mia si chiama Briciola e un pò birbantella hihihi , non è proprio mia diciamo che l'abbiamo adottata vive fuori e quando torna mio figlio da scuola la fà salire un pò di pappa e se ne và!!
    Complimenti per le frittelle!!
    Buon lunedì Anna

    RispondiElimina
  10. ma sai che non le ho mai assaggiate le ortiche? certo che queste frittelle mettono l'acquolina solo a guardarle!!complimenti!!!!

    RispondiElimina
  11. deve essere una vera birba con quel musetto cosi simpatico tesoro...la potresti chiamare appunto birba visto il caratterino:D!!!Le frittele con l'ortica nn le ho ami provate devono essere decisamente sfiziose mi sa che le provo sono un amoreeeee!!Tvtbbbbbbbbbbbbbbbbb,Imma

    RispondiElimina
  12. questa è davvero mitica .. Io le ortiche le odio per quello che mi hanno combnato da piccola :| !!! Ma davvero se trattengo il fiato non pungono ???? iihihihihi ^_^ credo non proverò, ma trasformale in qualcosa di mangereccio è una idea favolosa !!!! Complimenti

    RispondiElimina
  13. Meravigliose queste frittelle!!!!!!!!!!! Con le ortiche di solito ci faccio il risotto o le frittate ... però queste frittelle sono assolutamente da fare: sono perfette per l'apertivo in questa stagione!!!!! Bravissima viola! Baci grandissimi Titti!

    RispondiElimina
  14. beh! però hai ragione sembra proprio un angioletto!troppo bella.
    queste frittelle mi piacciono da morire perchè anche io adoro le ortiche..io sapevo che le spine delelortiche fanno bene ai reumatismi.mah!!!ne vale la pena comunque!

    RispondiElimina
  15. Che tesoro adorabile!!! queste polpette alle ortiche saranno sicuramente deliziose ma puoi capire che tutto il mio interesse in questo momento è per quel piccolo demonio travestito da pelosetta dolcissima ^__^
    La tua descrizione mi ricorda tanto le mie mani quando la Miù era piccola...ero piena di tagli sui polsi che neanche uno che si fosse voluto suicidare:)
    Che ne dici di Malù?

    RispondiElimina
  16. Sono gustosissime ,solo a guardarle,ne assaggerei volentieri uno adesso,visto che ne ho sentito sempre parlare ma mai assaggiate.
    Il gattino poi che dire semplicemente delizioso.
    Un saluto e buon inizio settimana.
    Ciao,Fausta

    RispondiElimina
  17. Bella questa ricetta....molto....ma dove le vado a prendere le ortiche????!!!Uffi......e poi.....ma che meraviglia e' sto gattino?????......

    RispondiElimina
  18. bellissima la gattina... ha un musetto dolcissimo... e favolose anche le frittelle di ortiche.. da quanto tempo non le mangio!!!! mangiavo i ravioli do ortica dai miei nonni.. unbacio

    RispondiElimina
  19. Carissima VIola, mi hai fatto morire con il tuo post. A parte la micia fantastica che chiamerei Attila per la sua verve combattiva, ma la storia delle ortiche e dell'olio mi ha ricordato il mio approccio con la frittura, non sempre positivo. Una volta mi è esplosa una "donzella" (pasta di pane che stavo friggendo) dentro la padella ed uno tzunami di olio mi si è riversato sul viso. Hai idea? Corsa al pronto soccorso, ustione di secondo grado. SOno uscita con le bende che sembravo la figlia della mummia. La fortuna ha voluto che non mi siano rimasti segni e che in quel momento portassi gli occhiali che hanno protetto gli occhi. Comunque, al fritto non ci rinuncio e le tue bombolotte di ortiche sono troppo stuzzicanti. Un abbraccio ed un bacino (da lontano) alla tua micetta stupenda. Pat

    RispondiElimina
  20. I gatti sono tutti speciali! la mia da un po' di tempo ha preso la bella abitudine di svegliarsi la notte verso le 4.30 e di iniziare a buttare per terra tutto quello che trova, io mi sveglio e, visto che mi alzo alle 6 per andare al lavoro, non trovo più pace fino a quell'ora O_o
    Buonissime le frittelle si ortiche, visto che siamo in stagione non devo perdermele!

    RispondiElimina
  21. Che delizia le ortiche, mi copio subito la tua ricetta! ma è il tuo quel gattino...è meraviglioso! da quando è morto il max, alla veneranda età di quasi 21 anni, non ho più avuto il coraggio di adottarne un altro...patrizia

    RispondiElimina
  22. Frittelle di ortiche... e io che credevo che con le ortiche ci si facesse solo il risotto!
    Ho già l'acquolina in bocca...
    La tua gattina ha un musetto tenerissimo e credo proprio che ormai dovresti sceglierle un nome :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  23. Io propongo di chiamarla ortica, non è male come nome.

    trattenere il fiato... ci ho provato e posso dirti che con me non ha funzionato!
    come quella della cipolla: secondo qualcuno se tagli la cipolla con la lingua fuori non piangi. io ho pianto facendo la figura della scema!

    RispondiElimina
  24. che belle! E' la prima volta che vedo le frittelle alle ortiche!!!! Non so che gusto abbia l'ortiche ma queste sembrano golosissime! (comunque il tuo orto è il giardino delle meraviglie!)!!! Un bacio a quel cosetto lì troppo dolce!!!!

    RispondiElimina
  25. ma che belle gonfiotte che ti sono venute!!

    RispondiElimina
  26. Tesoro...ma queste frittelle sono deliziose!!! Immagino quanto siano state buone dopo tutta il pizzicorio per prepararle!!! Quel musetto birbantello è proprio dolce e anche se birbante è un vero amore!!! Un bacione e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  27. Ma cosa altro te venlo in mente? Le fritole con le ortighe..vabbè non lo so scrivere bene il veneto ma proprio le frittelle con le ortiche non le avevo mai viste! Né raccolte..ci sono solo finita dentro da piccola, immagina quanti pianti! Qui le vendono ma non so se posso fidarmi! Bravissima come sempre!
    Per il micetto non saprei perché non ne ho mai avuti per casa dato che mio figlio è allergico.Tanti baci e buona settimana!
    P.S.Conosci le fritole con la maresina? Quanto mi piacciono...

    RispondiElimina
  28. Eccola finalmente, la microba! Speravo in una foto nuova però ;)
    Povera ciccia, mica è colpa sua se per lei è cominciato il periodo della sperimentazione dei denti-questi-sconosciuti.
    Guardandola mi è venuto in mente il nome Minnie.
    Baci,
    Veronica
    PS Evita il nome "Briciola", porta sfiga.

    RispondiElimina
  29. 1-la gattina è un sogno... benvenuta! va beh dai, è un po' vivace, ma è piccolina, avrà tutto il tempo per "ingattirsi" ed impigrirsi come ogni micio che si rispetti ;-)
    2-amo le ortiche! sabato le ho raccolte e usate per un risotto (con la bottarga) e mi sa che trattenereil fiato non basta: è ufficiale, pungono! :D ma basta lavarle e perdono ogni astiosità.
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  30. Ahahahah..sei un vero spasso Viola ^_^
    Per quanto riguarda la micetta ti capisco benissimo...ne avevo una anni fa che mi faceva i dispetti...si si si proprio cosi'...aspettava che stendessi la biancheria sullo stendibiancheria e poi lei ci passeggiava tranquillamente sopra imbrattando tutti i panni..grrrrr non ti dico quanti ri-lavaggi, pero' poi crescendo si è tranquillizzata un pochino ;)
    Peccato che le ortiche non le vendano dal fruttivendolo (eviterei tutti i danni "collaterali")..le prenderei di sicuro pe farci queste favolose polpettine..l'unica volta che ho mangiato le ortiche erano dei tortelli con un ripieno proprio di ortica..buonissimi!!
    un bacione ^_^

    RispondiElimina
  31. Ho i micetti, ho le ortiche... non sai quanto ti capisca e ti sia vicina. Tanto vicina, che ti rubo al volo qualche frittellina.
    Bacioni graffiati!

    RispondiElimina
  32. sono venuta ad asciugarti le lacrime....e anche a mangiare una di queste frittelle squisite, adoro le ortiche, cosa darei per assaggiarne una! non ho mai osato raccoglierle, ma ora so che farei bene a farlo...quand'è che mi prepari anche il risottino? ti voglio un mondo di bene, Viola mia,non volevo farti piangere!

    RispondiElimina
  33. ah, dimenticavo...(e come ho potuto!) la nuova arrivata è fantastica!

    RispondiElimina
  34. Leggere le tue avventure con l'ortica mi hai fatto sorridere. Sarà pestifera ma è bella la gattina.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  35. Come proposto da Patty, Attila è un nome direi azzeccato.
    Non ho mai provato le ortiche in cucina, pur leggendo di tante ricette.
    Io sapevo che toccandosi prima i capelli quando si raccolgono le ortiche queste non pungono.
    Che dici, ci provo??
    Preferisco il gatto.

    RispondiElimina
  36. Hanno un aspetto invitantissimo queste frittelline e mi piacerebbe tanto assaggiarle!!! La tua micetta, anche se è una birba, è meravigliosa!!!! Un bacio, cara e grazie per il post simpaticissimo!!!

    RispondiElimina
  37. Ne è valsa la pena dai perchè sembrano deliziose!!!!

    Ma che musino tenero ha la tua piccola micetta?!?!...come fa ad essere un diavoletto?!?!

    RispondiElimina
  38. E' lei??? E' bellissima! Darla via? Simo, sinceramente da come ne parlavi, ho sempre pensato che sarebbe rimasta con te. Continuo a guardarla, sono incantata, ha degli occhi bellissimi.
    Meno male che sono sola, devo avere l'aria di una scema, persa nel monitor a guardare la piccolina.
    Comunque, mi riprendo in un attimo, perchè io parlo parlo e intanto le frittelle finiscono.
    Di fronte ad un piatto così invitante, la prova costume non è l'ultima cosa che penserei: non ci penserei proprio.
    Comunque, carissima Simo, per rasserenarti, puoi pensare:
    siamo a maggio, una volta tanto una frittella non danneggia la linea, tutto sommato non fa ancora caldo, la piccolina ti fa lavorare di più e quindi consumi moltissima energia.
    Se poi tutti questi pensieri non ti sono stati d'aiuto, puoi mandare il piatto con le frittelle da me a Milano.
    Tesoro baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  39. Non ho mai assaggiato le ortiche e le tue frittelle me ne fanno pentire ...
    Le ho viste qualche mese fa nei vasi sul balcone di mia cognata: potrei recuperare ....

    RispondiElimina
  40. Ahimè subisco anch'io le tue stesse sofferenze!Il gatto c'è e sembra una belva,il forno è acceso notte e giorno e lascia il suo timbro un giorno si e l'altro pure,mi manca solo la raccolta delle ortiche!!Ma provvedo subito,in giardino ci sono parecchi cespugli e val la pena di assaggiare queste frittelle!!
    UN bacio amica mia e una carezza furtiva alla tua belvetta,è tutta da strapazzare!!

    RispondiElimina
  41. . . . se trattieni il fiato, mi hai fatto proprio ridere, se me l'avessi chiesto ti avrei detto che un guanto solo non basta a meno che ti leghi l'altra mano dietro la schiena, e adesso prendo due frittelle che hanno un'aria deliziosa. Bacione.
    ps. al momento ho anche io un dito molto bruciato visto che e` schizzato non so come contro la resistenza del forno, sembrava avesse una volonta` tutta sua di arrostire. . .

    RispondiElimina
  42. che lavoraccio viola! io le assaggerei tanto volentieri ma non avrei la pazienza della raccolta e della mondatura... cmq la tua gattina demoniaca è bellissima e inganna un sacco.. sembra così buona e dolce! mmao!

    RispondiElimina
  43. A vederla non si direbbe proprio che è una gattina birbantella, sembra così tenera...è comunque una gattina adorabile!!! E queste frittelle...incredibili! Davvero originali, mai mangiata l'ortica, ma queste belle frittelle croccantelle mi ispirano!

    RispondiElimina
  44. Ragazza mia io ti stimo!
    Soffri con dignità ed è una cosa meravigliosa :-P
    e soprattutto non smetti di preparare queste cose deliziose.

    RispondiElimina
  45. ammetto di non aver mai mangiato le ortiche...
    e che quella gattina dal musetto angelicale che si trasforma in demonio è troppo caruccia!!! se non me lo dici tu, non ci avrei mai creduro. ma è cariniiiissima!!
    un bacione

    RispondiElimina
  46. Noooo buonissime!!!!Le voglio anche io...prendo spunto per la mia rubrica di montagna!!!Bacio tesoro!PS La gattina è uno spettacolo...vedrai che crescendo non lo farà più...o no??!!!

    RispondiElimina
  47. La gattina è una favola.........
    Le frittelle devono essere buonissime, non le abbiamo mai fatte, ma hanno un ottimo aspetto!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  48. frittelle favolose, anche se le ortiche mi mettono sempre un pò di ansia, nella raccolta quantomeno!
    lamicia è carinissima...mettila così,almeno è di compagnia ;-)

    RispondiElimina
  49. Carissima Viola ma che meraviglia delle meraviglieeeeeeeeeeeee!!! Si, mi riferisco in primis alla gatta innominata, poi alle frittelle! ^_^ la nuova arrivata è splendida, mi si è aperto il cuore al solo vederla! Ma chi te lo ha detto che i gatti sono buoni e paciosi?? Sicuramente qualcuno che non ci ha mai vissuto insieme, sono delle creature magiche.. bisogna saperle amare!
    Ah si le frittelle! Ehm.. ho appena trovato un campo di ortiche ed ero in cerca di ricette di infusi, intrugli e invece trovo queste! Mica male!!
    Sulle lingue di gatto (tanto per rimanere in tema)copio/incollo la risposta che ho già scritto sotto al mio post, così sono sicura che la leggi!
    "Dunque come consistenza queste le ho trovate perfette appena fatte.. il giorno dopo "gommizzano" un pochino in effetti, ma io considero questo tipo di preparazione come quelle che non avanzano quasi mai quindi non mi preoccupo più di tanto. Non ho mai usato nessun'altra ricetta quindi non posso fare confronti!"
    Infine a queste sante ore ti saluto e ti abbraccio, a presto!

    RispondiElimina
  50. Sono meravigliose queste frittelline...beata te che riesci ancora a trovare le ortiche...qua è pura utopia!
    E del musetto del pelosotto...ne vogliamo parlare?!
    bacioni mia cara

    RispondiElimina
  51. Violaaa grazie di cuore per gli auguriii!! ma certo che li accetto anche in ritardo!! :** grazieeeee!! :) e sono felice che almeno per questo post riesco a far sorridere!! ^^ allo psicologo ci ho rinunciato ormai..tanto non mi capisce nemmeno lui ihihih :D !!! un bacioneeee!! e grazie ancora :****

    RispondiElimina
  52. buone ed insolite... e che meraviglia quel musino pelosino! un abbraccio Chiara

    RispondiElimina
  53. E se ti dicessi che quando ho letto il titolo del post nel feed ho letto "frittelle di oStriche", ci credi??? Così ho pensato "ma le oStriche non si mangiano crude?" poi però il pensiero "se Viola le ha fatte così saranno buone"...ecco, appunto si parlava di oRtiche, non di oStriche :-)

    RispondiElimina
  54. Quanto è dolce la micina, bellissima!!!! Golose invece le frittelline, brava Viola!!!!!

    RispondiElimina
  55. che squisitezza, una delizia di frittelle! complimenti!

    RispondiElimina
  56. Che spettacolo questo post eccezionale la ricetta.
    Ti ho assegnato un piccolo premio qui
    http://www.cosebuoneditalia.com/2011/05/wow-unaltro-premio-per-cose-buone.html

    RispondiElimina
  57. Giusto l'altro giorno mentre ero a camminare ho trovato un immenso bordo della strada pieno di ortica...Peccato non avere alcun guanto altrimenti l'avrei raccolta per farci un bel risotto! E ora che vedo queste tue golose frittelle rimpiango ancora di più il guanto mancato. E visto che stasera l'istruttore della palestra mentre mi allenavo si mangiava anche lui un calzone fritto, se mangiassi una di queste tue delizie mi sentirei meno in colpa ;-)! E quel gattino, ma quanto è carino?! Peccato che faccia più danno lui che le ortiche...Perchè non la chiami Morfi che sta per Morfeo visto che attacca di notte ;-)?! Facci sapere come andrà con la tenera e terribile bestiolina! Un bacione

    RispondiElimina
  58. complimenti !!una ricetta molto originale!!e il gattino è carinissimo!

    RispondiElimina
  59. Ahhh..che meraviglia che è!!! le frittelle sono bellissime e buonissime ma vista la mia passione per gli animali, stavolta vanno in secondo piano!
    Si vede che è monella nel profondo e tenera alla stesso tempo!
    Secondo me non ti resta che chiamarla ZUCCHERO!:)))
    così diventa anche la mascotte della blogosfera !
    Bacio
    Barbara

    RispondiElimina
  60. ma morbidosaaaaaaaaaaaaaa e bellissima la tua micetta! ahahah io le ortiche le faccio raccogliere al capitano e lui mi ha venduto la storia che quando le metti sotto l'acqua non pizzicano più e per me è vero :-)))) buonissime queste frittelle!!!!!

    RispondiElimina
  61. forti le frittelle!!!:D Io non le ho mai cucinate se non con il risotto, ma le fece mamma...
    però viste così sono simpatiche!!!

    e la micetta!!?!?! Chiamala ORTICA :D

    RispondiElimina
  62. bel modo di utilizzare l'ortica, che bel micino è un batufolo d' allegria

    RispondiElimina
  63. Oh amore...angelica allo sguardo, diavoletta nell'animo... co sti caldi ti vedo bene a dormire con 3 calzini sui piedi!!!
    Speriam sia il fervore della giovinezza dai... e che si calmi!
    Anche qui in famiglia siam cressciuti, ma nulla di nuovo... cioè ho portato a casa mia la mia gatta vecia di 17 anni che però viveva con mia madre ...mia mamma diceva le faceva compagnia ma ultimamente si lamentava nel stargli dietro e la gatta faceva strani dispetti, così ora è di nuovo con me, son di un felice.... e la micia sta di un ben!!!

    Per le ortiche non so che guanti haiusato ma io di quelli di lattice ne uso 3 per non sentire che pungono!!!...Però che buone che sono! deliziosa l'idea delle frittelle, golose davvero!
    baci e una grattatina alla micia!

    RispondiElimina
  64. Buone, mai provate ma penso sia arrivato il momento...Passavo di qui e intanto mi sono unita ai tuoi lettori fissi, ciao SILVIA

    RispondiElimina