Lightbox Effect

lunedì 12 settembre 2011

Sciroppo di ribes

del mio orto


Sciroppo di ribes


Mi succede sempre! Se tengo le ricette troppo a lungo senza postarle, poi non mi va più di farlo. Così spesso me ne ritrovo un bel po', di cui non so più che fare. Ma a pensarci bene sono perfette per i momenti di crisi di ispirazione o per quelli troppo concitati.
Ora, non che questo lo sia, diciamo piuttosto che subisco ancora un po' la svogliatezza del dopo vacanze, unita al fatto che questa ricetta proprio non mi va di non postarla per due ragioni: la prima è che fa parte della mia rubrica orto-giardino che quest'estate, in preda ad una specie di raptus noblog, ho trascurato alla grande.
La seconda è che si tratta del mio primo sciroppo di frutta (se escludiamo quello di viole, che in effetti era di fiori, altro procedimento). Insomma, non potevo proprio non postarla, tanto più che la ricetta è di uno che di cucina ne sapeva qualcosa, il mitico Pellegrino Artusi che a proposito di questo sciroppo scrive: "questo frutto, contenendo in sé molto glutine, richiede una lunga fermentazione; tantoché se sciogliete dello zucchero nel succo del ribes appena spremuto e lo mettete al fuoco, otterrete non uno sciroppo, ma una gelatina".
A questo punto ho voluto sperimentare la fermentazione, cosa con la quale ancora non mi ero mai cimentata. Ho seguito le indicazioni dell'Artusi che riporto passo passo.
Ho solo cambiato i quantitativi. Io partendo da poco più di un chilo di ribes ho ottenuto 800 gr di succo filtrato. L'Artusi partiva da 4 chili di succo che mi sembrano veramente troppi. Le proporzioni sono le stesse, a parte pochi grammi in meno di zucchero, ma non fanno differenza (tra parentesi i quantitativi originali)


Ingredienti
succo di ribes filtrato: 800 gr (Artusi parte da 3 kg di frutta, io da 1,2 kg)
zuccchero: un chilo (Artusi 4 Kg)
acido citrico: 8 gr (Artusi 30 gr)


Procedimento
Lavare il ribes e asciugarlo bene. Schiacciarlo lasciandolo nei suoi grappolini come si fa per l'uva e porlo in un recipiente di terracotta (o di legno, consapevoli che si colorerà quasi irrimediabilmente!). Lasciarlo in un luogo fresco mescolandolo due volte al giorno. La fermentazione comincerà dopo qualche tempo, ci potrebbe volere anche qualche giorno. Bisogna continuare a mescolarlo finche avrà cessato di fermentare, o come dice l'Artusi: " finchè avrà cessato di alzare" . A questo punto passare il tutto attraverso un canovaccio pulito strizzando bene con le mani. Poi passare il liquido ottenuto attraverso un colino a magle fitte, anche due o tra volte per ottenere un liquido limpidissimo. Pesare il succo così ottenuto, metterlo sul fuoco e portarlo a bollore. Quindi aggiungere lo zucchero e l'acido citrico.
"Girate continuamente il mestolo onde lo zucchero non si attacchi, fatelo bollir forte per due o tre minuti, assaggiatelo per aggiungere altro acido citrico, se occorre, e quando è freddo imbottigliatelo e conservatelo in cantina.
Vi avverto che il bello di questi sciroppi, è la limpidezza e per ottenerla è bene abbondare nella fermentazione"
Alcune annotazioni: nel dubbio, è meglio prolungare la fermentazione piuttosto di rischiare di interromperla prima che sia finito il processo.
In quanto al filtraggio, più si filtra più lo sciroppo è limpido. Il gusto in questo caso non cambia, è però visivamente molto più bello, ma se la cosa non interessa particolarmente si può filtrare anche una sola volta.  Io ho fatto una cosa media. E' venuto abbastanza limpido ma non proprio trasparente, confesso che dopo un pò mi ero stufata :-) Comunque lo sciroppo è molto bello lo stesso....Certo se lo preparate per fare acqua e sciroppo allora dovete avere pazienza e filtrarlo benissimo. Se lo usate come bagna o sul gelato o altro, va benissimo anche se non è filtrato un pò meno....ho detto un pò eh!
Con questa ricetta partecipo al contest de La cucina di Barbara . Più rosso di così! 


E con questo sciroppo vi auguro uno splendido inzio settimana. Baci a tutti e al prossimo post.

42 commenti:

  1. Hai fatto davvero bene a postare questa ricetta!

    RispondiElimina
  2. Spendido: ha un colore così.....vampiresco!!! ^_^

    RispondiElimina
  3. uhhhhhh!! Che colore magnifico, sembra una pozione d'amore :)Bravissima! bacioni

    RispondiElimina
  4. E' cosi bello il colore e la meraviglia di questo sciroppo che sarebbe stato un peccato tesoro non mostrarcelo....sono incantata da queste "pozioni magiche", magiche come teeeeeeeeeeeeeee!!TVBBBBBB,Imma

    RispondiElimina
  5. Questo sciroppo è bellissimo, mette di buon umore, un bel modo di augurare un buon inizio settimana :)
    a presto, un bacio :*

    RispondiElimina
  6. La guardo, e sospiro...me la posso solo sognare!!! E' stupenda :-)

    RispondiElimina
  7. ha un colore stupendo!!!
    bravissima

    RispondiElimina
  8. Bellissima che colore stupendo!
    brava baci

    RispondiElimina
  9. il colore,l'aspetto...è meraviglioso!!!chissà che sapore!!!sei proprio un artista!Chissà che soddisfazione!!!
    un abbraccio,Marika

    RispondiElimina
  10. assolutamente bisogna postare tutto!questo sciroppo è molto invitante e il colore è fantastico, senza contare che fa bene e contiene tutte le vitamine giuste ed è perfetto per la circolazione!

    RispondiElimina
  11. bellissimo...mi piace il colore e chissà il sapore!!! a chi lo dici ..anche io sono svogliata ..sarà che qui fa ancora tanto caldo!!! buon inizio settimana cara

    RispondiElimina
  12. Violetta che bello rivedere il tuo blog riprendere il suo ritmo consueto!
    Anche a me capita una sorta di disaffezione verso le ricette preparate da tempo e non postate.
    Però il tuo sciroppo, adoro il ribes, è talmente buono, che non poteva non essere postato!

    Bacioni e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  13. E' proprio vero, più le restano in archivio e più passa la voglia di postarle. Io qualcuna l'ho proprio eliminata, persa del tutto l'ispirazione. Meno male però che questa l'hai salvata, lo sciroppo ha un colore meraviglioso. Ammiro...non avrò mai la pazienza per farlo :(! Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  14. Succede tragicamente anche a me -_- ho un milkshake da postare dall'anno scorso -_- vorrei una settimana del colore del tuo sciroppo!

    RispondiElimina
  15. violetta, tu sei la donna degli sciroppi! dopo quello alle viole con questo ti sei superata!!!!

    RispondiElimina
  16. wow non sapevo questa cosa della fermentazione! ma poi x cosa si usa?

    RispondiElimina
  17. Che colore meraviglioso! sono un po' pigra per rifarlo e poi non ho ribes nell'orto :( mi accontento di guardarlo estasiata...

    RispondiElimina
  18. Grazie, cara Viola: mi hai riportata all'infanzia, quando la mia mamma faceva, proprio secondo la ricetta dell'Artusi, il succo di ribes, che invasava nelle bottigliette del succo di frutta... com'era buono... e chissà dove sono, adesso, quelle piante di ribes...

    RispondiElimina
  19. Grazie per questa splendida ricetta!! Dev'essere una bontà! Bravissima cara! Un bacione.

    RispondiElimina
  20. ciao bellissimo e presumo buonissimo
    sono nuova ed ho aperto un blog http://saleecoccole.blogspot.com se ti va vieni a vedere e seguimi..io mi sono iscritta al tuo

    RispondiElimina
  21. Davvero bello da vedere, ha un coloro magnifico.
    Io di ribes ne ho in quantità industriale ed ogni volta non so come smaltirli. Ottima questa ricetta. Ma dovrò farla l'anno prossimo.
    Baci.

    RispondiElimina
  22. Ma che meraviglia! Mi affascina già il colore, così limpido. senza contare che sono i frutti del tuo orto!!

    RispondiElimina
  23. no, ma che bel colore ha??? Sarò ripetitiva, perdonami...

    RispondiElimina
  24. Mi piacciono moltissimo le tue foto, provo a farle così, ma alla fin fine non ci riesco mai.. quel dono di cogliere un po' di 'astratto' nel cibo, temo di non averlo affatto.
    Ti faccio i miei complimenti e ti terrò da conto come buon esempio :)

    Mari

    RispondiElimina
  25. A chi lo dici! Quante cartelle che ho pure io; c'è da scegliere tra le ricette da pubblicare prima o poi, quella con foto brutte, quelle in cui non ricordo bene la preparazione,eh!!!

    Questa proprio la dovevi condividere, sembra lo sciroppo di Gummifrutta, te lo ricordi quel cartone?!
    Insomma, una sorta di pozione magica!

    E' molto bello, anche da imbottigliare e ammirare, ha un colore che mette allegria!

    Bravissima a te ed all'Artusi! ;)

    RispondiElimina
  26. Ha un colore fantastico!!!!! Chissà il sapore!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  27. ciao cara, lo sai capita anche a me, se aspetto troppo a postare una ricetta poi rischio di non farlo più.
    Meno male che ci hai lasciato questo luminoso sciroppo.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  28. E' favoloso, ha un colore stupendo, non oso immaginare il sapore!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  29. che colore meraviglioso...e chissà che buono...poi se è tutto del tuo orto, ancora meglio!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  30. Me-ra-vi-glia! Quell'immagine salta su dallo schermo! Sei fantastica. Smack!

    RispondiElimina
  31. Questa bellissima boccetta sembra contenere un nettare prezioso! E' bellissima la foto ed era un vero peccato se tu non avessi postato questo sciroppo! E poi hai attinto da una fonte così autorevole che era impossibile sbagliare! Mi piace l'idea di usarlo come bagna! Un bacione

    RispondiElimina
  32. Deliziosissimo questo sciroppo sia nel sapore che nel colore!!! Un bacio e buona settimana anche a te!!

    RispondiElimina
  33. ciao Viola che colore ha il tuo sciroppo e credo sia una bonta'! bacioni

    RispondiElimina
  34. E' così bello con questo colore, delizioso

    RispondiElimina
  35. Come puoi non postare una simil meraviglia! Mi domando: ma se una ricetta con una foto così bella ha rischiato di rimanere nel dimenticatoio, non oso immaginare le altre che non hai ancora postato. Crudele! Sei troppo brava! Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  36. Potrei stare ore a rimirare quest'immagine per la sua bellezza, i suoi colori...e chissà il profumo, il sapore...insomma, Viola, come potevi negarmi una simile meraviglia? meno male che ti sei ricreduta!

    RispondiElimina
  37. Il prossimo anno la faccio. E' una meraviglia.

    RispondiElimina
  38. Tesoro, come hai ragione, ci siamo trascurate in questo periodo...
    comunque questa ricetta è meravigliosa e ROSSA :)
    Tu mi volevi parlare, io anche.... e approfittiamone ! Un abbraccio grande Barbara

    RispondiElimina
  39. Uhhhhh! Deve essere buonissimo...e poi che bel colore ;D

    RispondiElimina
  40. stupendo, lo proverò sicuramente siccome amo tutte le cose sciroppate. Anche a me capita di non trovare il tempo di poastare le ricette e se sono di stagione devo aspetatre un'anno...fortunatamente i ribes ci sono sempre. A presto!
    e in bocca al lupo per il cotest.

    RispondiElimina
  41. che meraviglia... ma 4 kili di zucchero me paiono davvero troppi! meglio la tua versione! rossa, vivace, così estiva..brava!

    RispondiElimina
  42. Viola,non ci privare di queste meraviglie....Ti dico solo,che prenderei il vasetto magico e lo porterei nel mio header...e con questo ho detto tutto,no??
    Baci tesò,ti auguro una bellissima giornata,limpida come i tuoi elisir!!

    RispondiElimina