Lightbox Effect

giovedì 29 dicembre 2011

Tartellette al cioccolato

Vabbè che per tutto il periodo natalizio sono stata totalmente assente. Vabbè che quest'anno non mi sono dovuta barcamenare tra panettoni da preparare, salmoni da affettare, tortellini da piegare e quindi l'atmosfera natalizia l'ho sentita un pò meno... Confesso però di aver  fatto un'eccezione solo per i vini perchè quelli in effetti non sono mancati :-)
Vabbè tutte queste cose dicevo, ma non posso mica esimermi dal fare a tutti un augurio per l'anno nuovo che è alle porte vi pare? Quindi, malgrado non abbia un dolce delle feste degno di questo nome in archivio, con tutti gli annessi e connessi che si richiedono ad un giorno di festa come si deve, e malgrado possa offrirvi solo delle semplici (ma buonissime) tartellette al cioccolato, voglio fare comunque a tutte le mie amiche di blog (che sto trascurando da troppo tempo, perdonatemi!!!) e a tutti coloro che passeranno da questo blog tantissimi auguri di un felice e sereno 2012.
L'importante è l'affetto no? mica i colori della tovaglia....Perciò, fatte le dovute premesse arrivo al sodo e con tutto il cuore e a tutti ma proprio tutti, auguro un Felicissimo anno nuovo!

Tartellette al cioccolato
Ingredienti
farina: 250 gr
burro: 125 gr
zucchero: 50 gr
cacao amaro: 2 cucchiai
uovo: uno
sale: un pizzico
mascarpone: 100 gr
crema alla nocciola o al cioccolato: 150 gr
wafers al cacao: tre circa

Procedimento
Togliere un cucchiaio di farina dai 250gr previsti e setacciare quella restante con i due cucchiai di cacao amaro. Aggiungere anche il sale e lo zucchero e il burro freddo tagliato a pezzetti, l'uovo ed impastare velocemente senza scaldare l'impasto fino ad ottenere un impasto omogeneo. Avvolgerlo con la pellicola e tenerlo in frigorifero per un'ora.
Trascorso il tempo, stenderlo con un mattarello in una sfoglia di circa tre mm e ricavare tanti dischetti con cui fodererete degli stampi da mini tartellette precedentemente imburrati ed infarinati. Cuocere le tartellette in forno preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti dopo averle bucherellate con i rebbi di una forchetta (controllare la cottura perchè la pasta è scura e quindi il colore in questo caso non aiuta)
Nel frattempo mescolare il mascarpone con la crema alla nocciola o al cioccolato e sbriciolare i wafers.
Sfornare le tartellette e lasciarle raffreddare totalmente. Sistemare sul fondo un pò di wafers sbriciolato e aiutandosi con una sac a poche riempire con la crema al mascarpone. Tenere in frigorifero e toglierle dieci minuti prima di servirle.

Con questi dolcetti vi dò appuntamento al prossimo post, che ovviamente sarà nel 2012. Un abbraccio affettuoso a tutti, passate uno splendido 31 dicembre e che il 2012 vi porti tutto quello che desiderate!!!


giovedì 15 dicembre 2011

Pollo alle olive e limoni confit


Avrei voluto postare una di quelle ricette da acquolina, sapete? di quelle dolci, anzi dolcissime perchè in questo periodo non mangerei altro se non biscotti super farciti al quadruplo cioccolato, torte, plumcake e via discorrendo! E per fortuna che non mi piacciono troppo i dolci!!! Ma che vi devo dire? All'ora di pranzo invece di visualizzare piatti di pasta fumanti, penso a fette di sacher, cookies e roba simile. E il dramma è che non ho nemmeno il tempo di farli!
E quindi? starete pensando......E quindi me li compero già pronti! Ecco, l'ho detto, e in un attimo avrò perso tutta la mia credibilità, amesso che l' avessi eh, beninteso! Si si, ultimamente al supermercato è tutto un comperare biscotti e merendine. Ma vi rendete conto?????? Merendine!!!! Non le ho mai mangiate in vita mia e dovevo aspettare quest'eta per appassionarmi? Non ha fatto in tempo a passarmi la fissa della pizza che ora mi ritrovo con quella per le merendine.....che ci sia da preoccuparsi? Ma mi verranno pure i brufoli secondo voi? e se fosse un principio di vera regressione all'adolescenza? ci pensate che bello? tornare a scuola, i giri in motorino, le chiacchiere interminabili con le amiche? le minigonne....
Vabbè, basta và, tanto babbo natale non esiste ed è inutile stare qui ad illudersi che si possa tornare ad essere adolescenti. Però i brufoli si, quelli ce la posso fare a farmeli tornare, e avanti di questo passo di sicuro non si faranno attendere :-)
Ma che c'azzecca il pollo con i dolci? Niente naturalmente, ma ve l'avevo detto che non ho tempo di fare nè biscotti nè plum cake, quindi questo è quello che posso offrirvi oggi. Un bel pollo alla marocchina, profumato e speziato, perfetto da cuocere nella Tajine se ce l'avete. Lo so che se non avete i limoni confit non è la stessa cosa, ma siete o non siete cuoche provette? sono sicura che troverete il modo di renderlo comunque delizioso. E se vorrete cimentarvi nella preparazione dei limoni, la mia ricetta la trovate qui


Pollo alle olive e limoni confit
Ingredienti
per quattro persone
pollo: 4 pezzi tra cosce e sovracosce
cipolla: una
aglio: uno spicchio
zenzero: tre fettine di radice fresca
ras el hanout: 1/2 cucchiaino
coriandolo: un mazzetto piccolo
prezzemolo: un mazzetto piccolo
olive verdi: 100 gr
sale e pepe: qb
olio extravergine di oliva: qb
limoni confit: uno

Procedimento
Affettare finemente la cipolla e rosolarla un qualche cucchiaio di olio finchè sarà morbida, aggiungere l'aglio tritato e far rosolare un minuto. Aggiungere le spezie e lasciare insaporire. In una padella a parte rosolare bene il pollo (anche con la pelle, ma io la tolgo per avere un piatto più magro) preventivamemnte salato, poi aggiungerlo alla pentola con la cipolla, coprire con 400 ml di acqua calda e cuocere per un'ora a fuoco basso e con il coperchio. Trascorso il tempo aggiungere al pollo le erbe tritate, le olive, e il limone confit di cui terremo solo la buccia preventivamente lavata e che taglieremo a striscioline. Pepare a piacere e lasciare cuocere ancora un quarto d'ora circa finchè la salsa sarà ben ristretta. Servire in tavola ben caldo.
E per fortuna che sono riuscita a fare un post. Comunque sono ancora nel caos eh...ma ancora per poco ( vabbè, si fa per dire, poi iniziano altri pensieri ) Comunque, ci ritroviamo qui tra non molto che ho sempre da raccontarvi la novità...solo che ancora non ve la posso anticipare. Ma manca poco...Intanto un bacio a tutti e a presto.

martedì 13 dicembre 2011

Gennaro Esposito chef docente a Montegrotto Terme

Vi lascio il comunicato stampa relativo ad una bellissima iniziativa, di grande successo. Torno prestissimo con un post e passo al più presto a vedere che c'è di bello e di nuovo nei vostri blog. Ci sono quasi  ;-) Baci a tutti



Grande successo di Gennaro Esposito: chef e docente per un giorno alla Scuola Internazionale del Gusto
di Montegrotto Terme

Sala gremita ieri, 12 dicembre, al Relilax Hotel Terme Miramonti di Montegrotto Terme per l’educational del rinomato chef Gennaro Esposito, del ristorante “Torre del Saracino” di Vico Equense (Napoli), che ha intrattenuto professionisti e stampa di settore sul tema “La cucina della mia terra” con un incontro promosso dalla Scuola Internazionale del Gusto.
Allievo di Gianfranco Vissani e Alain Ducasse, premiato con una stella Michelin nel 2001 e con la seconda nel 2008, definito uno dei tre migliori chef italiani dalla Guida del Gambero Rosso 2011, di certo Esposito vanta un’esperienza che merita di essere trasmessa, così come ha fatto con gran maestria ieri di fronte a più di 80 chef e ristoratori provenienti dal Triveneto, dalla Slovenia e dalla Croazia, e alla stampa di settore.
Una passione che si riflette nella presentazione di quattro piatti della sua terra: iniziando dal “Baccalà marinato in casa, salsa di spugnilli del Vesuvio julienne di cipollotto Nocerino e biscotto di grano arso”, per poi passare alla “Zuppa di tarallo di Agerola, conserva di pomodoro e varietà di pesce azzurro” e al profumatissimo “Risotto con cymosa italica e limone, mantecato con burrata e triglia marinata allo zenzero candito” . “Un piatto che abbraccia una vasta area, con tanti ingredienti provenienti da zone diverse ma che parlano la stessa lingua: quella della “cucina italiana”. Il chilometro zero non deve essere un fondamentalismo, ma uno dei modi per fare squadra con gli artigiani della tua terra” così lo chef commenta la sua filosofia di cucina, rivolgendo costantemente il centro dell’attenzione sulla materia prima e sul prodotto tipico italiano. Concetto ribadito con l’ultima preparazione: la “Minestra di pasta mista con ragù di pesci di scoglio e crostacei”. Un piatto, la zuppa di pesce, che appartiene a tutta la costa italiana, dalla Liguria, al Veneto, alla Campania che secondo Esposito “con piccole diverse sfumature regionali è una pietanza che potrebbe unificare l’Italia del pesce”.
Dopo l’ottima riuscita della serata inaugurale al Ristorante Cencio l’11 dicembre sul tema “La cucina delle terme”, il prossimo appuntamento in calendario con la Scuola Internazionale del gusto è il 14 dicembre al Ristorante Da Mario di Montegrotto, dove il menù sarà dedicato ai tesori di Grado, della Laguna e delle sue terme, con la presenza in cucina dello chef Allan Tarlao del Ristorante all’Androna che collaborerà con lo chef di casa Marco Bernardi. In degustazione i Vini d’Alsazia e del Consorzio Vini Venezia. (Prenotazioni: 049/794090 – marco@ristorantedamario.191.it - costo 40 euro,
vini inclusi).

In chiusura della manifestazione la cena di gala domenica 18 dicembre al Relilax Hotel Terme Miramonti di Montegrotto Terme (Pd) in cui 5 importanti chef della cucina italiana esprimeranno la loro creatività con i prodotti dei territori termali. (Il costo è di 50 euro, vini inclusi. Prenotazioni: Relilax Hotel Terme Miramonti 049/8911755 – info@relilax.it)



Info su www.papagenonline.it  - www.montegrotto.org

Info e Ufficio Stampa PAPAGENO
Dott.ssa Maria Chiara Zanatta Tel/Fax 0422 307153 – e-mail: eventi@papagenonline.it

martedì 6 dicembre 2011

My 7 links project


Si si, lo so che sono sparita senza dire una parola, il fatto è che impegni improvvisi mi costringono a stare lontana dalla blogsfera, ma piano piano tutto tornerà alla normalità e potrò riprendere a  postare e a venirvi a trovare. Siccome però Saretta e Ancutza mi hanno invitata a questo giochino divertente, non potevo e non volevo sottrarmi dal partecipare e così appena mi sono ritrovata con una mezzoretta a disposizione mi sono messa a scartabellare i vecchi post alla ricerca di quelli giusti. E quindi cominciamo questo viaggio a ritroso....

1) Il post di cui vado più fiera è senz'altro lo sciroppo di viole. Un post che rapppresenta un momento di svolta e cambiamento e che è diventato un pò il simbolo di questo blog.

2) Il post più bello: beh, a me succede sempre che le foto che scatto dopo un pò non mi piacciono più. Che siano belle  o meno belle, tutte subiscono lo stesso trattamento. Stranamente invece questa foto di limoni confit mi è sempre piaciuta molto, e continua a piacermi malgrado sia passato del tempo dallo scatto. La ricetta poi, pur nella sua semplicità, essendo tipica della tradizione marocchina, rappresenta una cucina che a me piace molto.

3) Il post che non ha avuto il successo che meritava è sicuramente la "torta di limone alla Fugger". Vuoi perchè il blog era nuovo, vuoi perchè spesso la foto non rende la bontà della ricetta, comunque sia, vale la pena riproporre questa torta al limone molto particolare. Da sempre rappresenta uno dei miei dolci preferiti, accanto a, niente popò di meno che, la mitica Sacher, il che la dice lunga sulla bontà di questo dolce....Pensateci!!!!

4) Il post più controverso.....beh, non so se ce n'è uno, simbolicamente ho scelto questo perchè di pasta frolla si tratta. Il fatto è che qualche tempo fa qualcuno voleva convincermi che una buona pasta frolla non si può preparare impastando insieme a mano tutti gli ingredienti. Io invece sostengo che se si sa impastare nel modo giusto la pasta frolla così è veramente buonissima, d'altra parte una bravissima pasticciera la preparava allo stesso modo......Certo, bisogna saperla impastare però. Quando non si è capaci di fare una cosa non significa certo che questa cosa sia impossibile o sbagliata. Semplicemente non tutti la sanno fare! Accettiamo i nostri limiti e riconosciamo le altrui abilità....mi sembrerebbe un atteggiamento molto saggio.....

5) Il post più utile: trovo che riciclare il cibo sia doveroso, lo è sempre, ma lo è in modo particolare adesso, considerando il momento contingente che il nostro paese sta vivendo. Quindi ben vengano le ricette di riciclo, soprattutto se ne risultano piatti buoni e perchè no? anche belli. Questi gnocchi a casa mia vanno alla grande. Se vi capitasse di ritrovarvi con del pane raffermo, vi consiglio vivamente di provarli.

6) Il post il cui successo mi ha sorpresa: ma nemmeno più di tanto in realtà, nel senso che è vero, si tratta di un semplice moelleux, niente di stratosferico, ma quando si parla di cioccolato niente è troppo, e questo moelleux in effetti è proprio irresistibile. Non mi aspettavo che lo fosse per molti forse, pensavo fossimo in meno a soffrire (o godere?) di dipendenza da cioccolato :D

7) Il post più popolare: e chi l'avrebbe detto? un classico dei classici ma rivisitato dalla mia nonna! E' proprio vero, come fa le cose la nonna non le fa nessuno. Con le ricette di famiglia non si sbaglia mai.

E siamo arrivati alla fine di questa carrellata. Mamma mia, quanto tempo è passato dalle frittelle? Quasi un anno e mi sembra ieri che mi lamentavo per l'olezzo in casa :D
Bene, ora non mi resta che nominare altre sette amiche per far continuare questo giochino. Le prescelte sono:
1) Chatapoche
2) La mamma pasticciona
3) La maison brocante
4) Cucinando e assaggiando
5) My life love food
6) Pane burro e alici
7) Ambrosia e nettare
Spero di leggere presto anche i vostri viaggio a ritroso......

Ma prima di salutarvi devo dire ancora un paio di cose: una è che domenica 11 ci sarà una cena a Montegrotto organizzata da Papagheno dove sarebbe bello poter incontrare qualcuna di voi, quindi se siete nei paraggi vi lascio la locandina con i riferimenti per poter partecipare.


L'altra cosa è che ho già ricominciato il mio giro per venirvi  a trovare, ma siccome siete moltissime mi servirà un pò di tempo per rimettermi in pari...ma non disperate, prima o poi arrivo da tutte :D


PS: Non credo che riuscirò a postare con regolarità fino alla fine di dicembre, ma tornerò senz'altro per fare gli auguri di Natale a tutti e per raccontarvi una bellissima novità....Quindi l'appuntamento è sempre qui, tra queste pagine, tra un pò.....
Un bacio e un abbraccio affettuoso a tutti, mi mancate......