Lightbox Effect

martedì 26 giugno 2012

Crostata con crema al cocco e ananas caramellata


E' tempo di infradito, costume e asciugamano. Di sabbia sotto i piedi, di mare e paesaggi da sogno. Eh si, è proprio estate e le vacanze sono vicinissime, ancora pochi giorni e almeno per un pò appenderò al chiodo pentole e padelle.  
Ma cos'è che fa veramente estate per voi ? 
Per me fa veramente estate cenare la sera in giardino, la birra ghiacciata, dormire con le finestre aperte con  il rumore della strada a farmi addormentare, la voce dei televisori  delle case vicine, le lucciole che punteggiano il buio di luce, le città deserte nelle ore roventi, il gatto che dorme pancia all'aria per godersi anche il più flebile soffio di vento.
E se devo associare un sapore all'estate, per me è quello del cocco.
Se devo pensare ad un luogo è senz'altro la Grecia, 
E se devo raccontare una sensazione è sicuramente la libertà.
Perchè niente fa sentire più liberi di quando lo sguardo si sofferma in quell'infinito dove cielo e mare s'incontrano.

E se estate deve essere che estate sia, vi lascio una ricetta semplice ma con tutto il sapore delle mie vacanze!
E siccome ci piace che tutto d'estate sia più semplice, vi lascio la foto di questi bellissimi articoli di Lagostina, linea Virtuosa e linea i Cucinieri  perchè anche un buon aiuto in cucina rende la vita più facile.
E buona estate a tutti....


Crostata con crema al cocco e ananas caramellata

Ingredienti
pasta frolla: 250 gr (per la ricetta leggi qui)
latte di cocco: 165 gr (una lattina piccola)
panna: 85 gr
zucchero: 3 cucchiai
fecola: 25 gr
cocco disidratato: 4 cucchiaini
ananas: 7 fette (anche in scatola, ma al naturale)
zucchero di canna: qualche cucchiaio

Cuocere la pasta frolla in bianco e farla raffreddare (il procedimento qui). Stemperare la fecola in un pò di panna e in un pentolino unirla al latte di cocco e alla restante panna a cui si sarà aggiunto anche il cocco disidratato. Portare a bollore e  cuocere a fuoco dolcissimo finchè la crema non si sarà addensata. Versare in una ciotola e far raffreddare. Cospargere le fette di ananas di zucchero di canna ed infornare a 180°C finchè lo zucchero non si sia sciolto formando un caramello biondo. Far asciugare la frutta  su una gratella. Distribuire la crema sulla base di frolla ormai fredda, decorare con l'ananas caramellato e tenere in frigorifero. Servire la torta dopo averla tenuta per 10 minuti a temperatura ambiente.
Un bacio a tutti e al prossimo post, prima di partire vi saluto per benino eh! :-)


martedì 5 giugno 2012

Crostata di crema e pesche

Tortiera della linea Virtuosa e pennello della linea i cucinieri di Lagostina

Le cose semplici sono il rifugio ideale per menti troppo indaffarate, perchè la tendenza a complicare le cose si sa, non aiuta a districare i nodi. Così talvolta capita di ritrovarsi con un groviglio di pensieri da cui non si sa come liberarsi.
Ci ho messo anni a capire che in certi casi è meglio non pensare che pensare troppo. Certo, per molti questa sarà la scoperta dell'acqua calda, ma per chi come me è stato convinto per anni che una soluzione da qualche parte ci deve pur essere....beh, ecco, smettere di pensare non è poi così facile.
Appurato che non sempre c'è una soluzione alle cose, o meglio, non sempre vale la nostra soluzione per le cose, ecco, appurato questo, tutto diventa più semplice. Accettare che non andrà sempre come vorremmo, libera da fardelli pesanti e costringe a guardare le cose da punti di vista differenti. Insomma, un pò di buon fatalismo rasserena gli animi.
Perchè la domanda che forse qualche volta dovremmo farci è: siamo veramente convinti di sapere cos'è meglio per noi? Ci siamo ascoltati così tanto, siamo stati in silenzio con noi stessi così a lungo da conoscerci veramente? Sappiamo veramente cosa conta per noi? A farsi domande come questa, potrebbe capitare di scoprire che per tanto tempo abbiamo rincorso qualcosa che forse non è proprio quello che volevamo. Certo, all'inizio ci si potrebbe sentire destabilizzati,  spaventati, terrorizzati...Ma se la vita è una sola, non fa più paura voltarsi indietro e scoprire che ci siamo affannati tanto rincorrendo le cose sbagliate? La vita regala le occasioni, e a noi sta solo riconoscerle...Che siano cose solo per gente spericolata? :-)

Oggi vi lascio con una ricetta semplice semplice, d'altra parte che l'avrei fatta a a fare sennò questa premessa?. Perchè anche in cucina le cose possono diventare facili, per esempio usando le attrezzature giuste. Conoscete le linee VirtuosaI Cucinieri di Lagostina?
Ciotola e utensili  della linea I Cucinieri di Lagostina


Torta di crema e pescheIngredienti

Per la pasta frolla
farina: 250 gr
lievito: un cucchiaino (facoltativo)
burro: 125 gr
zucchero: 50 gr
uova: 1
limone: la scorza grattugiata di mezzo
vaniglia: un cucchiaino
sale: un pizzico

Per la crema
latte: 1/2 litro
uova: quattro tuorli
zucchero: 100 gr
vaniglia: un cucchiaino
limone: una scorzetta
farina: 45 gr
fecola: 50 gr

pesche: 5 piccole
gelatina di albicocche: qb


Dopo aver setacciato a farina con il lievito e il sale, preparare la pasta frolla impastando insieme tutti gli ingredienti. Formare un panetto omogeneo senza lavorare troppo l'impasto facendo attenzione  a non scaldarlo troppo con le mani. Avvolgerlo con della pellicola e farlo riposare in frigorifero per almeno un'ora (ma va bene anche prepararlo il giorno prima).
Portare a bollore il latte con la vaniglia e la scorzetta di limone. Intanto mescolare in una boule i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina e la fecola setacciate e mescolare bene finchè la crema sarà liscia. Aggiungere il latte caldo a filo dopo aver eliminato la scorzetta di limone. Rimettere sul fuoco e riportare a bollore su fiamma dolce. Lasciare per 5 minuti mescolando continuamente. Versare la crema in un piatto e coprire con pellicola a contatto. Lasciare raffreddare completamente.
Stendere la pasta frolla e rivestire una teglia da crostata, bucherellare il fondo con una forchetta, sistemare un disco di carta forno e cospargere di fagioli secchi e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti circa. Estrarre la teglia dal forno, versare la crema e spalmarla uniformemente. Aggiungere le pesche a fettine sottili (se vi piace e se ne avete di bio, anche con la buccia) ed infornare nuovamente per circa 20 minuti, o finchè la pasta sarà leggermente dorata.
Sfornare e far raffreddare. Lucidare le pesche con poca gelatina di albicocche stamperata sul fuoco con pochissima acqua.

Alcune annotazioni: per una crema più leggera potete sostituire i quattro tuorli con un uovo intero e un tuorlo.