Lightbox Effect

martedì 10 settembre 2013

Torta di mele


La torta di mele, per me come per molti credo, è uno di quei cibi che rassicurano, che riportano immediatamente al ricordo della nonna, della famiglia, della casa.
Qualunque nonna degna di questo nome deve aver fatto almeno una torta di mele in vita sua! :D perfino nonna papera aveva un debole per le torte di mele! E chi c'è di più autorevole di lei in fatto di dolci?
Io, quando voglio essere sicura di non sbagliare, preparo una torta di mele!. E' vero che inspiegabilmente esiste anche qualcuno a cui non piace! e secondo me in questo, qualche nonna ha una grossa parte di responsabilità! (d'altra parte mica tutte le nonne sono brave ai fornelli!)
Comunque, a parte qualche eccezione, la torta di mele secondo me è la torta con la t maiuscola!
Ora lo so che sarà facile cadere nella banalità di dire che quella che posto oggi è la torta di mele più buona che abbia mai mangiato! Istintivamente lo direi, se non fosse che ad ogni torta di mele si tende a ribadire questo stesso concetto! Allora la metto così: questa è la torta di mele che, dalla prima volta che ho provato, ho continuato poi a fare senza che mi venisse voglia di provarne un'altra! Ecco, questa è la pura e semplice verità!
Tra l'altro la ricetta non è nemmeno di quelle tramandate da qualche avo, prozia, bisnonna, nonna e via dicendo, ma è una ricetta trovata su Sale e Pepe, non ricordo di quale mese né di quale anno, comunque io l'adoro! E sono certa che se la proverete l'adorerete anche voi.
Tra l'altro questo post cade proprio a fagiuolo come si suol dire, perchè restando in tema di comfort food, vorrei segnalare una bellissima ed interessantissima mostra alla cui presentazione ho avuto il piacere di essere stata invitata: 

Il tema trattato non è certamente leggero, ma un'occasione di riflessione su un importante tema sociale come' è la pena di morte. In mostra infatti tredici scatti che raccontano l'ultimo pasto di altrettanti condannati alla pena di morte.
Bellissime le foto scattate in studio, dall'artista-fotografo Henry Hargreaves, che ha potuto comporre i set grazie alla documentazione che è riuscito a reperire. Molto bello e interessante il percorso pensato dal curatore in collaborazione con diversi professionisti provenienti da ambiti differenti, che racconta questa mostra e il suo significato.
Consiglio a tutti coloro che hanno occasione di essere a Venezia in questi giorni e fino al 24 novembre 2013 di visitarla al Museo della follia all'isola di San Servolo.
E ora passiamo alla ricetta:

Torta di mele
Ingredienti per 6 persone

farina: 125 gr
mele: 3 piccole (renette o altro tipo dolce)
zucchero semolato: 125 gr
uova: 2
burro: 60 gr
limone: uno, non trattato
lievito: 1/2 bustina
latte: qualche cucchiaio
zucchero a velo: qb
sale: qb

Procedimento
Grattugiare la buccia di limone. Sbucciare le mele, tagliarle a fettine e bagnarle con un po' di succo di limone.
Far ammorbidire il burro a temperatura ambiente e poi montarlo con lo zucchero finchè sarà bianco e spumoso. Aggiungere un uovo e continuare a montare. Quando è bene assorbito aggiungere il secondo aiutandosi eventualmente con uno o due cucchiai di farina. Aggiungere un cucchiaino di vaniglia e poco a poco il resto della farina setacciata con il lievito, il sale ed infine il latte per rendere morbido l'impasto.
Versare l'impasto in una tortiera imburrata ed infarinata di 18/20 cm di diametro. Sistemare le fettine di mela, mettendole molto fitte e riempiendo il più possibile l'impasto. Livellare la superficie ed infornare a 170° per circa 40 minuti. Fare la prova stecchino prima di estrarre la torta dal forno. Farla raffreddare su una gratella e spolverizzare di zucchero a velo prima di servire.
Se avete voglia di confrontare la ricetta, ne trovate un'altra qui qui.

Eccoci arrivati alla fine del post, credo di aver detto tutto...un bacio a tutti e al prossimo post! Speriamo prestissimo ;)

18 commenti:

  1. La torta di mele, la dolce e coccolosa torta di mele e insieme alla crostata, il dolce della mia infanzia amica mia!! Come stai tesoro? Che bello leggerti, sono felicissima quando compari nel mio blog roll e poi so per certo di trovare una ricetta deliziosa e la tua torta di mele voglio provarla perché mi piace sperimentarle tutte!!! Un bacione grande e tvbbbbbbbbb sempre!!!
    Imma
    P.s. tesoro quella posata che hai usato é magnifica...quanto mi piacciono!!!

    RispondiElimina
  2. anche x me La Torta e' di mele! faró questa tua versione

    RispondiElimina
  3. La torta delle torte in assoluto. In effetti tutte quelle che provo mi piacciono, sarà proprio merito della mela che le conferisce quel sapore di buono e genuino!!
    Bacioni e buonissima giornata.

    RispondiElimina
  4. sulla torta di mele, inutile ognuno ha la sua versione ma alla fine sono quelle che preferisco, un dolce abbraccio confortante.sulla mostra ho presente, avevo letto anche un libro a proposito.

    RispondiElimina
  5. la pena di morte, ci sarebbe tutto un dibattito da fare su questo argomento troppo scottante, che pesa sul collo di ognuno di noi e non sempre ce ne rendiamo conto,è vero ognuno di noi ha le sue sicurezze e passando ad un argomento meno molto meno impegnativo mi chiedevo perchè la torta di mele è rassicurante, è un dolce che rafforza, ognuno ha la sua ricetta, ognuno ha il suo modo di farla, non saprei rispondere in questo momento,la tua è venuta molto bene, sperando di non essere stata sconclusionata

    RispondiElimina
  6. La torta di mele è il dolce per eccellenza: quello che profuma d'amore, che riempie l'anima, che appaga e accarezza i sensi in un abbraccio soffice e voluttuoso! <3 Può mancarmi la tua versione?? Giammai! ;D Mi metto all'opera. E stupenda deve essere anche quell'interessante mostra: facci sapere, mi raccomando :) TVB!

    RispondiElimina
  7. La torta di mele è la torta delle merende, delle colazioni, delle scampagnate, dei pomeriggi piovosi...e come hai detto tu, delle nonne! Mille versioni che non stancano, appunto anche la tua, un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Ecco, la mia era una nonna che non preparava torte di mele ma montagne di canederli :D La tua sembra deliziosa! :)
    Grazie per le info sulla mostra, davvero interessante. Se dovessi capitare a Venezia non me la farò scappare :) Baci!

    RispondiElimina
  9. La torta di mele ti rimette in pace con il mondo!

    RispondiElimina
  10. adoro le torte di mele, in qualsiasi variante mi piacciono sempre così tanto.....
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Buonissima la torta di mele, uno dei miei dolci preferiti in assoluto!

    RispondiElimina
  12. Eccomi puntuale dal ritorno delle vacanze e alle prese con il trasloco per farti i miei complimenti! Questa ricetta si può fare anche con mezza cucina inscatolata, vero? ;-)

    RispondiElimina
  13. adoro la torta di mele!da bambina storcevo invece un po' il naso.. Di sale&pepe ho uno speciale sulle mele di qualche anno fa.. guai a chi lo tocca! baci

    RispondiElimina
  14. Alla torta di mele non so mai dire di no... mi tocca provare anche questa! ;-)

    RispondiElimina
  15. Le torte che sono come un abbraccio... che si rinnova col tempo. La torta di mele è così. Presente nei ricordi di tutte noi, una certezza morbida...
    Bella la foto, con quel set in blu...

    RispondiElimina
  16. Mia nonna invece era una fan sfegatata della ciambella con i semi di anice...sinceramente non mi ricordo che abbia mai fatto una torta di mele. Le mele invece finivano spessissimo in forno nella versione mele cotte.
    Io invece sono di bocca buona, non credo di aver mai mangiato una torta di mele che non mi sia piaciuta. Più umide, meno umide, mi piacciono tutte...fa molto fogna? :-DD

    RispondiElimina
  17. Neanche mia nonna l'ha mai fatta,ma la penso esattamente come te!Sarà quel profumino che si spande per casa ad evocare un clima rassicurante e caldo,non so,ma quella è la magia della torta di mele!E son certa che la tua è eccezionale,perchè cambiare?Un abbraccio cara e benritrovata!

    RispondiElimina
  18. Violaaaaaaaaaaa io adoro la torta di mele, è l'unico dolce che mia madre faceva sempre! Io metto alla fine prima di infornarla una spolverata di cannella! La tua ha un aspetto molto invitante gnam gnam!
    Un abbraccio! Alda

    RispondiElimina