Lightbox Effect

martedì 28 gennaio 2014

Risotto al radicchio rosso di Treviso IGP


Prima che arrivi Pasqua, dato che sono sempre in ritardo con i post, voglio postare la ricetta del risotto al radicchio tardivo di Treviso e amarone. Dico prima che arrivi Pasqua perchè in effetti questa ricetta l'ho preparata a capodanno ed è già passato del tempo. Ed ecco il perchè dell'amarone, non è che lo bevo tutti i giorni normalmente, anche se non mi dispiacerebbe per niente :D
Comunque, in questa ricetta ci sta benissimo, d'altra parte stiamo parlando di eccellenze della nostra regione,  il Veneto, sia in termini di ingredienti e di prodotti, ma anche in termini di produttori, il cerchio che si chiude insomma. E si sa che quando le eccellenze si incontrano, il risultato finale non può che essere un grande risultato. Non mi voglio dilungare troppo sul radicchio rosso di Treviso, tutti sanno che è un prodotto pregiato, coltivato in modo particolare, se vi interessa saperne di più ne ho parlato qui, quando vi ho raccontato del mio tour nelle terre del radicchio promosso dal Consorzio di tutela del radicchio rosso di Treviso e variegato di Castelfranco IGP e  da Ortoromi, società cooperativa agricola leader nella IV gamma.

Sapete cos'è la IV gamma?  Avete presente le insalatine in busta, già lavate che trovate al supermercato?
Ecco, quelle sono un prodotto di quarta gamma. Ed e' proprio nella produzione e coltivazione di insalate confezionate, già pronte che Ortoromi trova il suo vero punto di forza. Il prodotto proviene da coltivazioni di filiera gestite e controllate dalle Aziende Agricole socie della Cooperativa Ortoromi, che ha scelto di essere una cooperativa per prendere in mano l'intera filiera, dal seme alla vendita finale del prodotto, quindi dalle aziende agricole, alla consegna del prodotto finito. E grazie alla filiera cortissima, Ortoromi garantisce una grande rapidità nell'evasione degli ordini, questo significa che le insalatine sono sugli scaffali del supermercato, al massimo in 24 ore da quando vengono raccolte. Questo garantisce la freschezza del prodotto e quindi la qualità.
Oltre alle insalate confezionate,Ortoromi produce e commercializza anche radicchi: sia il radicchio rosso di Treviso, sia quello variegato di Castelfranco, entrambi IGP. E questo è un grande vantaggio anche per chi, non vivendo nella zona di produzione, riesce comunque ad avere a disposizione un prodotto la cui freschezza e qualità è garantita dai sistemi di produzione e distribuzione Ortoromi.
Tornando alla nostra ricetta, il risotto al radicchio rosso è uno dei miei preferiti, durante tutto l'inverno, almeno una volta alla settimana, o giù di li lo preparo. Certo non ho sempre una bottiglia di amarone aperta, ma si può fare benissimo anche con un altro buon vino rosso, purchè sia di qualità, e preferibilmente corposo.
Detto ciò vi lascio la ricetta, con qualche licenza personale che mi concedo, (visto che devo mangiarlo io), l'aggiunta di un pezzetto di foglia di alloro al soffritto! A me piace moltissimo, se non l'avete mai fatto, provate, magari piacerà anche a voi :D 

Risotto al radicchio rosso e amarone
Ingredienti

riso vialone o carnaroli: 300 gr
radiccchio rosso tardivo: due cespi medi
cipolla bianca: 1 piccola
vino rosso: ½ bicchiere
olio evo: 5/6 cucchiai
parmigiano: qb
alloro: un pezzetto (facoltativo)
brodo vegetale: qb
bacche di ginepro: 3 (facoltative)  

Preparare il soffritto con la cipolla, l'olio evo e il pezzetto di alloro se vi piace.
Lavare e mondare il radicchio, tagliarlo a pezzetti e farlo stufare insieme al soffritto. Quando sarà tenero, eliminare l'alloro e ridurlo in crema con il minipimer (se vi piace di più potete tenerne una parte senza frullarlo)
Fate tostare il riso nella crema di radicchio, sfumate con il vino rosso, e quando sarà evaporato, cuocete il riso con il brodo vegetale bollente, a cui avrete aggiunto due bacche di ginepro. Portate a cottura. Qualche minuto prima di spegnere, mantecare con il parmigiano ( e se volete anche con una noce di burro). Lasciare riposare due o tre minuti e servire.

Alcune annotazioni: questo riso si può preparare anche con il radicchio precoce, o con una parte di precoce e una parte di tardivo. Io lo preferisco con il tardivo, ma ovviamente dipende dalla stagionalità

10 commenti:

  1. Spettacolare.. un risotto con l'amarone e il radicchio! Raffinatissimo, amica mia.. i miei complimenti, una creazione a cinque stelle :)) <3

    RispondiElimina
  2. wow una ricetta al 100% della nostra regione! che nostalgia!!!

    RispondiElimina
  3. Un bel risottone dai sapori robusti...proprio come piace a me!

    RispondiElimina
  4. Riso top, ingredienti top!
    Brava...
    Buon pomeriggio!
    Laura

    RispondiElimina
  5. adoro i risotti se poi fatti con calma e amore, per me è uno dei piatti che indicano amore e tempo da dedicare alla famiglia

    RispondiElimina
  6. Il risotto al radicchio è il piatto mio e di Matteo, ci ha unito da quando ci siamo conosciuti e lui lo prepara anche meglio di me... :-)

    RispondiElimina
  7. Mi ispira molto questo risotto, deve essere buonissimo.

    RispondiElimina
  8. Ciao Simo, quand'è che mi inviti a cena da te? magari ci facciamo una mangiata atomica di risotto. Io lo amo molto di più della pasta....lo so non sono molto bolognese in questa. L'amarone non ce l'ho ma un buon sangiovese dovrebbe andare bene lo stesso.
    La cosa dell'alloro mi stuzzica un sacco, davvero non l'avevo mai sentita prima.

    RispondiElimina
  9. Ma è possibile che a QUALSIASI ora passi qui da te riesci sempre a farmi venire l'acquolina in bocca?!!!
    Tanti baci
    Eva

    RispondiElimina