Lightbox Effect

giovedì 13 marzo 2014

Baghrir, pancakes marocchini e un invito


Che io abbia una passione per la cucina mediorientale non è un segreto. Mi piace molto anche la cucina marocchina, e dato che la bella stagione si avvicina, io comincio ad aver  voglia di preparare spesso qualcosa di sfizioso e conviviale da mangiare in compagnia degli amici, magari in giardino. E cosa c’è di più conviviale della cucina marocchina? Tutti intorno ad un tavolo ad assaggiare un po’ qui un po’ li. Salsine, insalate aromatiche, verdure di tutti i tipi, olive, formaggi. Si mangia e si chiacchiera amabilmente.
Oggi voglio lasciarvi la ricetta dei Baghrir, ottimi a  colazione, ma anche per accompagnare un brunch. A me piacciono molto,  sono belli, e di sicuro difficilmente i vostri ospiti li avranno mangiati spesso. Un modo veloce, facile per riunire tutti intorno ad un tavolo. Voi non faticherete troppo e i vostri amici saranno felici ogni tanto fanno comodo ricette così no? Cosa vi serve per preparare i baghrir? Pochissimi ingredienti, poco tempo e una buona padella antiaderente, il segreto è tutto nella cottura. Io ho usato l’antiaderente Lagostina, se non la conoscete, guardate il sito e scoprirete tanti prodotti interessanti per facilitarvi la vita in cucina, www.lagostina.it 

Pentola Antiaderente di Lagostina 

Ora vi lascio alla ricetta, provatela, sono sicura che vi piacerà moltissimo!

Baghrir
Pancakes marocchini

Ingredienti
Per 6 pancakes
semola fine: 130 gr
farina 00: 55 gr
lievito di birra disidratato: 2,5 gr
lievito naturale: 1 cucchiaino
acqua tiepida: 275 ml circa
sale: ½ cucchiaino da caffè
zucchero: 1 cucchiaino da caffè

Procedimento
Miscelare le due farine, aggiungere il lievito secco e mescolare. Aggiungere il sale, lo zucchero, e mettere tutto nel boccale del mixer. Aggiungere l’acqua, e azionare per circa 4 minuti. Non versare tutta l’acqua insieme, tenerne da parte un po’ e aggiungerla solo se necessario. Deve venire una crema fluida, simile all’impasto per le crespelle, far riposare coperto per circa un'ora. Alla fine aggiungere il lievito chimico per dolci e mescolare bene. Scaldare bene una padella antiaderente, quando è bella calda abbassare un pò la temperatura, ungerla con poca margarina o burro e cuocere i baghrir versando l’impasto poco alla volta sulla padella calda. L’impasto si allargherà e formerà sulla superficie tante bolle. Il pancake è pronto quando tutte le bolle saranno scoppiate. Si cuoce solo da un lato. Non sovrapporli, e conservarli coperti sotto un telo. Procedere così con tutto l’impasto.
I baghrir sono ottimi con burro e miele a colazione , ma anche per accompagnare formaggi, olive, e verdure stufate se preferite il salato. Sono molto veloci da preparare e possono benissimo sostituire il pane. E se cercate un'altra ricetta di pane mediorientale, cosa c'è di meglio di questo? 
Con questo ho concluso, vi auguro uno splendido w.e e per chi ne ha voglia, ci vediamo sabato pomeriggio a Treviso. Non prepareremo i baghrir, ma tante altre cose buone! Non perdetevi questa bella occasione per stare insieme e conoscerci. Un bacio a tutti e al prossimo post.

11 commenti:

  1. Ciao Simona, sono sempre molto attratta da questo tipo di ricette (pancake, blini e simili), la proverò sicuramente. Grazie! A presto.

    RispondiElimina
  2. anche io sono motlo atratta dalal cucina medio orientale, ottimi questi pancakes!

    RispondiElimina
  3. ma e' la stessa base che usano gli etiopi per servire i loro piatti? la adoro!!!

    RispondiElimina
  4. @Valentina: ecco qui cara Valentina un'informazione che potrà tornare utile a te, a me e ai lettori che passeranno di qua, appresa dalla gentile re dazione di Cucina & Lifestyle Lenius.it che così scrive:
    la base del pane/pancake etiope la Injera, non è un cereale che cresce in Italia, ahimé, ma il teff cereal che cresce in abbondanza sulle colline etiopi ed eritree. Ovviamente si può forse trovare nei negozi di cibo internazionale, importato. Ringrazio molto la redazione per questa precisazione.

    RispondiElimina
  5. ehiehi ma questi sono pure veg! peccato non saprei davvero quando prepararli, al mattino non ho mai tempo, e nel finesettimana che dormo un po' di più, se non mangio immediatamente appena sveglia rischio poi di non pranzare! magari li terrò presenti per un'eventuale brunch, cosa che in effetti non ho mai fatto! ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. bella la ricetta dei pancakes marocchini

    RispondiElimina
  7. La padella antiaderente ce l'ho. Gli ingredienti pure. Loro le bolle le avranno sicuramente, mancano solo gli amici, ma…. se questo vuol dire più pancakes per me meglio no?! hihihi Complimentoni comunque. :)
    a prestooo, ciao ciao ciao

    RispondiElimina
  8. che carini!! Non li conoscevo..
    Grazie per la ricetta!!
    Ti auguro una buona serata.
    incoronata

    RispondiElimina
  9. Ciao Simo, sai che queste cose mi attirano come il miele per gli orsi :-)
    Credo di non averli mai assaggiati, ma ho invece mangiato la Injera in un ristorante africano. Perfetta per accompagnare i loro piatti. Domandina: proprio semola o va bene anche semolino?

    RispondiElimina
  10. ciao Ele! siusa la semola per questi pancakes, direi che è meglio....con il semolino verrà sicuramente più grezzo , se hai semola per me viene meglio! però sai che sperimentare riserva sorprese anche piacevoli qualche volta, quindi caso mai prova, poi mi sai dire :D Un bacione ciaooo

    RispondiElimina
  11. Sai che anche io ho una gran passione per la cucina mediorientale!! Secondo me in una vita precedente vivevo in uno di quei paesi!!! Proverò questi pancakes!! Un bacione!!

    RispondiElimina