Lightbox Effect

lunedì 14 luglio 2014

Millefoglie di burrata e pomodorini confit

e l'azienda vinicola: Tenute Tomasella 

Oggi un post un po’ particolare, perché la ricetta che vi propongo nasce dall’ esigenza di creare un piatto in abbinamento ad un vino che ho avuto il piacere di degustare grazie all’ incontro con un’importante azienda vinicola, Tenute Tomasella, situata al confine tra il Friuli e il Veneto, tra la DOC Friuli Grave e la DOC Piave. Due terre così importanti per la produzione vinicola, che si distinguono per caratteristiche ben precise, ma che nel loro incontro danno vita ad una produzione particolare e decisamente eccellente, dovuta alla conoscenza, alla passione e alla dedizione di chi queste terre le conosce da sempre,  che le cura con rispetto e sapienza.  
Per chi volesse avere informazioni sui vini e sulle TenuteTomasella, lascio i link per gli approfondimenti, che trovate qui e qui, così potrete sapere tutto anche sulle tecniche di vinificazione. 
Io invece vi racconto di come è nata questa ricetta, semplice, fatta di pochi ingredienti, ma tutti d’eccellenza e di grande tradizione. I loro sapori freschi, si sposano perfettamente con le note di questo Grave friulano 2013, sottilmente aromatico, di timo e rosmarino, fruttato di mela e pera, con ricordi di miele e fiori d'acacia e la tipica nota di mandorla.
Ho scelto un abbinamento classico, burrata e datterini, scegliendo però di concentrare il profumo e l’aroma dei pomodori  con un’asciugatura al forno, così da renderli saporitissimi ed esaltare il gusto e la freschezza del formaggio, morbido e cremoso. Ho aggiunto poi una nota croccante con delle cialde di pane sottilissime, che si ammorbidiscono un po’ grazie all’umidità del formaggio, regalando al palato un’alternanza di morbido e croccante, al profumo di erbe fresche e basilico. 
La ricetta è semplicissima ma d’effetto, bella da portare in tavola, da abbinare ad un calice di D.O.C Grave friulano 2013 servito fresco, mi raccomando!  10° saranno perfetti per esaltarne tutti i profumi e gli aromi. 

Millefoglie di burrata e pomodorini confit
 per 4 persone

Ingredienti
farina 00: 80 gr
farina di ceci: 20 gr
olio: 20 gr
sale: 1 cucchiaino
acqua: 50 gr circa
burrata: 350 gr
pomodori datterini: 300 gr
erbe aromatiche: origano, basilico, timo, finocchietto: qualche rametto
aglio: uno spicchio
insalatina: per decorare
olio evo: qb

sale: qb

Procedimento
Setacciare le due farine con il sale, aggiungere l olio e l’acqua necessaria ad ottenere un impasto morbido. La quantità dipende dalla capacità di assorbimento della farina, quindi le dosi sono indicative. Lavorare brevemente la pasta sulla spianatoia finchè il panetto risulterà liscio. Farlo riposare per mezz’ora coperto.
Tirate la pasta molto sottile e ricavatene dei dischi con un coppapasta rotondo di 10 cm di diametro. Infornateli a 180° per 5/6 minuti.
Mettere la burrata in un colino a perdere il liquido in eccesso. Lavare i pomodorini, asciugarli e tagliarli a metà per il lungo. Sistemarli in una placca su carta forno con la parte tagliata rivolta verso l’alto. Salare, distribuire le erbe aromatiche e lo spicchio d’aglio tagliato a fettine. Irrorare con olio abbondante ed infornare a 100° per circa 2 ore.
In un piatto, sistemare qualche foglia di insalatina, adagiare un disco di pasta, distribuire un po’ di burrata e qualche pomodorino confit. Condite con un po’ d’olio frullato con del basilico fresco. Fate un secondo strato, e procedete allo stesso modo. Chiudete la millefoglie con un altro disco di pasta, fate un giro d’olio evo, distribuite se vi piace qualche semino di papavero, e decorate con fiorellini di timo o di basilico. Lasciare riposare 5 minuti e servire

5 commenti:

  1. Ah che buona la burrata!! Ottime le cialde con farina di ceci, che trovo adattissime alla preparazione. Sapori dolci ma avvolgenti, buonissimo!!

    RispondiElimina
  2. Io non avendo la materia prima x questa leccornia sto divorando lo schermo!!

    RispondiElimina
  3. Che eleganza! Queste idee che curano anche l'estetica mi conquistano subito... :-) La burrata è speciale come la stracciatella, una bontà che mi concedo ogni tanto e che mi gusto fino in fondo!

    RispondiElimina
  4. raffinatissimo e delizioso questo piatto! Complimenti,davvero...

    RispondiElimina
  5. Ma quanta è figa questa millefoglie, molto elegante e raffinata, fa tanto alta cucina. Mi intriga molto la ricetta delle sfoglie, sia perchè c'è la farina di ceci che non ho mai usato per un lievitato e sia perchè è completamente senza lievito. Viene una cosa tipo le streghette bolognesi?

    RispondiElimina