Lightbox Effect

mercoledì 1 ottobre 2014

Torta salata di pasta matta con borragine, cicoria e Asiago DOP

Tortiera Le Creuset
Come possiamo rallegrare questo primo giorno di ottobre, grigio e piovoso? Si potrebbe preparare un dolce di quelli super golosi, magari al cioccolato di quelli che scaldano anima e cuore, ma c’è ancora qualche fiore in giardino, a colorare queste giornate autunnali, e allora perché non portarli in tavola? La borragine continua a crescere rigogliosa, e prima che anche per quest’anno il freddo la faccia capitolare, ho  preparato una torta, ovviamente salata. La borragine ha un sapore molto particolare, ha una nota di freschezza che fa pensare alla primavera. Mi piace mescolarla ad altre verdure, prepararci i tortelli o qualche contorno sfizioso. Non sono un’amante delle torte salate, soprattutto perché in genere si usano paste troppo grasse per prepararle. Ma la pasta matta è un’altra cosa, è come una sfoglia di pane, leggerissima e croccante, un guscio ideale per racchiuderci quello che più vi piace. Provatela, sono sicura che diventerà anche per voi un sostituto ideale quando siete alla ricerca di un piatto leggero, sano e soprattutto vegetariano. Se non avete la borragine potete tranquillamente usare altre verdure, spinaci, cicoria, bieta, quello che più vi piace insomma. Le torte salate non mettono limiti alla fantasia. Io un po’ di borragine l’ho messa nel ripieno, sennò non avrei saputo giustificare la presenza dei suoi fiori! E se dovevo rallegrare questa giornata grigia, come avrei fatto senza questo celeste meraviglioso?


Torta salata di pasta matta con cicoria e borragine

Ingredienti

Per la pasta 
farina 00: 250 gr
acqua frizzante: 110 gr
sale: 1 cucchiaino
olio evo: tre cucchiai
aceto: 1 cucchiaino

Per il ripieno
cicoria bollita: 300 gr
borragine: 50 gr
asiago fresco D.O.P: 80 gr 
aglio: 1 spicchio
olio evo: tre cucchiai
sale: qb

Setacciare la farina con il sale e fare la fontana, aggiungere al centro acqua, olio e aceto ed impastare incorporando la farina poca alla volta. Lavorare il panetto per mezz'ora. Farlo riposare per 30 minuti appoggiato su un piatto unto d’olio e coperto da una pentola calda. Lavare la borragine, saltarla in padella con poco olio e sale per qualche minuto. Saltare anche la cicoria con due cucchiai d’olio e uno spicchio d’aglio e far raffreddare. Tritare le verdure al coltello, aggiungere l'asiago grattugiato o a pezzetti piccoli e mescolare bene.
Dividere la pasta in due parti, una leggermente più grande dell’altra  e con il mattarello tirarla molto sottile. Rivestire il fondo di una tortiera con carta forno, adagiarvi la sfoglia più grande, riempire con il ripieno livellandolo bene. Appoggiare sopra la seconda sfoglia e ripiegare i bordi di quella sottostante. Bucherellare la pasta, spennellarla con un po’ di latte, ed infornare a 180° per circa 50 minuti. Sfornare, lasciare intiepidire e servire.

Alcune annotazioni: la torta è molto buona tiepida, in modo che la pasta rimanga croccante. Se ne avanza, il giorno dopo si può tranquillamente riscaldare su una griglia per asciugare l'umidità della pasta. Tornerà perfetta!
Con questa ricetta vi auguro una bellissima settimana. Un bacio a tutti e al prossimo post



11 commenti:

  1. Sono bellissimi (e buonissimi) i fiori portati in tavola! Altro che torte!

    RispondiElimina
  2. non ho mai provato a fare la pasta matta con l'acqua frizzante, che differenza da?....da provare!

    RispondiElimina
  3. ciao Lucy, con l'acqua frizzante trovo che la pasta risulti meno compatta...quindi è più leggera e friabile sotto i denti! ma la faccio anche con l'acqua naturale, dipende da quello che ho, viene comunque buona. Baci

    RispondiElimina
  4. Ciao Simona, devo provare questa tua ricetta per la pasta matta (le tue ricette sono sempre ottime e non mi deludono mai). Io ne faccio una versione che non mi piace tanto. La tua versione con l'acqua frizzante e l'aceto mi incuriosisce moltissimo! Grazie e a presto.

    RispondiElimina
  5. deliziosa,la voglio per la cena passane una fetta,felice sera

    RispondiElimina
  6. E' tutta la settimana che becco ricette, sia dolci che salate con la pasta matta, che sia un segno del destino??? Dovrò proprio decidermi a provarla, magari inizio dalla tua ricetta....

    RispondiElimina
  7. La pasta matta piace tanto anche a me e la tua versione, con aceto e acqua frizzante, la provo la prossima volta! Purtroppo qui non ho la borraggine che mi piace pure tanto. Però le torte salate con le verdure mi fanno impazzire!
    La tua è proprio bella, ricorda proprio la primavera con quei fiorellini.

    RispondiElimina
  8. adoro le quiche, deliziosa la tua cosi' decorata e poi impazzisco per la pasta matta, e' sempre piu' buona!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  9. quest'anno ho riscoperto le torte salate. comode, golose e verdurose come piacciono a me. la pasta matta non l'ho mai provata, dovrò rimediare. la borraggine, questa sconosciuta, l'ho sentita nominare e vista in diverse ricette ma non l'ho mai assaggiata!

    RispondiElimina
  10. adoro questi tipi di pasta, sottili e croccanti come piacciono a me. Salvo la ricetta, mi hai fatto venire voglia di torta salata!

    RispondiElimina