Lightbox Effect

lunedì 24 novembre 2014

Biscotti di farro e orzo


Oggi una ricetta di quelle che piacciono tanto a me. Malgrado nel blog i dolci non manchino, in realtà io non sono una gran golosa, adoro preparare i dolci, ma non amo molto mangiarli, con poche eccezioni. Questo se parliamo di pasticceria classica. Ma se parliamo di pasticceria “senza” allora la storia cambia, perché i dolci “senza” mi piacciono un sacco! E soprattutto i biscotti! Ma senza cosa? Direte voi. Senza burro principalmente, senza farina 00, senza zucchero raffinato, anche senza uova. Contro tutti quelli che sostengono che non sanno di niente, io dico che sono buonissimi.  Hanno un sapore diverso dai dolci classici, certo, quello si, ma perché dovrebbero essere necessariamente meno buoni? Dipende sempre dai gusti personali. Io mangio biscotti “senza” fin da piccola, evidentemente mi piacciono proprio, sennò chi me lo faceva fare di rinunciare a merendine, frollini, snacks di ogni tipo proprio quando avrei potuto mangiarli senza troppi sensi di colpa? Qualche volta li mangiavo certo, ma preferivo sempre comunque i miei biscotti naturali, forse allora un po’ impopolari, oggi meno, visto che di alimentazione e cibi naturali ormai si parla tanto. Quindi ecco la versione casalinga dei miei biscotti “senza”. Non sto a dirvi che sono buonissimi, certo non possono essere paragonati ad una frolla burrosa o roba simile, ma chi mangia naturale sono sicura che non ha bisogno di essere invogliato da quantità di burro o zucchero. Quindi semplicemente vi lascio la ricetta, se siete curiosi e amate il rischio, potreste anche cadere in tentazione e fare qualche scoperta sorprendente, chissà…

Biscotti di farro e orzo 
Ingredienti

farina di farro integrale: 200 gr
farina di orzo integrale: 70 gr
farina di mandorle: 30 gr
zucchero mascobado: 70 gr
malto di mais: 1 cucchiaio (o altro tipo di malto)
uovo: 1
lievito: 1 cucchiaino
olio di semi di girasole bio: 100 gr
prugne secche: 12 circa
limone bio: la scorza grattugiata di 1
sale integrale: un pizzico abbondante

Procedimento
Ammorbidire le prugne in un po’ d’acqua se necessario e tagliarle a pezzetti piccoli.  Miscelare le farine con il lievito e il sale, aggiungere l’uovo, l’olio, il malto stemperato in pochissima acqua ed impastare. Amalgamare le prugne e far riposare l’impasto per mezz’oretta in frigo. Stenderlo tra due fogli di carta forno con il mattarello ad uno spessore di circa 4 mm, e con un coppapasta ricavare dei dischi. Disporli sopra della carta forno in una teglia da forno,  e cuocerli a 170° per circa 20 minuti. Sfornarli e farli raffreddare. Se preferite una versione più morbida, sostituire il malto con un po’ di latte di soia, solo quello necessario a far stare insieme l’impasto.

Alcune annotazioni: l’impasto risulterà un po’ appiccicoso, ma lavorandolo con la carta forno non sarà troppo complicato ricavare i biscotti. Sono più buoni il giorno dopo. Conservarli in una scatola di latta o in un sacchetto per alimenti  ben chiuso.
Buona settimana, un bacio a tutti e al prossimo post.

8 commenti:

  1. Mai provata la farina do orzo...com è?

    RispondiElimina
  2. Possiamo sorprenderci solo se proviamo a fare le cose... bisogna toccare con mano e assaggiare generosamente, in questo caso! Io sono una che si avvicina a tutto, ai dolci più "proibiti" come a quelli più sani, non metto paletti nè limiti, tutto merita di essere scoperto, almeno una volta... e quindi penso già alla merenda e al tè alle spezie che preparerò!
    :-)

    RispondiElimina
  3. Sono bellissimi, ne vorrei uno ^_^
    Ciao,
    Ale
    http://golosedelizie.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. SEMBRANO FANTASTICI!!!CHE BELLO MANGIARE UN PO' PIU' SANO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. Ciao Simona, questi biscotti mi attirano moltissimo. Mi piace sperimentare farine diverse e condivido la tua preferenza per i dolci 'senza', mi piace molto anche questa definizione! Buon pomeriggio e a presto.

    RispondiElimina
  6. io sono per i dolci da colazione, biscotti e torte rustiche, non sono un'amnte del super dolce elaborato e ricco o forse non ne sono capace.ottima rpoposta la tua!

    RispondiElimina
  7. Sai che i dolci rustici sono i miei preferiti, senza non tanto dolci ancora meglio. Odio la panna e i dolci burrosi, non mi piacciono neanche gli shortbread. Preferisco lo yogurt magro a quello intero mica per pippe mentali ma perchè trovo quest'ultimo troppo "pannoso", quindi passami due biscotti che devo ancora fare colazione.

    RispondiElimina
  8. Amo alla follia questi ingredienti, di cui la mia dispensa è sempre piena, e amo alla follia i tuoi biscotti. Sono una scelta fondamentale anche per le mie colazioni. Meravigliosi.
    E' un vero piacere conoscerti e seguirti. Complimenti!!

    RispondiElimina