Lightbox Effect

giovedì 24 aprile 2014

Crema di riso vegan con composta di fragoline


In giardino sono già maturate le fragoline di bosco… E’ primavera, l’inverno è passato per fortuna, ora ci aspetta solo il caldo atteso, cercato, sognato. Gli inverni passano sempre e le primavere tornano puntualmente a colorare le giornate, con leggerezza, delicatezza, con un po’ di incertezza iniziale magari, ma prima o poi arrivano i colori, i profumi, la vita nuova!
Così, raccolte le fragoline mi son chiesta cosa avrei potuto farne, troppo poche per una marmellata, troppo poche anche per una crostata. Alla fine ci ho fatto un po’ di composta, una cosa semplice, solo fragoline, zucchero di canna e un goccio d’acqua.
E dato che volevo sperimentare una ricetta classica in versione vegana, ho trasformato una crema di riso con composta di lamponi della chef Paola Cattabriga in una crema di riso vegana con composta di fragoline di bosco!
Che dire, la crema di riso è un dolce del ricordo per me, e se anche in questi giorni non posso certo attingere a bei ricordi recenti, ho sempre bellissimi ricordi, passati da molto tempo ormai, che nessuno mi ruberà, che mi rimarranno sempre nel cuore e nell’anima…i bei ricordi lì ci restano per sempre, gli altri invece si affievoliscono, se ne vanno e non tornano più…basta avere il tempo che una nuova primavera ritorni a scaldarci il cuore e l’anima.

Sapete qual è la cosa bellissima di questo dessert vellutato e cremoso? Che l’ho preparato in 18 minuti con la pentola a pressione, della Lagostina naturalmente :D Nel frattempo ho preparto anche la composta di fragole e solo il tempo del raffreddamento e il dessert è pronto! Praticamente un attimo! Fantastico no? E voi la pentola a pressione la usate per cucinare?

Crema di riso vegan con composta di fragoline
Ingredienti

riso per risotti ( tipo carnaroli, vialone nano, baldo ecc ): 80 gr
panna di soia: 200
latte di soia: 250 gr (potete provare anche di mandorla)
zucchero di canna: 80 gr
vaniglia: 1 stecca
limone bio: 1
fragoline: 200 gr circa
acqua: qb

Preparare subito la crema di riso facendo cuocere 18 minuti in pentola a pressione il riso insieme alla panna, il latte, la vaniglia, la scorza grattata di un limone e 60 gr di zucchero. Aprire a metà cottura e girare con un cucchiaio per aiutare la caramellizzazione. Frullare al mixer e setacciare.
Spadellare le fragoline con acqua, il restante zucchero di canna e far ridurre della metà, far raffreddare. Riempire una sac a poche con la crema di riso fredda e distribuirne tanti  ciuffetti in coppette individuali. Guarnire con la composta di fragoline, decorare con qualche fiorellino, una fogliolina di menta e servire.

lunedì 14 aprile 2014

Cous cous di verdure con alghe e pinoli

Cocotte Le Creuset
Forse molti penseranno che il cous  cous è un piatto lungo e  complicato  da preparare. Ed in effetti se non disponessimo di un cous cous precotto il procedimento sarebbe in effetti un po’ complesso. Ma dato che abbiamo anche un’alternativa, ecco che preparare un cous cous saporito, leggero e colorato, diventa semplice e abbastanza veloce. Io l’ho preparato per cena e in un’oretta ho fatto tutto! Quindi potete farcela anche voi e farete un’ottima figura, soprattutto se lo servirete in qualche bella cocotte monoporzione come ho fatto io, che ho scelto Le Creuset. 
Cos’è fondamentale per un buon cous cous? Beh, oltre alla scelta del condimento, è indispensabile sgranarlo perfettamente, io detesto quando mi servono il cous cous troppo umido e a grumi, ma spesso succede. Quindi l’unica attenzione da porre è questa. Io non ho un vero e  proprio segreto.Non esagero mai con il brodo e  con pazienza lo sgrano con l’aiuto di una forchetta mettendo da parte quello che via via si separa e procedo fino al fondo della pentola. Poi se resta qualche parte un po’ impaccata con l’aiuto di una grattugia separo i granelli che rimasti sotto si sono troppo appicicati ed il gioco è fatto, vi verrà un cous cous perfettamente sgranato pronto per essere condito.
Ovviamente potete aggiungere altre verdure secondo la stagione, come per esempio i peperoni, o i legumi al posto dei pinoli, insomma, le varianti sono infinite, ma questa è molto saporita e ben equilibrata.
Con le quantità di verdure io vado ad occhio, quindi ho dato dei pesi indicativi, non si può sempre stare a pesare tutto al grammo in cucina no?

Ingredienti
per 4 persone

cous cous precotto: 1,5 bicchieri
carota: 1
zucchina: 1
fagiolini: 50 gr
piselli: 50 gr
porro: 10 cm
pomodoro: uno
olive: una manciata
capperi: 1 cucchiaio
alghe Hijiki: un cucchiaio
pinoli: due cucchiai
aglio: uno spicchio
prezzemolo tritato: tre cucchiai
limone: qb
olio evo: per condire
brodo vegetale: 1,5 bicchieri

Procedimento
Mettere a bagno le alghe per farle ammorbidire.
Lavare tutte le verdure e tagliarle a pezzetti piccoli e regolari. In una padella scaldare qualche cucchiaio d’olio evo e far saltare il porro  con la carota, per cinque minuti, poi aggiungere le zucchine e le alghe e far saltare qualche minuto( devono rimanere croccanti, non cuocetele troppo!)
A parte cuocere separatamente i piselli e i fagiolini a pezzetti in acqua bollente salata (anche questi devono rimanere croccanti)
Tagliare il pomodoro a  cubetti dopo aver eliminato i semi interni e l’acqua (se preferite eliminate anche la buccia) Tostare qualche minuto i pinoli in una padella antiaderente.
Eliminare il nocciolo dalle olive e tagliarle a pezzetti. Tritare i capperi dopo averli lavati dal sale.
Cuocere il cous cous tostandolo leggermente in padella dopo averlo mescolato ad un cucchiaio d’olio evo. Aggiungere una quantità pari di brodo vegetale, mescolare bene per fare assorbire il liquido, poi coprire e lasciare riposare cinque minuti. Sgranarlo bene con una forchetta e metterlo in una terrina.
Mescolare tutti gli ingredienti al cous cous, aggiungere il prezzemolo fresco tritato, qualche goccia di limone  secondo il vostro gusto, un giro d’olio evo e tenere in frigorifero. Distribuire il cous cous in quattro cocotte monoporzione, decorare con qualche germoglio e servire.

Cocotte Le Creuset