Lightbox Effect

giovedì 5 marzo 2015

Crostata vegan al farro


Che ne dite di una crostata? La domenica si avvicina e un dolce da portare in tavola ci vuole, sennò che domenica è? Però facciamo un dolce sano e soprattutto vegan.  Certo ormai le ricette che posto sono tutte vegan, quindi non è una sorpresa più per nessuno…almeno credo. Comunque mi sento molto a mio agio con la cucina vegan, forse perché, fin da piccola, più inconsapevolmente di adesso, mi sono sempre piaciuti i sapori raw, i biscotti integrali senza uova, zucchero, latte. I dolci senza questo e senza quello. Le verdure senza creme, besciamelle e intingoli vari. La carne “anche no grazie”, il pesce “vedremo, magari un altro giorno” e cosìsi tirava avanti in qualche modo...Insomma, è sempre stato il mio modo di nutrirmi. Certo che finchè si vive in famiglia imporre un certo modo di alimentarsi può creare dei problemi a chi si occupa di preparare pranzo e cena, così ci si barcamena come  si può finchè non ci si impossessa di una cucina. Dopodichè non c’è più limite a quello che si può togliere da una ricetta :D  E’ vero che poi subentra un altro annoso problema, quello di cominciare a cucinare per qualcuno che non è vegano, e magari nemmeno vegetariano!!! Praticamente un incubo, ma per fortuna ne sono fuori e posso dedicarmi alla mia cucina preferita. Resta aperta solo la questione scuola: sapete che sto per diplomarmi alla scuola alberghiera no? e quindi anche lì ogni tanto, raramente però tocca assaggiare qualcosa che proprio vegano non è! Ma niente carne e niente pesce! Questo ormai è un imperativo assoluto! Tempo di finire anche la scuola e poi chissà cosa mangerò ;) ne vedremo delle belle.   Ma torniamo alla nostra crostata, che vi posso dire? Buona, mi ricorda le merendine che scovavo nelle erboristerie anni e anni fa, quando ancora i vegani sulla terra erano forse due o tre e di "cibi senza" bisognava andare letteralmente a caccia :D ,  un delizioso sapore raw, non so se è il termine più adatto ma a me viene in mente questo.
Cosa fare perché sia ancora più buona? Marmellata home made naturalmente (io avevo quella di albicocche ) e margarina home made, in alternativa olio di buona qualità. E se la provate fatemi sapere.

Crostata vegan al farro
Ingredienti

farina di farro: 200 gr
farina 2: 100 gr
farina di riso: 50 gr
margarina vegetale: 100 gr (io home made)
zucchero di canna mascobado: 90 gr
lievito naturale: 3 cucchiaini rasi
estratto vaniglia: 1 cucchiaino
buccia di ½ arancia e ½ limone grattugiata
marmellata di albicocche: circa 200 gr non l'ho pesata :(
acqua: qb
sale: qb

Procedimento
Setacciare le farine con il lievito e il sale. Sciogliere lo zucchero in poca acqua in modo da eliminare i grumi, unire anche l’estratto di vaniglia. Grattugiare la buccia dell’arancia e del limone. Con la farina fare la fontana,  amalgamare velocemente la margarina e poi aggiungere lo zucchero sciolto in poca acqua. Unire la buccia degli agrumi e lavorare l’impasto velocemente finchè starà insieme. Aggiungere l’acqua necessaria ad ottenere un impasto sodo ma che non si sbricioli. Dividerlo in due parti, 2/3 + 1/3 Coprire con pellicola e far riposare in frigo mezz’ora. Trascorso il tempo prendere il panetto più grande e stenderlo su una spianatoia leggermente infarinata ad uno spessore di circa 4 mm. Foderare una tortiera di 22 cm di diametro oliata e leggermente infarinata con la pasta, bucherellare il fondo, stendere la marmellata. Con la pasta rimanente creare le strisce e fare la griglia. Infornare a 180° per circa 35 minuti. Lasciare raffreddare e cospargere con poco zucchero a velo (solo per estetica). E’ più buona il giorno dopo, quindi un’ottima ricetta da preparare in anticipo!
Alcune annotazioni: se non avete la margarina usate olio vegetale spremuto a freddo.
Io uso solo la margarina home made e per questa crostata, ne ho utilizzata 100 gr, ma potete anche aggiungerne un po’. Io arriverei fino a 120 gr, comunque anche con 100 la crostata è buonissima, però è migliore se mangiata il giorno dopo perché si ammorbidisce e si amalgamano i sapori. In quanto allo zucchero, ne ho usati 90 gr, non amo i cibi troppo dolci, ma se vi piace un po’ più dolce arrivate fino a 110/120 gr, dipende molto anche dalla marmellata che si utilizza.
Bene, con questo è tutto, un bacio e buon fine settimana a tutti. 

8 commenti:

  1. Ciao Simona, hai ragione la crostata è proprio un dolce da domenica. Certo che la tua con margarina e marmellata fatte in casa deve avere un sapore speciale. Io proverò a farla con olio vegetale perchè non credo di essere capace di fare da sola la margarina. L'idea di utilizzare quel mix di farine per la pasta mi attira moltissimo. Grazie e buon fine settimana anche a te.

    RispondiElimina
  2. GIA' LA CROSTATA E' BUONA DI SUO, LEGGERA COSI' ANCORA MEGLIO CON TUTTI I PRODOTTI FATTI IN CASA E CON LA FARINA DI FARRO, LA MIA PREFERITA PER I DOLCI!!!BRAVA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. La crostata è sempre stata il mio dolce preferito, anzi il mio dolce preferito era LA costata che faceva mia nonna con confettura di prugne fatta da lei, e cotta nella cucina economica, cosa che la faceva bruciacchiare da un lato. Era favolosa!
    Lei non era molto vegan, usava in parte strutto e in parte burro quindi ti puoi immaginare :-)
    Mi è sfuggito come si fa a fare la margarina home made, dove posso trovarlo?

    RispondiElimina
  4. l'hai resa leggera ma cmq la si vede friabile.. deve essere buonissima!

    RispondiElimina
  5. La perfezione fatta crostata! Non credo mi sia mai venuta fuori una cosa esteticamente bella così (ne credo mi verrà mai:D).
    Anche a me più si va avanti e più sono orientata verso i sapori "raw" come dici tu (un po' proprio nel senso della traduzione letterale del termine, un po' anche inteso metaforicamente per il cotto), e se dovessi proprio mangiare un dolce non ho dubbi che sarebbe una crostata rustica come questa :-)

    RispondiElimina
  6. Me la sbaferei adesso è davvero troppo invitante!

    RispondiElimina
  7. Me la sbaferei adesso è davvero troppo invitante!

    RispondiElimina