Lightbox Effect

lunedì 28 dicembre 2015

Patè di carciofi


Tartine per Capodanno ne avete in programma? Mah, io quasi quasi farei una cena solo a base di creme, salsine, crostini croccantissimi e milioni di bollicine per mandarle giù :)  Vabbè, non posso sperare in una cena così, però qualche patè irresistibile da spalmare su dei crostini tiepidi non mancherà di certo. 
Se fate un giro sul blog troverete diverse preparazioni sul genere, vi lascio il link a questa che mi sembra in tema con il Capodanno, caso mai non sappiate come cucinare le lenticchie quest’anno vi do un’idea diversa, sempre spalmabile ovviamente. 
Mentre la new entry di quest’anno è questo delizioso patè di carciofi. Non può che essere buono perché cosa c’è di più buono dei carciofi? 
Il procedimento forse non è proprio immediato, si potrebbe velocizzare passando tutto al passaverdura, ma per la consistenza che avevo in mente io qualche passaggio in più è stato d’obbligo: non volevo un patè di carciofi troppo liscio, ma un po’ grossolano, che si sentissero i pezzetti di verdura, ovviamente morbidi e senza fibre mi raccomando! Sennò sarebbe immangiabile. 
Quindi niente,  se lo volete a tutti i costi, c’è solo da  armarsi di un po’ di pazienza, ma ne vale decisamente la pena. Ora mi pento di averlo dato via per paura di finire tutto il barattolo da sola, ma spero di aver fatto felice qualcuno; anche qualche carciofo, se preparato bene può dare la felicità, credetemi! provate e vedrete. 

Patè di carciofi
Per circa 400 g di patè

Preparazione. 1 ora
Cottura: 25 minuti

carciofi: 4 (ho ottenuto circa 300 g di polpa)
aglio: 2 spicchi
prezzemolo tritato: 1 C
silk tofu: 150 g
olio evo: 35 g + 3 C
olio di semi di girasole: 35 g
limone: il succo di ½
aceto: 2 c
polvere di capperi essiccati: 1 c
sale: qb
brodo vegetale: qb
peperoncino fresco: qb

Procedimento
Lavare bene i carciofi, pulirli eliminando le foglie esterne più dure. Tagliarli in due, eliminare   il fieno centrale, tagliare ogni metà in due parti e metterli in acqua acidulata con succo di limone
In una padella scaldare ‘olio con gli spicchi d’aglio schiacciati, aggiungere i carciofi ben scolati e lasciare insaporire qualche minuto, poi aggiungere due mestoli di brodo caldo e far cuocere finchè saranno teneri.
A parte lessare tutte le foglie esterne in acqua per 15 minuti, poi scolatele e con un coltellino prelevate la polpa più tenera e non fibrosa.
Una volta che i carciofi saranno cotti, farli raffreddare, poi con un coltello tagliare la parte della base, quella più tenera e sistemarla in una ciotola Con una forchetta schiacciarla bene fino ad ottenere una crema non troppo liscia. Passare al passaverdura la parte delle foglie, ricavare tutta la polpa. In un mixer, unire la crema ottenuta dal passaverdura, il tofu, il prezzemolo, l’aceto, il succo di limone, un pò d’olio di semi, una fettina sottile di spicchio d’aglio, due prese di sale e la polvere di capperi ( se non l'avete omettetela) ed azionare fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti. Unire questa crema alla parte di patè più grossolana, mescolare bene ed aggiungere l’olio restante. Aggiustare di sale se necessario e di acetose preferite una maggiore acidità. Conservare ben chiuso in frigorifero sempre coperto d’olio. per preparare dei deliziosi crostini, tostare del pane casereccio fino a renderlo croccante, spalmare la crema di carciofi e finire con del peperoncino fresco tritato  non troppo piccante, in ogni caso regolate la quantità secondo i vostri gusti.
Con questa ricetta vi auguro una settimana senza troppi affanni in vista del Capodanno :) 
Un bacio a tutti e al prossimo post

8 commenti:

  1. Ciao Simona, un capodanno di sole tartine mi attirerebbe moltissimo. Intanto copio questa tua ricetta perchè ero proprio in cerca di ispirazione di qualcosa di spalmabile. Non so se troverò il silk tofu, posso sostituirlo con altro formaggio (anche non vegan)? Grazie e tanti tanti auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella,si certo, puoi tranquillamente sostituirlo, io sceglierei qualcosa di delicato per non coprire il sapore dei carciofi, tipo un pò di ricotta. Però potresti anche ometterlo del tutto e gustare il sapore dei carciofi in purezza. Ti faccio anch'io tantissimo auguri, farò un giro di blog così passo a salutarti appena mi libero dagli impegni obblogatori. Un bacione intanto e grazie! :)

      Elimina
  2. Mamma mia quanto andremmo d'accordo io e te!
    Cena a base di salsine e bollicine e per dolce una tazza di latte e biscotti!:D ahhh adoro!
    Il patè di carciofi è uno dei miei preferiti, anche se questa in effetti pare un po' una preparazione laboriosa, ma immagino orchestrata per riutilizzare anche le foglie esterne senza però che l'insieme risultasse duro o troppo filamentoso. Ma se io quelle esterne le dò alle galline e lo faccio solo con i cuori?! ehehe:P
    Un abbraccio e buona settimana a te!

    RispondiElimina
  3. Peanut! ci dobbiamo proprio fare una serata come si deve, carciofi e bollicine a volontà. Possiamo invitare anche le galline così a loro diamo le foglie e facciamo tutti contenti !!! ahahah, :) si si, dobbiamo proprio farla ;) Grazie e un super bacio, passo anche da te per gli auguri appena riesco. Intanto, un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. altro che quelle comprate, super buono e io adoro i carciofi! buon anno!

    RispondiElimina
  5. Adoro i carciofi! Penso che sarà una delle ricette per il banchetto di Capodanno... Grazie!

    RispondiElimina
  6. Buonissimi i carciofi!!! Hai avuto una splendida idea come sempre!! Ma lo sai che quattro o cinque anni fa io ho fatto una cena di capodanno solo con antipasti e finger food e bollicine!!! Bellissimo!!!

    RispondiElimina