Lightbox Effect

mercoledì 11 gennaio 2017

Pane pita integrale


Data la mia passione per la cucina mediorientale, il pane pita non può che essere tra i miei preferiti. Questa è la versione integrale di questo delizioso pane, perfetto per essere farcito con tutto quello che più vi piace. 
La particolarità di questo pane pita è che in cottura si gonfia come un palloncino, formando quindi una tasca che poi va riempita con vari ingredienti. Ovviamente i miei preferiti sono verdure miste, falafel (trovate la ricetta qui) e yogurt di soia. Ma potete anche servirlo con un delizioso e profumato spezzatino vegetale, come questo perché ovviamente essendo un pane si presta alla scarpetta con qualsiasi sugo.
Insomma sul come  mangiarlo sono sicura non avrete problemi, sul come prepararlo ve lo spiego in questo post, non è difficile, basta seguire i vari passaggi e vi assicuro che vederlo gonfiare in forno sembra una magia. Appena lo estraete chiudetelo in sacchetti di carta e poi di plastica per mantenerne la morbidezza. Tutto qua, e quello che resta potete tranquillamente congelarlo. Non dimenticate di provarlo spalmato di hummus di ceci, come nella foto! Una vera delizia! 
Se poi ad incuriosirvi sono anche altri pani piatti, come il naan, o la piadina ecce cc, andate a vedere l’ultimo bellissimo numero di Taste & More, avrete solo l’imbarazzo della scelta, e non solo per i pani piatti, c’è tutto un mondo da scoprire sull’ultimo numero ! 



Pane pita integrale 

Ingredienti per 12 pezzi

farina di frumento integrale: 400 g
farina manitoba: 325 g
lievito di birra: 4 g
acqua: 550 g
malto: 1 cucchiaino
sale: 15 g

Preparazione

Mescolate 125 g di farina manitoba con 250 g di acqua in cui avrete sciolto 2 g di lievito di birra e aggiungete il malto. Chiudere in un contenitore ermetico, lasciate mezz’ora a temperatura ambiente e successivamente conservate in frigorifero per 48 ore. Trascorso il tempo, aggiungete alla preparazione 400 g di farina integrale, 200 g di farina manitoba, 2 g di lievito sciolto in poca acqua, e l’acqua rimanente (regolate la quantità d’acqua in base alla capacità di assorbimento della farina.  Lavorate con l’impastatrice finchè il panetto si staccherà dalle pareti (almeno 10 minuti) Aggiungete il sale e lavorare altri 5 minuti con l’impastatrice e poi un paio di minuti a mano sulla spianatoia. Sistemate il panetto in un contenitore ampio, copritelo con la pellicola e fatelo lievitare per 40 minuti nel forno leggermente riscaldato e poi spento mantenendo la lucina accesa. Prelevate l’impasto, lavoratelo un paio di minuti sulla spianatoia e mettetelo a lievitare ancora per circa 1 ora e mezza o fino a quando sarà raddoppiato di volume. Trascorso il tempo, formate 12 palline tutte uguali del peso di circa 90/100 g e fatele lievitare coperte fino al raddoppio. Portate il forno al massimo della temperatura. Stendete ogni pallina con il mattarello sopra un foglio di carta forno e formate dei dischi regolari dello spessore di circa 4/5 mm ed infornateli tre alla volta tenendoli sopra la carta forno. Estraeteli quando saranno gonfi e ancora chiari. Chiudeteli in un sacchetto di carta e ponete il sacchetto di carta in uno di plastica per mantenerli morbidi.

Con questa ricetta auguro a tutti una bellissima settimana. Un bacio e al prossimo post

21 commenti:

  1. Ciao Simona, mi piace molto il pane pita, ma non ho mai provato a farlo in versione integrale. Grazie dell'idea. Buona settimana anche a te. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, grazie a te, un bacio a presto

      Elimina
  2. Il pane pita è buonissimo, immagino altrettanto buono in versione integrale! Non sapevo si potesse fare nel forno di casa! Interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao silvia, si si, si prepara tranquillamente, io lo faccio molto spesso! Grazie e a presto

      Elimina
  3. Il pane pita è buonissimo, immagino altrettanto buono in versione integrale! Non sapevo si potesse fare nel forno di casa! Interessante!

    RispondiElimina
  4. Che bello che ti è venuto. Anche io lo adoro ma lo cucino poco. Nella versione integrale mai fatto. Bella idea.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Natalia, grazie! Un abbraccio a presto

      Elimina
  5. Adoro il pane pita, e tutta la cucina mediorientale. Siamo state proprio brave, vero ? ^_^ Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao francy! siamo in sintonia allora :) eh si, proprio brave! ahaha, ce la cantiamo e ce la suoniamo ;) un bacione

      Elimina
  6. ADORO IL PANE PITA DOVRO' PROVARLO ANCHE INTEGRALE ALLORA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabry, felice che ti piaccia, grazie, un bacio a presto

      Elimina
  7. Stupendo questo tuo pita, Simo! Davvero geniale e gustosissimo!! :D Integrale deve essere troppo sfizioso.. complimenti e un abbraccio immenso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely! un abbraccio grande anche a te

      Elimina
  8. che buono io lo adoro, mi ricordi che devo farlo!

    RispondiElimina
  9. Mi piace tanto, solo che non lo preparo se no poi me ne faccio fuori la metà in abbinamento ad ogni tipo di salsina mi trovi vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, lo hanno inventato per quello Ele mi sa:) Un bacione

      Elimina
  10. Ciao Simona, ho conosciuto le tue ricette e il blog comprando i numeri della rivista veganLife! Non ho mai preparato questo tipo di pane. La procedura è un po' impegnativa ma di sicuro ne vale la pena!

    Buon weekend
    Angelica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelica, è un piacere trovarti qui dalle pagine di Vegan Life :) Non è difficile sai, solo i tempi per il poolish, ma è solo per usare pochissimo lievito. Se vuoi puoi omettere questo passaggio e procedere con una lievitazione classica di un paio d'ore aumentando le dosi del lievito. Un abbraccio e a presto

      Elimina
  11. Ottima questa versione integrale, brava Simona!!!

    RispondiElimina