Lightbox Effect

lunedì 11 settembre 2017

Blinis vegan con crema di yogurt ed erba cipollina


Questa è la ricetta che ho preparato  per il mio showcooking  di ieri al Sana. Diverse persone mi hanno chiesto al ricetta e quindi eccola qua, in tutta la sua semplicità, ma che richiede qualche accortezza per l’ottima riuscita.
Sono dei blinis vegan, cioè delle frittelline lievitate di origine russa, con farina di grano saraceno, accompagnate da una crema acida che ho ottenuto facendo colare dello yogurt di soia al naturale. Il tutto aromatizzato da erbe fresche, io ho scelto l’erba cipollina, ma si possono inventare tanti abbinamenti diversi: aneto e cetriolo, coriandolo e daikon, ecc  ecc. 
La difficoltà di questo tipo di ricette sta nell’ottenere un prodotto morbido e soffice e non gommoso, e questo dipende sia dal tipo di farine usate, sia dalle proporzioni tra solidi e liquidi. Con queste proporzioni vengono dei blinis vegani molto soffici, fate attenzione però alla consistenza della pastella (che non deve essere troppo liquida, né troppo densa) e alla temperatura della padella che non deve essere troppo elevata altrimenti il blini risulterà duro.  Se vi sembra difficile tenere conto di tutto questo vi assicuro che non è così, basta qualche prova e vedrete che sarà semplicissimo. 


Blinis con crema di yogurt ed erbe aromatiche

Preparazione: 15 minuti (più il riposo)
Cottura: 15 minuti

Ingredienti
(per circa 25/30 pezzi)

farina 1 bio: 100 g
farina di grano saraceno bio: 1 cucchiaio
aceto di mele: 1 cucchiaino
olio evo: 1 cucchiaino
lievito naturale: 3 cucchiaini
latte di soia al naturale non aromatizzato nè dolcificato: 60 g
acqua frizzante: 80/100 g (in base all’assorbimento)
curcuma: due pizzichi
paprika: un pizzico
sale integrale: qb
yogurt di soia colato: 250 g (per come prepararlo leggi il procedimento sotto)
erba cipollina fresca: qb (o altre a piacere)
ravanelli: 2
fiorellini eduli: per decorare

Procedimento
Mescolate le polveri in una boule, fate un foro al centro, versate il latte di soia e l’aceto, e aspettate qualche istante.  Aggiungete un po’ d’acqua cominciando a mescolare con una frusta e unite quella necessaria a formare una pastella non troppo liquida. Lasciate riposare dieci minuti.
Scaldate una padella antiaderente (senza arroventarla), versate un goccio d’olio evo, distribuitelo con un pennello e versate un mestolino piccolo di pastella (la consistenza deve essere tale che il liquido si espanda lentamente in modo che  allargandosi cominci a cuocere così da rimanere abbastanza spesso). Quando si formano le bollicine è il momento di girare il blini e di cuocerlo dall’altro lato. Fate formare una crosticina dorata, ma non scura. Procedete così con tutto l’impasto. 
Per preparare lo yogurt colato, ponete 500 g di yogurt in un colino foderato con una garza di cotone o lino pulita e priva di residui di detersivo (nel dubbio fatela bollire). Salate lo yogurt e ponete il colino sopra una ciotola a raccogliere il siero. Lasciatelo (10/12 ore in frigorifero). Il giorno dopo la crema di yogurt sarà pronta. Potete utilizzare il siero per preparare il pane. 
Quando tutti i blini saranno pronti (manteneteli tiepidi coprendoli con un telo) ponete su ognuno una quenelle di crema di yogurt, aggiungete erba cipollina fresca a pezzetti, qualche fiorellino di rosmarino o petalo di fiori eduli, un pizzico di paprika e una fettina di ravanello. Servite subito. 
Per i dettagli su come preparare lo yogurt colato o i formaggini di soia leggete qui 
Con questa ricetta auguro a tutti una felice settimana. Un bacio e al prossimo post.

3 commenti:

  1. Ahh non sai quanto mi è scocciato essere rimasta a bocca asciutta, anche se ho preferito di gran lunga scambiare due chiacchiere, anche se veloci, con te! Tanto sono sicura che avrò l'occasione di assaggiarli in futuro, assieme al tanto agognato calice di prosecco!:D
    Un bacione cara, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lu! :) anche per me è stato un piacere conoscerti, era tanto che non incontravo amiche di blog e niente, sono molto felice.Spero davvero che tu venga da queste parti per rimediare a quello che abbiamo lasciato in sospeso ;) Un bacio e un abbraccio forte <3

      Elimina
  2. Nell'insieme devono avere un sapore particolarissimo. Mi piacerebbe tanto provarli.

    RispondiElimina