Lightbox Effect

martedì 28 agosto 2018

Biscotto gelato vegan alla stracciatella (gluten free)


Prima che agosto ci saluti, voglio lasciarvi la ricetta di un gelato vegan gluten free, almeno un gelato vegan in tutta l’estate ci vuole giusto? Lo so che per la maggior parte del mondo il gelato è irresistibile e ogni stagione è quella giusta per mangiarlo, so che siete in tantissimi a pensarlo. Ma dato che invece io non ne vado pazza,  quest’anno è il primo post che gli dedico (e probabilmente anche l’ultimo, ma chissà)
Ebbene si, fatevene una ragione, il gelato non è una delle mie passioni, vi sembra impossibile? Vi assicuro che è così. Eppure ogni tanto mi viene un’incontrollabile voglia di mangiarne, così ne approfitto per sperimentare.
Era da un po’ che volevo provare una specie di stracciatella e racchiuderla tra due biscotti friabili e gluten free, e niente, eccola qua la mia stracciatella vegan, materializzata in men che non si dica.
Ne è venuto fuori un gelato vellutato, morbido e cremoso. Il sapore è delizioso, e il biscotto aggiunge quella parte croccante che mi rende sopportabile mangiare un gelato J Va bene, esagero, forse sopportabile non è il termine giusto, diciamo che lo rende più intrigante ecco!
E’ facile da fare, e potete sbizzarrirvi con tutte le varianti che vi vengono in mente. E se non avete voglia di preparare i biscotti potete optare per le Digestive Vegan, il minimo sforzo per un ottimo e sano risultato. Un po’ calorico però eh! inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Però mangiatelo senza troppi sensi di colpa, perché per quel che mi riguarda, il prossimo peccato di gola refrigerato sarà tra un anno :) Se invece state cercando qualcosa di fresco ma decisamente light, provate questo favoloso sorbetto all'ananas, io l'adoro! ;)  

Biscotto gelato gluten free
Preparazione: 90 minuti (più il riposo)
Cottura: 15/20 minuti
Ingredienti
Per i biscotti
(8 biscotti/4 gelati)
Farina di riso (meglio integrale): 100 g
Farina di nocciole: 70 g
Olio di semi di girasole estratto a freddo: 50 g
Burro di cacao: 20 g
Zucchero di canna integrale: 50 g
Lievito naturale vegan: 1 cucchiaino raso
Cacao in polvere: 1 cucchiaino
Sale: un pizzico
Per il gelato
Anacardi: 100 g
Bevanda vegetale: 300 g (di soia, o mandorla al naturale senza zucchero)
Estratto di vaniglia: 4 cucchaini
Malto di riso: 4/5 cucchiai
Olio di cocco: 1 cucchiaino
Cioccolato fondente: 35 g
Sale: un pizzico


Procedimento
Sciogliete il burro di cacao a bagnomaria e portatelo a temperatura ambiente. Impastate tutti gli ingredienti come per una frolla. L’impasto risulterà molto friabile. Posizionare un coppapasta del diametro ci circa 7,5 cm su della carta forno adagiata a sua volta su una placca del forno. Versate dentro il coppapasta circa due cucchiai di impasto, pressatelo bene con la punta delle dita, appiattitelo allo spessore di 4 mm circa e rendetelo uniforme. Togliete il coppapasta e procedete così con tutto l’impasto. Poi ponete i biscotti in frigo per qualche ora (io li ho lasciati una notte). Cuoceteli in forno a 175° per circa 22 minuti. Sfornateli e lasciateli raffreddare completamente senza toccarli (sono molto friabili)
Per il gelato: mettete in ammollo gli anacardi per 4 ore. Poi scolateli ed asciugateli. Intiepidite la bevanda di soia e scioglietevi il malto, unite anche la vaniglia, il pizzico di sale e l’olio di cocco. Ponete in un mixer gli anacardi e frullateli ad intermittenza fino a ridurli in una crema perfettamente liscia aiutandovi con qualche cucchiaio di bevanda vegetale. Quando il composto sarà perfettamente liscio, unitelo al resto del liquido, mescolate bene e ponete in freezer per qualche ora mescolando ogni tanto per mantenerlo cremoso (se il gelato dovesse indurire, ponetelo in un mixer e lavoratelo ad intermittenza rendendolo nuovamente cremoso)
Aggiungete al gelato il cioccolato tritato, distribuitelo abbondantemente sul biscotto, chiudete con il secondo e servite immediatamente.
Con questa ricetta auguro a tutti una splendida fine d'agosto. Un bacio a tutti e al prossimo post

venerdì 3 agosto 2018

Verdure ripiene vegan



Le verdure ripiene sono la mia passione, uno dei piatti estivi che preferisco, e la versione vegana non ha niente da invidiare a quella vegetariana, la presenza delle uova non è indispensabile per ottenere un risultato super. 
La versione di oggi è con le noci, potete anche ometterle e il piatto sarà comunque delizioso, l’importante come dico sempre è la qualità degli ingredienti, quindi il pane deve essere buono!  naturalmente anche il resto, ma il pane è fondamentale che lo sia. Così come importantissimo è non ridurlo ad una crema liscia usando il mixer, manteniamo sempre la sua struttura, tagliandolo a coltello, io faccio così ed il risultato mi piace.
Potete preparare insieme alle vostre verdure ripiene vegane anche la melanzana se vi piace, io stavolta non le avevo, però le ho usate nel ripieno.
Detto ciò, non c’è molto altro da aggiungere, se non che questo piatto è più buono il giorno dopo, e non so per voi, ma per me questa è sempre una buona notizia. Ed è delizioso sia appena tiepido che a temperatura ambiente, e che in questo periodo è di 40°, è un po’ come riscaldarle leggermente ;) 
Io comincio a mettere da parte il pane, non vedo l’ora di prepararle. L’estate non è veramente estate senza le verdure ripiene!
E se le verdure ripiene dopo questa ricetta diventassero la vostra passione :) potete provare anche queste 

Verdure ripiene vegan
Preparazione: 60 minuti
Cottura: 50 minuti circa 
Ingredienti
peperoni: 2
pomodori tondi: 3
zucchine tonde: 2
pane raffermo: 200 g
melanzane tonde: 1  grande
bevanda vegetale di di soia al naturale: 1 bicchiere circa
prezzemolo tritato: 2 cucchiai
aglio: 2 spicchi
capperi al sale: 2 cucchiai
noci: 30 g
basilico: 6 foglie
pomodoro San Marzano maturo: 1
pane grattugiato: qb (circa 2 cucchiai)
olio evo: qb
sale interale: qb
pepe: qb

Procedimento
Eliminate dal pane la crosta esterna, tagliatelo a pezzi e ponetelo in una terrina. Bagnatelo con il latte necessario ad ammorbidirlo senza inzupparlo troppo. Fate riposare qualche ora.
Lavate i capperi e lasciateli 1 ora in ammollo. Tritate le noci al coltello. Lavate e mondate le verdure, tagliate in due i peperoni eliminando semi e filamenti bianchi. Togliete la calotta ai pomodori e svuotateli di acqua e semi. Tagliate la calotta alle zucchine e togliete un po’ di polpa interna con lo scavino. Tritate la polpa e tenetela da parte. Tagliate a fette di 1 cm la melanzana e cospargete le fette di sale grosso. Ponetele in uno scolapasta con un peso sopra e lasciatele 1 ora. Poi sciacquatele ed asciugatele bene.
Tagliate a cubetti le melanzane e cuocetele in padella finché saranno dorate con tre cucchiai d’olio e uno spicchio d’aglio, pepate, fate raffreddare e poi tritate a coltello.
Tritate al coltello anche il pane ormai morbido in modo da sminuzzarlo bene. Aggiungete le melanzane, il prezzemolo, la polpa della zucchina, mezzo spicchio d’aglio tritato, le noci, il basilico spezzettato, i capperi tritati, aggiustate di sale e pepe e mescolate per amalgamare (se troppo morbido aggiungete un cucchiaio di pane grattugiato, io non l’ho messo)
Sbollentate le zucchine tonde per 3 minuti
In una teglia da forno ponete uno spicchio d’aglio, il pomodoro a pezzetti, un giro d’olio evo. Ponete nella teglia le verdure e riempitele con il composto. Aggiungete un giro d’olio evo, mezzo bicchiere d’acqua sul fondo della teglia e ponete in forno a 180° per circa 50 minuti (coperto per metà del tempo) Sfornate, fate raffreddare e gustate i peperoni tiepidi o freddi (sono migliori il giorno dopo.
Alcune annotazioni: a me piace mantenere le verdure sode, non mi piacciono spappolate e troppo cotte, però questo è assolutamente il mio gusto personale. Se preferite verdure molto morbide prolungate la cottura finché arrivano alla consistenza desiderata. Nel caso, se necessario, aggiungete un pò d’acqua nella teglia. E’ importante tritare al coltello pane e melanzane (non con il mixer) per non ridurre il ripieno ad una crema.
Un bacio a tutti, e al prossimo post