Lightbox Effect
Visualizzazione post con etichetta primi piatti vegani. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta primi piatti vegani. Mostra tutti i post

venerdì 4 maggio 2018

Tortelli di patate con pesto e fagiolini



E’ passato tanto tempo dall’ultimo post, ma in questo periodo ho poco tempo per cucinare e fotografare per il blog, sono impegnata con il lavoro e anche a dare una sistemata al mio umore, e sul secondo confesso di avere ancora tanta strada da fare. E’ un periodo molto difficile, sotto vari punti di vista e ahimè, tutto ne risente, ma, (c’è sempre un ma) siccome le passioni sono dure a morire, ogni tanto ricompaio con qualcosa di buono, il cibo è un ottimo complice che aiuta a stare meglio, cucinare scaccia i pensieri e mangiare mette di buonumore.
Quindi complice una giornata in cui avevo un po’ di tempo (non ricordo più quando è stata perché prima di fare il post i tortelli li ho congelati!) mi sono messa a fare questo piatto che avevo in mente da molto tempo.
Si sa che per la pasta ripiena ci vuole un po’, non starò a dirvi che è un piatto veloce perché non lo è. Vi dico però che è un piatto delizioso che vale la pena fare magari la domenica, o in qualche occasione speciale. Il pesto, insieme ai pomodori e’ tra le mie più grandi passioni estive, la pasta ripiena, che ve lo dico a fare? è irresistibile, mi ricorda il mio periodo bolognese, dove ho fatto scorpacciate di tortelli di zucca e tortelli con le erbette per il resto della vita.

E’ bastata un po’ di nostalgia, ed ecco qua i tortelli di patate al pesto. In attesa della prossima ricetta che non so ancora cosa sarà vi lascio come compito per casa questi tortelli, provateli, sono sicura che vi piaceranno. Se volete anche un’altra idea per preparare i tortelli, vi lascio anche questa ricetta, è primavera e le erbe spontanee abbondano, approfittiamone ;)

Tortelli di patate con pesto e fagiolini
per 4 persone

Per la pasta
Semola rimacinata: 200 g
Acqua tiepida: 100 g circa
Olio evo: ½ cucchiaio
Sale: una presa

Per il ripieno
Patate per gnocchi: 400 g
Prezzemolo fresco tritato: 1 cucchiaio
Erba cipollina fresca tritata: 1 cucchiaio
Semi di lino macinati sottili: 1 cucchiaio raso
Qb: sale e pepe

Per il pesto
Basilico fresco biologico: 1 mazzo
Pinoli: due cucchiai
Lievito alimentare: 1 o 2  cucchiaini
Olio evo: qb
Sale: qb

Fagiolini: una manciata

Procedimento

Preparate la pasta facendo la fontana sulla spianatoia, versate l’olio, il sale e l’acqua e cominciate ad impastare fino ad ottenere un panetto liscio e sodo. Chiudetelo con la pellicola e fatelo riposare un’ora.
Lessate le patate, fatele intiepidire, poi pelatele e schiacciatele. Aggiungete tutti gli ingredienti, mescolate bene e tenete da parte.
Preparate il pesto ponendo in un mixer il basilico (se volete mantenere il colore brillante sbollentatelo 30 secondi in acqua, poi mettetelo in acqua e ghiaccio, asciugatelo e procedete come al solito) e gli altri ingredienti, e riducetelo in una crema morbida.
Tirate la pasta sottile in strisce lunghe, ponete il ripieno in fila distanziando ogni cucchiaino di circa 8 cm, ripiegate la pasta sopra il ripieno, togliete il più possibile l’aria, sigillate bene i bordi e con una rotella dentata tagliate i tortelli. Poneteli in un vassoio cosparso di semola.
Lavate i fagiolini, cuoceteli in acqua bollente mantenendoli al dente, scolateli e tagliateli a pezzetti.

Cuocete i tortelli in acqua bollente salata per tre minuti circa, poneteli in una padella calda antiaderente, aggiungete due cucchiai di acqua di cottura, i fagiolini, il pesto e fateli saltare (ma non cuocete il pesto) fino a che saranno ben conditi. Servite subito

Un bacio a tutti e al prossimo post

giovedì 29 marzo 2018

Lasagne agli asparagi e zafferano



Sono in ritardissimo ma volevo lasciarvi la ricetta delle lasagne vegan, caso mai per Pasqua non abbiate ancora le idee chiare e siate alla ricerca di un piatto che possa fare felici tutti. Gli asparagi fanno primavera, e su questo siamo tutti d’accordo. Le lasagne fanno festa e anche su questo credo non ci siano dubbi. Quindi le lasagne agli asparagi sono perfette come piatto festoso primaverile. In effetti credo spopoleranno tra le ricette per Pasqua, ma che ci volete fare, qualche volta non abbiamo voglia di inventare niente di nuovo e vogliamo solo qualcosa di buono e che ci riporti ai pranzi in famiglia di quando eravamo bambini e tutto era così facile.  Almeno, adesso mi sembra così, magari allora non lo era, chissà, ma qualche volta cosa non darei per essere ancora piccola e avere qualcuno che pensa per me .Vabbè, in mancanza di questo mi consolo con le lasagne vegan agli asparagi, a cui per dare un tocco più allegro e un sapore un po’ diverso ho aggiunto lo zafferano. Che dite? Vi piace l’idea? E attendendo il sole vero e la primavera che dico io, vi lascio la ricetta ma vi faccio gli auguri nel prossimo post!

Lasagne agli asparagi e zafferano

Preparazione: 1 ora circa
Cottura: 25 minuti circa 

Pasta di semola: 300 g circa
Asparagi verdi: 900 g
Cipollotti: 3 piccoli (oppure un piccolo porro)
Bevanda di soia: 1 l Oppure d'avena (al naturale)
Farina di riso: 93 g
Olio evo: 90 g
Noce moscata: qb
Zafferano: 1 bustina
Olio evo: qb

Sale/pepe: qb


Procedimento
Lavate gli asparagi, eliminate la parte più dura finale, e pelate leggermente gli altri nella parte più bassa. Con le parti eliminate preparate un po’ di brodo. Sbollentate la pasta se necessario e stendetela su un canovaccio pulito.
Cuocete gli asparagi con l’apposito cestello o al vapore mantenendoli sodi, poi tenete da parte le punte e tagliateli a rondelle. Tenete da parte.  Affettate i cipollotti o il porro e farlo appassire in tre cucchiai d’olio evo. Aggiungete gli asparagi a rondelle e finite di cuocerli aggiungendo se necessario poco brodo agli asparagi. Alla fine aggiungete le punte tagliate a pezzi mantenendone qualcuna da parte per la decorazione. Quando gli asparagi sono cotti, passatene la metà al frullatore ad immersione per ottenere una crema non troppo omogenea.
Preparate la besciamella. Scaldate la bevanda vegetale sul fuoco con sale, pepe e noce moscata. Preparate il roux con la farina e l’olio (io le ho fatte light, quindi ne ho messo poco) Fuori dal fuoco versate il latte caldo poco alla volta mescolando con una frusta per eliminare i grumi. Portate a bollore e cuocete a fiamma dolce per 10 minuti. Alla fine aggiustate di sale e aggiungete lo zafferano. Mescolate bene e tenete da parte.
In una teglia, distribuite qualche cucchiaio di besciamella, poi disponete uno strato di pasta. Aggiungete la crema di asparagi, qualche cucchiaio di asparagi in pezzetti, la besciamella, e procedete così anche per lo strato successivo. Finite con uno strato di pasta, besciamella abbondante, decorate con le punte degli asparagi e passate in forno a 180° per 20 minuti. Fate gratinare cinque minuti e fate intiepidire prima di servire.
Un bacio a tutti e al prossimo post. Intanto cerco di capire perchè questo post è tutto disordinato, i caratteri sono tutti diversi e anche le spaziature! Ma ve l'ho detto che sto usando un nuovo computer no? :)