Lightbox Effect

giovedì 24 febbraio 2011

Boulgur al pesto di menta

la mia "ricetta per bene"


Bene, e dopo esserci consolate con un dolce ipercalorico e gratificante, sono qui per ricordarvi che non è sempre domenica (lo sapevate già? ma dai?) e vabbè, io ve lo dico lo stesso: "ragazze, non è sempre domenica" e quindi dopo il tripudio di cioccolato del post precedente oggi ci vuole proprio un pò di leggerezza.
Mugugni, sbuffi, occhi alzati al cielo. Eh lo so, io tutte queste cose le ho fatte prima di voi, che vi credete! Per decidere cosa postare oggi è stata tutta una serie di: questo no, questo no, questo no....Volete sapere cos'è che ho scartato? ma allora siete masochiste!
No no, da bravi, oggi pensiamo a qualcosa di sano.
E vi dice bene perchè mi limiterò ad una ricetta salutare e non peggiorerò le cose tentando magari di spiegarvi qualche esercizio ginnico da abbinare alla dieta.
Voi non mi vedete, ma io rido da sola, anzi, proprio mi sbellico dalle risate, io che insegno un esercizio ginnico! Sarei più brava ad impartire lezioni di aramaico antico (e vi dico che non l'ho mai studiato, l'avevate capito?)
Vabbè, era per rendere il concetto, che però potrei esplicare così: Viola sta allo sport come un gatto all' ora del bagnetto....non so se avete presente.
Ok, lo sport non mi piace tantissimo e sto sempre aspettando che la passione nasca dentro di me da un giorno all'altro, però intanto che aspetto questo momento mangio sano e questo invece mi piace. E non ho fatto fatica a trovare un piatto che potesse andare bene per la raccolta di Sonia. Mangio spessissimo il bourgul, che alterno a farro, cous cous, verdure di ogni tipo, riso integrale e pasta, pochissima carne. Trasgredisco magari con i dolci, ma che ci volete fare, l'aureola ancora non la vedo, posso cedere a qualche tentazione!
Quella di oggi è solo una variante del boulgur al pesto e pomodorini che d'estate a casa mia va alla grande.
Pesto anche stavolta, si, ma di mandorle e menta....abbinato a piselli e zucchine mi piace moltissimo. Non bisogna certo rinunciare al gusto per mangiare bene, basta abituarsi alle cose sane e si comincerà ad apprezzare il vero sapore del cibo, quello buono anche così, senza il bisogno di aggiungerci tante cose.
La ricetta è per partecipare alla raccolta di Sonia, "un contest per bene" in collaborazione con Illa for people e A.P.E onlus, due realtà unitesi per diffondere informazioni su una malattia, l'endometriosi, non abbastanza conosciuta ma di cui soffrono invece molte donne.
Anche per combattere l'endometriosi, così come per prevenire e curare moltre altre patologie, l'alimentazione è importantissima. 
La mia ricetta è molto semplice e potete scegliere tra la versione calda o fredda. Basta seguire due diversi sistemi di cottura del boulgur et voilà, un piatto quasi quattro stagioni....facciamo tre và e non se ne parla più.

Boulgur al pesto di menta e mandorle

Ingredienti
Per due persone

boulgur: un bicchiere e mezzo
piselli (io surgelati): 1 bicchiere
zucchina: 1
menta: una manciata abbondante
basilico: una manciata scarsa
mandorle dolci pelate: una manciata scarsa
olio evo: qb
aglio: uno spicchio
sale: qb
succo di limone: a piacere

Procedimento

Cuocere il boulgur: sostanzialmente i sistemi sono tre: 
il primo è quello di cuocerlo come si fa con il riso bollito, cioè in acqua bollente salata, dopodichè si scola e si blocca la cottura con l'acqua fredda. Poi si sgrana bene e si condisce a piacere, come un'insalata di riso.
Il secondo metodo è quello di cuocerlo in una pentola a fuoco bassissimo, dopo averlo coperto d'acqua fredda (la quantità d'acqua dev'essere pari al doppio del volume del boulgur, quindi per un bicchiere e mezzo ce ne vanno tre d'acqua, questo indicativamente, io ne metto sempre un pò meno. Questa seconda cottura è bene farla segiure ad una leggera tostatura del boulgur in padella, come per il riso sostanzialmente quando si fa il risotto. Serve per riuscire a sgranarlo meglio alla fine della cottura. Lasciare cuocere il boulgur fino al quasi totale assorbimento dell'acqua ( ci vorrà non più di un quarto d'ora) Poi lasciare riposare coperto per dieci minuti, e infine sgranare bene.
Il terzo sistema è quello di procedere come se si trattasse di un normale risotto, anche in questo caso è sempre bene la tostatura iniziale.
Io normalmente seguo il primo o il secondo metodo, a seconda che voglia ottenere un piatto freddo (nel primo caso) o caldo (nel secondo caso)
Se avete scelto il primo sistema, tenete il boulgur raffreddato e sgranato da parte pronto ad essere condito. Se avete scelto il secondo sistema, finchè il boulgur riposa, preparate un pesto morbido riunendo in un mortaio il basilico, la menta, le mandorle pestando bene e aggiungendo pian piano anche l'olio d'oliva. Se preferite, usate un mixer aggiungendo agli altri ingredienti l'olio a filo. Aggiungete al pesto anche due cucchiai dell'acqua di cottura del boulgur.
In una padella fate saltare poco olio con un pò d'aglio, aggiungete la zucchina tagliata a dadini e fatela saltare pochi minuti mentenendola croccante, insieme anche ai piselli e ad un pò di sale. Eliminate l'aglio. Condite il bulghur con il pesto di menta e alla fine aggiungete le verdure saltate ma ancora croccanti. Se vi piace unite qualche goccia di succo di limone fresco. Servire tiepido o freddo

Bene, eccoci alla fine del post.  Questo piatto l'ho preparato al volo, testimonianza del fatto che è abbastanza veloce da fare, però per la perfezione ci vorrebbe un pò di calma..... Mi raccomando, non fate come me oggi, voi il boulgur sgranatelo con pazienza.....
Un bacio a tutti e al prossimo post