Lightbox Effect

lunedì 27 giugno 2011

Crocchette di patate

...ma con la feta


Crocchette di patate

Non so alla tradizione di quale regione appartenga questo piatto. Io però ci sono molto legata. A Venezia brulicano i "bacari", osterie dove è tradizione bere l'ombra con qualche cicchetto prima di pranzo o di cena, che poi altro non sono che stuzzichini, la polpetta di carne o di pesce, il polipetto bollito, il crostino di baccalà mantecato e molti altri, accompagnati da uno o più bicchieri di vino (spesso più! )
Ma quest'abitudine è diffusa anche nell'entroterra, soprattutto nei bar di paese, le antiche osterie per intenderci.
E malgrado da tempo non osservi più questo rito, il ricordo delle domeniche mattina quando mio padre o mio nonno mi portavano a cicchetti esiste ed è vivido più che mai! Inutile dire quale fosse il mio cicchetto preferito, sennò che senso avrebbe quest' incipit a questo post? Si si erano proprio le crocchette di patate, ed è con questo ricordo che partecipo al contest della dolcissima Imma.
Ho rivisitato un pò la ricetta arricchendo le crocchette con erbe aromatiche e feta. Gli anni sono passati e i gusti si sono evoluti....Il profumo delle erbe aromatiche associate alla feta sono molto presenti nella mia cucina, perciò ho riadattato un classico al mio gusto personale!
E dato che ci sono, perchè non mandarla anche ad Ornella per la sua raccolta sulla Feta?....chissà che anche lei, da Veneta trapiantata in Grecia non apprezzi questo nuovo connubio....Provale Ornella, con l'olezzo di fritto che si leverà nella tua cucina ti sembrerà di essere a Venezia tra calli e bacari.... se mai ti venisse un pò di nostalgia ;-) Invece tu cara Imma, se mai ci fossi stata a bacari potresti fartene un'idea.....Ecco, la feta magari nei bacari non c'è, ma l'olezzo è proprio lo stesso...parola!


Ingredienti
patate medie: 3
uova: 2
erbe aromatiche tritate: due cucchiai
fiori di zucca: qualcuno
feta: qb
sale: qb
farina: qb
pane grattugiato: qb
olio per friggere: qb


Procedimento
Lessare le patate con la buccia, poi pelarle e passarle allo schiaccia patate. Farle raffreddare un pò. In una ciotola unire alle patate le erbe aromatiche fresche sminuzzate (erba cipollina, basilico, timo, menta) e anche i fiori di zucca tagliati a listarelle sottili. Unire l'uovo, il sale e mescolare bene. Prendere un pò d'impasto e allargarlo sul palmo della mano, inserire al centro qualche pezzetto di feta, richiudere la crocchetta dandole forma cilindrica e facendo in modo che il formaggio rimanga al centro. Procedere così fino ad esaurire il composto di patate. In una ciotola sbattere leggermente l'uovo rimasto, in un piatto mettere il pane grattugiato. Passare ogni crocchetta prima nel'uovo sbattuto e poi nel pangrattato. Friggere in olio caldo (circa 170°C) le crocchette tre/quattro alla volta. Scolarle metterle su carta assorbente a perdere l'olio in eccesso.
Se avanza qualche fiore di zucca si può preparare una pastella con farina, un uovo, acqua freddissima e un pò di birra ( se vi ispira il metodo del tempura guardate qui) Immergere i fiori nella pastella e friggerli nell'olio caldo.
Servire le crocchette tiepide o fredde accompagnate dai fiori in pastella.


Alcune annotazioni: ho aggiunto all'impasto i fiori di zucca, ma le crocchette sono buonissime anche senza, l'importante sono le erbe aromatiche in abbinamento alla feta. 


Con questa ricetta partecipo al contest di Imma "La perla della cucina italiana"


E al contest di Ornella "Feta, scopriamola assieme"


Con queste crocchette vi auguro un buon inizio settimana. Non mangiatene troppe però, mi raccomado...col fritto è bene non esagerare. Un bacio a tutti e al prossimo post.