Lightbox Effect

lunedì 4 luglio 2011

Gazpacho

direttamente dalle dune

Gazpacho


Oggi non vi racconterò di come mi sono innamorata del Gazpacho durante uno dei miei viaggi in Spagna, nè di come abbia poi cercato di riprodurlo pari pari una volta a casa.
La ricetta di oggi infatti l'ho proprio copiata.
Sono andata dall' Arabafelice e dopo notti insonni per non saper quale ricetta riprodurre tra le tante che avrei voluto provare, alla fine ho scelto questo piatto che sapevo per certo mi sarebbe piaciuto moltissimo. Ed infatti è assolutamente nelle mie corde. Il sapore dei pomodori d'estate per me non ha eguali e me ne sono innamorata all'istante. Mi sono solo pentita di averne fatto poco.
Ho ingenuamente pensato che la dose per quattro persone mi sarebbe bastata. Dopotutto ero da sola! E invece no, meglio farne di più per non rimanere delusi quando si comincia ad intravedere il fondo del piatto, la prossima voltà sarò previdente.
E siccome come ho già raccontato in un altro post l'indole non si cambia, avendo io una certa propensione per la vita spericolata, partecipo al Giveaway di Stefania sperando di vincere il cannello da pasticceria.....L'idea di maneggiare una specie di fiamma ossidrica in miniatura fa tanto Flashdance non vi sembra? Con lei che fa la saldatrice prima di sfondare come ballerina.....
Si si, mi piace l'idea! Ok, ballerina non diventerò e questo è certo, ma non mettiamo limiti alla provvidenza!
La ricetta l'ho presa pari pari e la riporto così, senza nessuna variazione, l'ho  trovata perfetta!

Gazpacho


Ingredienti
pomodori maturi: 800 gr
cetrioli: 1
pane: due fette, oppure un panino
aceto bianco: 3 cucchiai circa
cipollotto: uno, (o cipolla bianca)
peperone rosso: mezzo
olio extravergine: 5 cucchiai circa
acqua fredda: qb
sale, pepe: qb

Procedimento
Tagliare il pane in pezzi, bagnarlo con poco aceto bianco e lasciarlo da parte.
Tuffare i pomodori in acqua bollente per un minuto.
Scolarli subito e spellarli. Aprirli in due, togliere i semi, e tagliarli in pezzi grossolani.
Nel bicchiere del frullatore versare i pomodori, il pane, il cetriolo sbucciato, mezzo peperone crudo, un cipollotto o un pezzetto di cipolla, sale, pepe e fare andare alla massima velocità fino ad ottenere un composto perfettamente liscio.
Aggiungere tanta acqua freddissima quanto basta per raggiungere la consistenza desiderata. Aggiungere 5 o 6 cucchiai di olio extravergine d'oliva, aggiustare di sale e tenere in frigo.
Servire freddissimo, dopo almeno un paio d'ore di riposo in frigo, arricchito da cetrioli a cubetti o semplici crostini, o accompagnato da tante ciotoline con anche peperoni tagliati piccolissimi, dadini di pomodoro, o di cipolla, di cui ciascuno si servirà a piacere.
Volendo, il gazpacho può essere passato ad un colino a maglie non troppo fitte, per ottenere una crema perfetta. Come anche Stefania, anch'io lo preferisco più grossolano e abbastanza denso.
Fatelo perchè è veramente buonissimo. E' finito dritto dritto tra i miei piatti preferiti per l'estate. Ma Stefania si sa, è una garanzia, perciò non avevo dubbi.
Con il Gazpacho partecipo al giveaway di Stefania del blog Arabafelice in cucina 


A tutti auguro un buon lunedì. Baci e al prossimo post.