Lightbox Effect

lunedì 14 novembre 2011

Spaghetti di soia piccanti



Sapete che sono rimasta molto sorpresa leggendo i vostri commenti all'ultimo post? Non avevo idea che molti non avesero mai provato lo tzatziki! Sarà che a casa mia non manca mai e quindi lo pensavo popolarissimo ovunque, invece con grande sorpresa scopro che non è così.
Allora oggi vediamo come vaq con gli spaghetti di soia piccanti. Piatto che mi piace moltissimo e che anni addietro mangiavo spessissimo. Poi ho smasso di frequentare i ristoranti cinesi e per un pò degli spaghetti di soia non seppi più nulla, fino a quando scoprii che si possono fare anche a casa. Da allora ogni tanto me li preparo. Sono veramente velocissimi e permettono anche di mangiare qualcosa di alternativo alla pasta o al riso. Poi si possono fare mille varianti, seguendo anche la stagionalità degli ingredienti, ma io resto fedele a quelli con peperoni e seitan piccantissimi.
La versione con altre verdure la riservo per gli spaghetti di riso che magari prima o poi posterò.
Intanto vi lascio questi che sono sicurissima conoscerete tutti!Ottimi per un pranzo veloce, ma anche se volete cimentarvi in una cena orientale. 


Ingredienti

spaghetti di soia: una confezione
macinato di seitan: 100 gr circa (facoltativo)
peperoni: 1/4 verde, 1/4 rosso
cipollotto: uno
salsa di soia: qb
olio di sesamo: qb
olio evo: qb
zenzero fresco: una fettina
aglio: uno spicchio
peperoncino: a piacere

Procedimento

In un wok, saltare lo zenzero, l'aglio e il peperoncino in un pò d'olio di sesamo, poi aggiungere il macinato di seitan, un pò di sale e lasciar cuocere. Tenere da parte.
Affettare sottilmente il cipollotto e saltarlo in un pò d'olio evo, aggiungere anche i peperoni tagliati a cubetti molto piccoli e ancora peperoncino.
Portare ad ebollizione dell'acqua poi spegnere, togliere dal fuoco buttare gli spaghetti e lasciarli per circa quattro minuti (o secondo le indicazioni riportate sulla confezione.
Trascorso il tempo scolarli  e passarli sotto l'acqua. Saltarli nel wok insieme alle verdure e al seitan aggiungendo salsa di soia a piacere fino a raggiungere la sapidità desiderata.
Attenzione a non salare troppo gli ingredienti in quanto la salsa di soia è molto sapida. Servire caldi.

Alcune annotazioni: le dosi sono indicative, io mi regolo ad occhio e a seconda del gusto. Il seitan può essere omesso

Con questa ricetta vi auguro un buon lunedì. Baci a tutti e al prossimo post.